Civic

Il sindaco di Seattle “è fermamente a sostegno” della nuova legge sui salari dei lavoratori gig mentre le aziende tecnologiche si oppongono

DoorDash ha rivelato martedì in un post sul blog di aver avuto 30.000 ordini in meno del previsto nelle ultime due settimane dopo aver implementato nuove sostanziali tariffe per i consumatori in risposta a una nuova legge sul salario minimo entrata in vigore il mese scorso.
Anna Powell, responsabile delle relazioni governative presso DoorDash, ha affermato che la nuova commissione di $ 4,99 per ogni ordine è in vigore per rispettare la legge sul salario minimo.
Ha detto che la società non ha intenzione di modificare la tariffa, nonostante i proprietari di ristoranti abbiano perso entrate e i consumatori si siano lamentati dei prezzi più alti.
"Vorremmo vedere un'abrogazione dell'ordinanza", ha detto Powell a GeekWire.
L’ordinanza fa parte di diverse leggi di protezione “PayUp” approvate di recente a Seattle, progettate per fornire protezione ai lavoratori dei gig che sono trattati come appaltatori indipendenti.
Alcuni studi mostrano che i lavoratori gig a volte sono pagati meno del salario minimo o sono soggetti a condizioni di lavoro inadeguate.
Il sindaco di Seattle Bruce Harrell rimane favorevole alla legge, che impone un importo minimo al minuto e al miglio per i lavoratori che utilizzano app.
“Il sindaco Harrell è fortemente a favore del salario minimo per i lavoratori che lavorano su gig e app, in linea con altri settori, in modo che possano vivere nella città in cui lavorano e rimane impegnato a rendere Seattle un luogo dove tutti i lavoratori siano trattati con dignità e rispetto ", ha detto Callie Craighead, portavoce dell'ufficio del sindaco, in una dichiarazione a GeekWire.
DoorDash ha affermato che la nuova legge impone alla società di pagare agli autisti di Seattle almeno $ 26,40, prima delle mance e del pagamento del chilometraggio.
Powell ha affermato che gli autisti di DoorDash guadagnavano già circa 25 dollari l’ora prima che la legge entrasse in vigore, una cifra superiore al salario minimo cittadino di 19,97 dollari.
Carmen Figueroa, un'autista di consegna di lunga data che ha contribuito a sostenere l'approvazione delle leggi "PayUp", ha affermato che ora vede una retribuzione per ordine più elevata su DoorDash con la legislazione in vigore.
Ma sta anche trovando meno lavoro.
"Non sto guadagnando più soldi", ha detto Figueroa.
Nel suo post sul blog, DoorDash ha affermato che i suoi autisti stanno aspettando tre volte più a lungo tra un'offerta e l'altra, in parte a causa del volume degli ordini inferiore.
Danielle Alvarado, direttrice esecutiva del gruppo no-profit di difesa del lavoro Working Washington, ha affermato che i dati condivisi da DoorDash sono “una mossa aziendale prevedibile per opporsi a salari equi”.
CORRELATO: La lotta sulla legge sul salario minimo mette alla prova l’economia della consegna di cibo a Seattle “Questo cosiddetto studio di DoorDash non ha nulla a che fare con l’impatto dell’ordinanza sul salario minimo”, ha affermato in una nota.
"Si tratta di uno studio sulle tariffe inutili che l'azienda impone ai propri clienti, non sul costo effettivo di funzionamento come un'azienda che paga per la prima volta il salario minimo ai propri dipendenti, proprio come ogni altra azienda in città." L’aumento delle tariffe sta avendo un impatto sui ristoranti di tutta la città che dipendono dalle app per generare entrate.
Uttam Mukherjee, comproprietario del locale indiano di street food Spice Waala, ha affermato che il suo ristorante ha registrato un calo del 30% su base annua a gennaio a causa degli ordini di consegna tramite app.
Mukherjee è favorevole a pagare ai lavoratori un salario dignitoso.
"Siamo molto consapevoli di quanto vengono pagati i nostri dipendenti e del loro pacchetto di benefici", ha affermato.
Ma è stufo di quello che sta succedendo con la consegna del cibo a Seattle.
Spice Waala, che ha recentemente annunciato una terza sede, genera circa il 30% delle sue entrate totali dagli ordini di app.
"Sono frustrato dal fatto che ora dobbiamo sopportare il peso di tutto questo", ha detto Mukherjee, un ex manager di Procter & Gamble che ha fondato Spice Waala con sua moglie nel 2018.
Seattle è una delle prime città ad implementare questo tipo di salario minimo.
La città di New York ha approvato un’ordinanza simile l’anno scorso.
Dalla città di New York sono emersi rapporti che descrivono in dettaglio come le società di consegna di cibo stiano rendendo più difficile lasciare la mancia e limitando la disponibilità per gli autisti in risposta alla nuova legislazione.
Anche Uber Eats e DoorDash hanno modificato i meccanismi delle mance a Seattle.
Alcuni clienti Uber Eats al di fuori dei confini della città di Seattle riferiscono di pagare anche la tariffa aggiuntiva.
Abbiamo contattato Uber in merito e aggiorneremo con un commento se riceveremo risposta.
DoorDash la scorsa settimana ha registrato un fatturato del quarto trimestre pari a 2,3 miliardi di dollari, in crescita del 27% su base annua, con una perdita netta di 156 milioni di dollari.
Parlando con gli analisti in seguito al rapporto sugli utili, al CEO di DoorDash Tony Xu è stato chiesto della legge sul salario minimo a New York City.
"La maggior parte dei governi con cui collaboriamo vogliono davvero lavorare con noi e vogliono lavorare con le imprese", ha affermato Xu, che ha co-fondato DoorDash dieci anni fa.
“E capiscono che affinché qualcosa come DoorDash funzioni, deve funzionare per tutto il pubblico.
Cerchiamo sempre di mantenere i prezzi più convenienti per i consumatori.
Vogliamo massimizzare le vendite per le imprese locali.
E vogliamo offrire il maggior numero di opportunità di lavoro per [gli autisti]”.
Xu ha affermato che alcuni mercati “portano le politiche all’estremo” il che si traduce in “impatti negativi contro i loro desideri”.
“Ogni volta che si vede entrare la regolamentazione come avviene in un posto come New York City, ciò che si vede è un aumento dei costi per l’intero sistema”, ha affermato.
“C’è meno accessibilità per i consumatori… ci sono vendite inferiori per le imprese locali e ci sono meno opportunità di lavoro per [gli autisti]”.
Hilary Wething, economista dell’Economic Policy Institute, ha dichiarato a GeekWire all’inizio di questo mese che sono necessari più dati per determinare pienamente l’impatto della nuova legge sul salario minimo a Seattle.
L'ufficio del sindaco ha detto che è disposto a dare un'occhiata da vicino all'ordinanza mentre raccoglie più informazioni dalle parti interessate.
"Se i dati dovessero mostrare che si sono verificati impatti indesiderati per i lavoratori e le piccole imprese, siamo sempre aperti a apportare miglioramenti attraverso le regole degli amministratori, in collaborazione con il Consiglio comunale e i nostri partner sindacali", ha affermato Craighead.
Altre politiche “PayUp” a Seattle includono un’ordinanza relativa al processo di disattivazione dei lavoratori e una commissione di 10 centesimi per ordine approvata a novembre che aiuterà a finanziare l’implementazione e l’applicazione delle leggi “PayUp”.
Lo scorso anno Seattle ha anche approvato una legge sui congedi per malattia per i lavoratori delle consegne.
Figueroa, l'autista della DoorDash a Seattle, ha detto di aver iniziato a lavorare diversi anni fa a causa di motivi di salute che le impedivano di svolgere un tradizionale lavoro d'ufficio.
"Non sto chiedendo di diventare miliardario", ha detto.
"Tutto quello che chiedo è di essere pagato un giusto salario."

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d