Tech

Questo investitore di Seattle è passato da Google all'Africa fino a una grande uscita ed è tornato a casa a investire in startup

L'interesse di Andrew Peterson per la tecnologia è iniziato a Seattle quando era un giovane collaboratore del laboratorio informatico della sua scuola elementare, proprio mentre Internet stava proliferando.
Diversi decenni dopo, dopo un periodo con Google, un lavoro nel settore tecnologico in Tanzania e l’uscita da una startup da 825 milioni di dollari, Peterson si ritrova a casa, sull’orlo di un altro grande cambiamento tecnologico.
L’imprenditore diventato investitore è alla guida di Aviso Ventures, un fondo di venture capital fondato lo scorso anno che sostiene le start-up di software infrastrutturale e aziendale in fase iniziale.
Nel 2013, Peterson e il suo ex collega di Etsy Nick Galbreath hanno co-fondato Signal Sciences, una società di sicurezza informatica acquisita da Fastly nel 2020.
I due hanno avviato gli investimenti angelici dopo la loro grande uscita e in seguito hanno deciso di trasformare il flusso di affari in un fondo ufficiale – e quindi Nasce Aviso.
L’azienda ha raccolto 7 milioni di dollari e ha investito in quasi 30 startup, tra cui alcune nella regione di Seattle come Protect AI e Privacy Dynamics.
Aviso investe in tutto il Nord America.
Ma avere operatori sul campo a Seattle è un vantaggio data la densità di talenti ingegneristici nella regione.
"C'è così tanta energia e talento repressi qui, soprattutto nelle aree noiose che mi piacciono: aziende B2B, software per infrastrutture", ha affermato Peterson.
Dopo essersi diplomato alla Shorewood High School nel nord di Seattle e aver completato gli studi universitari a Stanford, Peterson ha trascorso tre anni in Google dal 2006 al 2009.
Si è poi trasferito dall'altra parte del mondo per lavorare per la Fondazione Clinton in Africa, dove ha aiutato gli operatori sanitari ad adottare nuovi strumenti di dati che hanno supportato centinaia di migliaia di persone nelle zone rurali della Tanzania.
È tornato negli Stati Uniti ed è stato manager presso il gigante del mercato Etsy, prima di lanciare Signal Sciences con Galbreath a Los Angeles.
I fondatori di Aviso stanno utilizzando la loro esperienza come operatori di software di sicurezza aziendale per prendere decisioni informate sugli investimenti e aiutare i fondatori nel loro portafoglio a navigare in un mondo del software che continua ad evolversi.
Aviso significa “consiglio” in spagnolo.
"Ci piace pensare che possiamo dare a queste squadre un vantaggio competitivo grazie alla nostra esperienza", ha detto Peterson.
Peterson vede molti spazi verdi per le start-up aziendali poiché le aziende richiedono più software per gestire le proprie attività, in particolare quelle che non sono considerate “tecnologiche”, come le case automobilistiche o i rivenditori di abbigliamento.
“La quantità di bisogni di queste aziende è enorme”, ha affermato.
I recenti progressi nell’intelligenza artificiale e l’accesso a nuovi strumenti di automazione stanno fornendo ulteriori vantaggi al settore del software aziendale.
Ma non è ancora chiaro se e quando l’hype si trasformerà in una significativa creazione di valore.
"Ho notato che se hai l'intelligenza artificiale in prima linea nella tua azienda, mi distraggo", ha scritto Peterson in un recente post su LinkedIn.
“Non mi interessa se l’intelligenza artificiale è il modo in cui ottieni valore aziendale per i tuoi clienti.
Ma mi interessa il valore che aggiungi, il mercato che persegui e la differenziazione che hai rispetto alla concorrenza.
Peterson ha affermato di comprendere il dilemma che gli imprenditori devono affrontare quando devono capire come adattarsi ai cicli di hype.
Lui e Galbreath hanno intrapreso azioni simili quando “Big Data” o “DevOps” hanno preso piede mentre costruivano la propria startup di software.
“Potrebbe essere AI o potrebbe non essere AI”, ha detto Peterson.
"Ma quello che mi interessa è: stai creando valore nelle tue soluzioni per i tuoi clienti?"

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d