Civic

Il think tank conservatore chiede alla Corte Suprema degli Stati Uniti di annullare l’imposta sulle plusvalenze dello stato di Washington

Gli oppositori dell’imposta sulle plusvalenze nello stato di Washington non si arrendono.
Lunedì il think tank conservatore Freedom Foundation ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di esaminare un appello in un altro tentativo di ribaltare la nuova legge statale sull'imposta sulle plusvalenze.
Nella sua petizione per certiorari, chiedendo alla Corte Suprema degli Stati Uniti di rivedere la sentenza di un tribunale di grado inferiore, la Freedom Foundation ha affermato che la tassa avrà implicazioni federali perché presumibilmente viola la legge che impedisce agli stati di regolamentare il commercio interstatale.
L’imposta sulle plusvalenze ha suscitato polemiche nel settore tecnologico perché prende di mira le azioni, una parte fondamentale del compenso di molti fondatori di startup e dei loro dipendenti.
Alcuni leader aziendali hanno affermato che la nuova legge spingerebbe le imprese fuori dallo Stato di Washington, in particolare con l’adozione del lavoro a distanza durante la pandemia.
I sostenitori affermano che la tassa è un modo con cui le leggi fiscali regressive di Washington possono essere modificate per aiutare i lavoratori a basso salario e livellare il campo di gioco per le persone di colore e le comunità rurali che sono sovrarappresentate nelle fasce di reddito basso.
La Freedom Foundation, con sede a Olympia, Washington, afferma che l'imposta sulle plusvalenze potrebbe applicarsi alla vendita di beni detenuti in altri stati da residenti di Washington.
"Se questo caso fosse stato esaminato da un tribunale federale invece che da un tribunale statale, sarebbe già stato respinto", ha detto in una nota Eric Stahlfeld, capo consulente legale della Freedom Foundation.
“Viola la clausola commerciale 'dormiente'.
Gli stati semplicemente non hanno il potere di interferire con il potere di un altro stato sulle attività all’interno di quello stato sovrano”.
Lo stato di Washington non ha imposte sul reddito personale o societario e genera la maggior parte delle sue entrate attraverso imposte sulle vendite, sulla proprietà e sulle imprese e sull'occupazione (B&O).
La nuova legge impone un’imposta del 7% sulle plusvalenze superiori a 250.000 dollari derivanti dalla vendita di azioni e obbligazioni, escludendo, tra le altre eccezioni, le entrate derivanti dai conti immobiliari e pensionistici.
L’imposta è stata approvata dai legislatori dello stato di Washington due anni fa, ma ha dovuto affrontare sfide legali sulla questione se si tratti di un’imposta sul reddito o di un’imposta sulle vendite.
Dopo che il governatore Jay Inslee ha convertito in legge la misura, i suoi oppositori – inclusa la Freedom Foundation – l’hanno bloccata con successo presso il tribunale della contea di Douglas.
Brian Huber, giudice della Corte Superiore della contea di Douglas nel centro di Washington, ha affermato in una decisione scritta che l’imposta “mostra le caratteristiche di un’imposta sul reddito piuttosto che di un’accisa”.
CORRELATO: La nuova imposta sulle plusvalenze porterà le imprese a lasciare lo stato di Washington? Di conseguenza, ha affermato che supera l’aliquota fiscale annuale massima sulla proprietà dell’1% – l’imposta sul reddito è legalmente un’imposta sulla proprietà a Washington – e “viola il requisito di uniformità” per le tasse stabilito dalla costituzione dello stato perché impone un’accisa del 7% imposta sulle plusvalenze, ma solo per plusvalenze superiori a $ 250.000.
Tuttavia, all’inizio di quest’anno, la Corte Suprema dello stato ha dichiarato costituzionale la tassa.
Nel parere 7-2 della corte, il giudice Debra Stephens ha scritto che l'imposta è "appropriatamente caratterizzata come un'accisa perché viene riscossa sulla vendita o sullo scambio di beni patrimoniali, non sui beni patrimoniali o sulle plusvalenze stesse".
Quest’anno l’imposta ha generato 849 milioni di dollari, più del previsto.
Le entrate andranno alla costruzione di scuole e ad altri programmi educativi.
La Freedom Foundation ha affermato che se la sua ultima sfida avrà successo, “potrebbe abbattere l’intera tassa e potenzialmente aprire la porta al rimborso delle tasse precedentemente pagate”.
La Corte Suprema degli Stati Uniti accetta solo da 100 a 150 degli oltre 7.000 casi che deve esaminare ogni anno tramite una petizione per certiorari.
Il professore di diritto dell'Università di Washington Hugh Spitzer, che in precedenza aveva sostenuto che i tribunali statali avrebbero stabilito la costituzionalità delle tasse, ha detto a GeekWire che non si aspetta che la Corte Suprema degli Stati Uniti si occupi di questo problema.
Ha detto che gli argomenti della clausola commerciale sono stati attentamente considerati a livello di tribunale statale.
"Non vedo perché la Corte Suprema degli Stati Uniti dovrebbe preoccuparsi", ha detto Spitzer.
“Questa è una questione di diritto statale e i tribunali federali restano fuori dall’interpretazione della legge statale”.
Le persone elencate come firmatari nella petizione presentata lunedì sono Chris Quinn, Craig Leuthold, Suzie Burke, Lewis Randall, Rick Glenn, Neil Muller, Larry e Margaret King e Kerry Cox.
"Nonostante le continue perdite, questi estremisti stanno cercando disperatamente di sottrarre 800 milioni di dollari all'anno all'assistenza all'infanzia e all'istruzione di Washington per darli a ultra-milionari e miliardari", ha detto in una nota Treasure Mackley, direttore esecutivo di Invest in WA Now.
dichiarazione.
Investire in WA Now stima che la tassa avrà un impatto sullo 0,2% dei contribuenti dello stato di Washington.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d