Geek Culture

La storia segreta dei fumetti underground di Seattle, raccontata dagli artisti che erano lì

Un gruppo di artisti e fumettisti locali si è riunito all'Emerald City Comic Con di quest'anno per discutere la storia della scena dei fumetti underground di Seattle, dalle sue origini alla fine degli anni '80 a come appare oggi.
L'autore, giornalista e professore dell'Università di Washington Rob Salkowitz ha moderato una discussione che ha visto la partecipazione di Megan Kelso, un'artista con sede a Seattle; Kelly Froh, fumettista e co-creatrice dello Short Run Comix Festival; ed Eric Reynolds, co-editore dell'etichetta indipendente di fumetti Fantagraphics a Georgetown.
La leggendaria fumettista di Washington Roberta Gregory e Marc Palm di Mad Magazine erano originariamente programmati per partecipare al panel, ma sono stati costretti a rimanere a casa a causa del contagio del COVID.
Invece, Gregory ha inviato un videomessaggio registrato al panel, per condividere alcuni ricordi del suo tempo come creatrice di fumetti nella comunità di Seattle.
Negli anni '70 e '80, Seattle era già una grande città per i fumetti americani, grazie alla presenza di creatori come Peter Bagge, Jim Woodring, Lynda Barry e un giovane Matt Groening.
Il punto di svolta, secondo Gregory, arrivò quando Gary Groth e Kim Thompson trasferirono la sede della Fantagraphics a Seattle da Los Angeles.
Fantagraphics è una pietra miliare del fumetto americano indipendente dal 1976, pubblicando titoli cult come Acme Novelty Library, Hip Hop Family Tree e Love and Rockets.
È noto anche per la localizzazione dei fumetti europei per il pubblico americano, per la sua etichetta erotica Eros Comix e per le sue raccolte con copertina rigida di strisce di giornali classici come Peanuts, Nancy e Krazy Kat.
"Gran parte del grande boom dei fumetti a Seattle è avvenuto quando Fantagraphics è arrivata in città", ha detto Gregory.
“Nel 1989, Seattle aveva una propria scena di fumetti.
C’era un giornale scandalistico, il Seattle Star, che pubblicava fumetti, e Comics F/X, pubblicato da Edd Vick, un giornale scandalistico con fumetti, interviste ad artisti locali e pubblicità per i loro fumetti.
Gregory si trasferì a Seattle nello stesso periodo della Fantagraphics, nel 1989, e trovò lavoro per l'azienda.
Successivamente ha pubblicato la sua antologia Naughty Bits attraverso Fantagraphics dal 1991 al 2004.
"C'erano molte cose da fare", ha detto.
“All’epoca vivevo a Los Angeles e le cose stavano diventando costose.
Seattle sembrava un posto dove si poteva avere un’alta qualità di vita con un reddito minimo.
La gente si trasferiva a Seattle solo per essere coinvolta nella scena dei fumetti.
Quella scena è stata creata da quella che Kelso chiamava una “tempesta perfetta”.
All'inizio degli anni '90, Seattle comprendeva diversi editori di piccole dimensioni oltre a Fantagraphics, come Sasquatch Books; giornali e riviste alternativi come Star, Rocket e Stranger, che pubblicavano tutti fumetti di fumettisti della zona; e la crescente comunità musicale, che spesso assumeva gente del posto per disegnare o dipingere le copertine degli album.
"Mentre ciò accadeva negli anni '90, c'era la consapevolezza che [Seattle] fosse un posto speciale per i fumetti", ha detto Salkowitz.
La scena di Seattle era alimentata da eventi regolari della comunità, come "Friends of the Nib" di Woodring e Bob Rini e la jam mensile di fumetti Dune, che si teneva il terzo martedì di ogni mese al Café Racer a Ballard.
Gli organizzatori di Dune raccoglievano i disegni creati ogni mese a Dune e li assemblavano in un mini-fumetto, che sarebbe stato distribuito ai partecipanti alla jam successiva.
La Dune Comics Jam è riuscita a sopravvivere a molteplici sconvolgimenti nel corso degli anni, come una sparatoria di massa al Café Racer nel 2012, ma deve ancora riunirsi ufficialmente dopo il blocco del COVID nel 2020.
Continua come gruppo Facebook, ma secondo Froh, è È stato difficile convincere tutte le parti a concordare un luogo fisico per il risveglio.
Molti artisti a Seattle, dagli anni '90 fino ad oggi, hanno pubblicato brevi fanzine autopubblicate.
Senza un facile accesso alla stampa a colori economica, la maggior parte di quelle zine dei primi anni '90 erano in bianco e nero e spesso realizzate con una fotocopiatrice.
Un utile esempio del periodo è la fanzine musicale di Seattle Backlash di Dawn Anderson.
"C'erano molte persone che facevano zine a Olympia a quel punto", ha detto Kelso.
"L'idea delle copie self-service era piuttosto nuova allora, quindi tutte le ragazze della zine mi hanno fatto capire.
'Puoi semplicemente entrare e fare tutto da solo.' È così che ho realizzato il mio primo fumetto.
Kelso successivamente ricevette una sovvenzione dalla Xeric Foundation, che era stata creata e gestita da Peter Laird, co-creatore delle Tartarughe Ninja.
Ciò le ha permesso di autopubblicare sei numeri del suo fumetto Girlhero.
Da allora, ha pubblicato molti altri libri tramite Fantagraphics e ha creato un murale, "Crow Commute", per la Climate Pledge Arena di Seattle.
Negli anni 2000, sia Seattle che la sua comunità di fumetti iniziarono a cambiare, a causa dell’afflusso di denaro dal settore tecnologico recentemente dominante, delle nuove innovazioni nella stampa a colori e della crescente importanza di Internet.
Alcuni dei membri principali della comunità successivamente lasciarono la città o lo stato.
Peter Bagge si trasferì a Tacoma, mentre Jim Woodring si trasferì a Vashon Island.
Kelso lasciò Seattle per New York nel 2001 e ritornò sei anni dopo in una città che riconosceva a malapena.
"La posta in gioco bassa rappresentava gran parte della comunità [dei fumetti]", ha detto Reynolds.
“L'hai visto davvero nella scena musicale, dove i soldi hanno davvero cambiato le cose.
Non penso che i soldi abbiano cambiato i fumetti, tanto quanto i soldi che sono arrivati alla città hanno cambiato la cultura di tutti noi”.
“Per portare il tutto al presente”, ha continuato, “è notevole come la città abbia ancora una delle comunità di fumetti più vivaci in circolazione.
È riuscito a sopravvivere in un modo piuttosto interessante, perché a detta di tutti non avrebbe dovuto.
Nel 2024, quella comunità di Seattle sarà costruita attorno a strutture locali come la Fantagraphics Bookstore & Gallery in South Vale Street, insieme a pubblicazioni come Intruder, una raccolta trimestrale gratuita aperta esclusivamente ai contributori con sede a Seattle.
I nuovi artisti possono visitare Paper Press Punch a Georgetown per scambi regolari di fanzine e stampe potenzialmente gratuite.
"Se ti trasferisci in città e non sai da dove cominciare, vai [al Fantagraphics Bookstore] e parla con Larry Reid, il curatore/manager", ha detto Froh.
"Ti dirà la prossima cosa che sa che sta accadendo nella scena dei fumetti e ti aiuterà a raggiungere il tuo obiettivo." Froh gestisce anche la mostra Short Run, che tornerà al Fisher Pavilion presso il Seattle Center il 2 novembre.
Si tratta di un evento gratuito di un giorno dedicato all'arte e ai fumetti di creatori locali di Seattle e Portland.
Froh ha co-fondato Short Run con Eroyn Franklin, Martine Workman e Jenny Gialenes nel 2011.
"Sono molto orgoglioso di come [Short Run] ha portato alla luce quanti artisti di fumetti abbiamo ancora qui", ha detto Froh.
"Cerco davvero di portare con noi quante più persone con qualsiasi tipo di posizione nella storia dei fumetti di Seattle e che nuovi artisti pop continuino ad arrivare." La giuria ha convenuto, alla fine, che, sebbene la comunità dei fumetti di Seattle non sembri la stessa nel 2024, sta lavorando duramente per restare.
"Sono di Seattle", ha detto Kelso.
“Sono un irriducibile abitante di Seattle.
Dovranno trascinarmi scalciando e urlando…
Adesso insegno un corso di fumetto alla Hugo House, e l'unica cosa che continuo a sentire dai miei studenti è 'Come faccio a trovare una comunità?'" "Bene, inizia con Short Run ”, ha continuato.
“Vai alla libreria Fantagraphics.
Stampa i tuoi fumetti su Paper Press Punch.
Ci sono tutti questi piccoli luoghi e comunità interconnessi.
Ci preoccupiamo dell’anima di Seattle e del futuro di Seattle, ma teniamo duro”.
"Tutti in questa stanza sanno cosa sono i fumetti alternativi, ma la cosa migliore che ognuno di voi può fare è raggiungere le persone nella vostra vita che non leggono fumetti", ha detto Froh.
“Dobbiamo avere più tifosi.
Se vogliamo la sopravvivenza delle arti e della cultura, dobbiamo impegnarci”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d