Il campo di sviluppo del gioco per ragazze spera di ribaltare la scala per le donne nel settore dei videogiochi

Alla fine di luglio, oltre 50 ragazze della zona di Seattle hanno realizzato qualcosa che la maggior parte dei bambini non fa: hanno completato un prototipo funzionante di un videogioco originale in tre settimane.
Lo hanno fatto nell'ambito della serie di campi Girls Make Games, che dal 2014 hanno raggiunto le 6.000 ragazze in 61 città in tutto il mondo.
Girls Make Games è stata fondata dal duo marito-moglie Ish Syed e Laila Shabir, un nativo pakistano che è venuto a gli Stati Uniti nel 2005 per studiare al MIT.
Durante gli studi e dopo la laurea, Shabir ha visto una disparità tra il numero di ragazze che giocano e il numero di ragazze che le producono.
Questo le ha dato l'ispirazione per creare campi specifici per le ragazze dove potevano esprimere le loro idee senza il giudizio o gli stereotipi di genere che possono venire dai campi co-ed.
"All'inizio ero un po 'terrorizzato", ha detto Katherine, una quindicenne che ha partecipato al campo di quest'anno a Seattle.
"In realtà ho imparato più di quanto mi aspettassi e penso che abbiamo realizzato molto di più di quanto pensassi di poter avere nelle tre settimane che abbiamo avuto." Katherine e il suo team hanno realizzato un gioco chiamato Splintered Memories, in cui Lilith, il personaggio del giocatore, deve entrare nei sogni degli altri per raccogliere pezzi dell'anima del suo mentore.
Katherine si occupava principalmente della codifica del progetto.
"Ho adorato la programmazione", ha detto.
"Questa è stata la mia parte preferita, facendo la programmazione e la programmazione per il nostro gioco." Il campo ha avuto un impatto così positivo su Katherine che ora sta prendendo in considerazione la possibilità di perseguire una carriera nel settore, che alla fine è l'obiettivo di Girls Make Games.
Anche le scuole della zona di Seattle, tra cui DigiPen e l'Accademia di arte interattiva, stanno lavorando per ottenere più donne dietro le quinte che creano giochi invece di giocarci.
Ma c'è ancora molta strada da fare.
Secondo il rapporto annuale sullo stato dell'industria pubblicato dalla Game Developers Conference e da The Developer Satisfaction Survey condotto dall'International Game Developers Association, il numero di donne che lavorano nel settore ha raggiunto il 20% circa nel 2016 e da allora non si è più mosso.
Questo è in netto contrasto con la percentuale di donne che giocano: il 46%, secondo Entertainment Software Association.
Uno dei motivi del numero stagnante di donne sviluppatrici può essere dovuto alla mancanza di educazione sulle opportunità all'interno del settore, secondo Shabir.
"L'istruzione è il singolo catalizzatore più efficace per il cambiamento sociale, sia a livello individuale che a livello di comunità", ha affermato.
"Autorizziamo le ragazze con gli strumenti e le conoscenze per creare i propri giochi e mostrare loro che esiste più di un percorso verso l'industria".
Ma recentemente le accuse di molestie e aggressioni sessuali di alto profilo durante lo sviluppo del gioco hanno messo il settore al centro dell'attenzione.
.
Proprio il mese scorso, ad esempio, un certo numero di donne è sceso su Twitter per condividere le accuse di aggressione nel settore.
"Quest'anno è stato un anno importante per l'industria dei giochi che ha mostrato i suoi veri colori e mi ha lasciato molto deluso e pessimista riguardo al mio possibile futuro nei giochi", ha dichiarato Kat Baird, una studentessa di DigiPen.
L'anno scorso, un giornalista investigativo ha scoperto una serie di problemi ai Riot Games, con sede nella California meridionale, il che ha portato a uno sguardo più da vicino a come il sessismo pervasivo sia nell'industria in generale.
Questi eventi stanno iniziando a mettere in pausa quelli che stavano cercando di entrare nel settore.
C'è anche un crescente contraccolpo contro le donne che parlano, simile alla situazione di Gamergate del 2014, che ha comportato molestie su vasta scala – e in alcuni casi minacce di morte – a una varietà di donne nel settore dei giochi.
"Una delle maggiori sfide per le donne nel settore dei giochi è quando si trovano di fronte a un posto di lavoro ostile e sessista che non riconosce che è (o non gli interessa.) Per molte ragioni, può essere pericoloso e instabile, "Ha dichiarato Sarah Belhumeur, un'artista di giochi locale e co-fondatrice di The Diversity Collective all'interno dell'organizzazione delle Indie di Seattle.
Belhumeur, tuttavia, rimane ottimista.
"Il cambiamento sta accadendo", ha detto.
“Ho visto grandi aziende stabilire iniziative sulla diversità per la prima volta.
Gran parte di questo cambiamento richiede che i sistemi esistenti riconoscano che c'è un problema e iniziano a creare piani attuabili per invertire i pregiudizi, supportare la crescita della diversità ed essere più inclusivi.
"Belhumeur ha anche affermato che i gruppi di sostegno per le minoranze del settore possono essere la chiave per convincere le donne non solo ad entrare nel settore, ma a rimanere una volta arrivati lì.
"È difficile sentirsi come se non appartenessi o come se dovessi cambiare chi devi adattare a una cultura tossica", ha detto.
"La cosa da asporto da ciò dovrebbe essere che appartieni, sei valido e hai il supporto di ogni altra donna nei giochi che ti incoraggiano." Shabir concordò con Belhumeur.
“Eleviamo e celebriamo i modelli di ruolo.
Mettiamo insieme queste ragazze, quindi sono convalidate in quello che sono – ragazze che amano giocare e fare giochi ", ha detto.
Per saperne di più su Girls Make Games, consulta questo documentario sul programma di seguito.

Commenti

commenti