Sharp Aquos R6 Hands-On: questo enorme sensore della fotocamera da 1 pollice non può compensare l'elaborazione del software poco brillante

Gli smartphone giapponesi non sono stati rilevanti su un palcoscenico globale per molti anni, in parte perché la maggior parte dei dispositivi non Sony non sono venduti in parti del mondo, ma anche perché i telefoni semplicemente non offrivano hardware competitivo rispetto ad Apple, Samsung o Marchi cinesi come Huawei e Xiaomi.
Quest'anno sembra essere l'anno in cui i marchi di smartphone giapponesi tentano di tornare alla ribalta, con Sony che rilascia l'Xperia 1 III dalle straordinarie caratteristiche, e ora Sharp è qui con l'Aquos R6, che offre due innovazioni hardware che sono le novità del settore: un enorme 1- sensore della fotocamera da pollici e un pannello OLED IGZO in grado di aumentare la frequenza di aggiornamento fino a 240Hz.
Il telefono è venduto solo in Giappone in questo momento, ma siamo riusciti a metterne le mani su uno grazie all'importatore Trinity Electronics di Hong Kong.
Sharp Aquos R6: Specifiche.
Tocca/fai clic per mostrare.
Sharp Aquos R6: Specifiche Specifiche Sharp Aquos R6 Build Certificazione IPX8 Dimensioni e peso 162 x 74 x 9,5 mm 207 g Display Pro IGZO OLED da 6,67 pollici 2730 x 1260 pixel Luminosità di picco 2.000 nit Frequenza di aggiornamento di picco 240 Hz Supporto frequenza di aggiornamento variabile (1-240 Hz) Rapporto di contrasto 20.000.000:1 SoC HDR Qualcomm Snapdragon 888 RAM e archiviazione 12 GB LPDDR5 128 GB UFS 3.1 slot per schede microSD (fino a 1 TB) Batteria e ricarica 5.000 mAh Supporto Intelligent Charge 2.0 Sicurezza Sensore di impronte digitali sotto il display Qualcomm 3D Sonic Max Fotocamera/e posteriore Sensore CMOS da 1 pollice da 20 MP Obiettivo Leica Summicron a 7 elementi f/1.9 Lunghezza focale equivalente a 19 mm Sensore ToF Flash LED Fotocamera/e anteriore/e da 12,6 MP Porta/e USB Type-C Audio N/D Connettività Wi-Fi 5G 6 Bluetooth 5.2 Software Android 11 Sharp Aquos R6: hardware e design A prima vista, Sharp Aquos R6 è una tipica lastra di punta di Android, con vetro curvo sulla parte anteriore e posteriore che racchiude uno chassis in alluminio e una faccia quasi senza cornice con solo un piccolo foro -custodia punzone a Fotocamera selfie da 12 MP e un modulo fotocamera considerevole sul retro.
All'interno del telefono c'è il solito Snapdragon 888, con 12 GB di RAM e una batteria da 5.000 mAh.
C'è un jack per le cuffie nella parte inferiore e sul lato destro del telaio c'è un pulsante hardware aggiuntivo per avviare Google Assistant (o altre app, se lo desideri) insieme al bilanciere del volume e al pulsante di accensione.
È un telefono premium molto ben costruito che sembra e si sente simile nella mano come lo Xiaomi Mi 11 Ultra secondo me.
Le vibrazioni simili tra i due telefoni sono appropriate, perché il sensore da 1 pollice dell'Aquos R6 è il più grande sensore per fotocamera nel settore della telefonia mobile, battendo il precedente campione Mi 11 Ultra, il cui sensore ISOCELL GN2 misura 1/1,12 pollici.
Ma ci arriveremo nella sezione della fotocamera.
Parliamo prima di quello schermo a 240Hz.
Il pannello OLED da 6,67 pollici, 2.730 x 1.260, secondo Sharp, è il primo pannello OLED al mondo a utilizzare la tecnologia IGZO (indio, gallio, zinco, ossido), il che significa che lo schermo è stratificato con transistor a film ultrasottile che offrono notevoli bassa dispersione di potenza.
Non sono un esperto di display, ma lo schermo sembra fantastico ai miei occhi, con angoli di visualizzazione eccellenti e dettagli ricchi.
Le animazioni sembrano fluide come previsto, anche se non posso dire di vedere una fluidità superiore su un pannello a 120Hz di Samsung o Xiaomi.
Il software di Sharp chiama l'alta frequenza di aggiornamento "display ad alta velocità" e non c'è modo di controllarla a livello di dispositivo.
Invece, Sharp offre una soluzione app per app, il che significa che puoi attivare o disattivare l'alta frequenza di aggiornamento per ogni app specifica.
Inoltre, tieni presente che l'interruttore è attivato (variabile fino a 240Hz) o disattivato (60Hz).
Non puoi impostarlo su nessun altro valore specifico, ad esempio 90Hz o 120Hz.
Sharp Aquos R6: fotocamera La fotocamera dell'Aquos R6 è progettata per catturare i titoli dei giornali, perché non solo ha quel sensore da 1 pollice, ma utilizza anche un obiettivo con marchio Leica che è stato co-sviluppato tramite "stretta collaborazione" dai due marchi.
Personalmente, trovo che la recente tendenza dei marchi di smartphone che collaborano con i marchi di fotocamere legacy sia principalmente espedienti di marketing (nella mia recensione di Huawei Mate 40 Pro, non ho nemmeno menzionato la parola "Leica" una volta) e la mia opinione non cambia molto qui.
Dai miei test, l'hardware della fotocamera dell'Aquos R6 è davvero impressionante a causa di quell'enorme sensore.
Proprio come lo Xiaomi Mi 11 Ultra, il cui sensore della fotocamera è anche molto grande, le foto e i video catturati dall'Aquos R6 hanno un naturale effetto di profondità di campo che separa il soggetto dallo sfondo (altrimenti noto come "bokeh"), dando scatti un aspetto più professionale che scimmiotta l'aspetto delle foto catturate da una fotocamera "reale".
Ciò è particolarmente evidente quando si confrontano gli scatti catturati dall'Aquos R6 con l'iPhone 12 Pro, la cui dimensione del sensore di immagine è significativamente più piccola (Apple non ha rivelato la sua dimensione esatta).
Negli esempi seguenti, l'immagine di Aquos R6 ha una maggiore separazione tra oggetto e sfondo.
Avere un bokeh naturale in una foto è l'ideale, ma i marchi di smartphone, e in particolare Google, sono diventati molto abili nel produrre falsi bokeh digitali.
Quindi, dove il grande sensore da 1 pollice trae davvero vantaggio è il filmato, che presenta anche lo stesso effetto di sfocatura dello sfondo.
Di seguito sono riportati i video clip che mostrano i filmati catturati da Sharp Aquos R6 e iPhone 12 Pro.
Quindi possiamo vedere che il sensore di immagine significativamente più grande dell'Aquos R6 aggiunge davvero un livello di estetica professionale che le foto/video più piatti dell'iPhone non possono ottenere.
Ma ci sono altri telefoni Android con sensori di grandi dimensioni, in particolare lo Xiaomi Mi 11 Ultra (1/1,13 pollici) e il Samsung Galaxy S21 Ultra (1/1,33 pollici), e se confrontato con queste due bestie di punta Android, lo Sharp Il vantaggio di Aquos R6 per lo più scompare.
Noterai che le immagini prodotte da Samsung e Xiaomi sono altrettanto piacevoli con un bokeh naturale e sono anche più vivaci con colori più incisivi.
Questo è il caso della maggior parte delle foto catturate dallo Sharp Aquos R6, sembrano un po' blande se le condizioni di illuminazione non sono eccezionali.
Se stai scattando una foto in una giornata di sole, allora certo, l'Aquos R6 può produrre uno scatto eccezionale come sotto quello Ma negli scatti più impegnativi, le immagini dell'Aquos R6 producono costantemente colori più opachi e una gamma dinamica inferiore rispetto alle foto di Apple e Xiaomi .
Ciò è probabilmente dovuto all'elaborazione delle immagini poco brillante da parte di Sharp e non è sorprendente.
Siamo nell'era della fotografia computazionale su dispositivi mobili, in cui il software della fotocamera per smartphone è importante quanto l'hardware della fotocamera.
Ecco perché Google Pixel 5 è ancora uno dei migliori smartphone con fotocamera in circolazione nonostante l'hardware della fotocamera obsoleto.
E in quanto produttore di smartphone molto più piccolo, Sharp probabilmente non dispone del budget o dell'esperienza di ricerca e sviluppo rispetto ad Apple o Google (o anche Samsung e Xiaomi) quando si tratta di costruire algoritmi software di fotografia computazionale.
Il sensore della fotocamera da 1 pollice di Sharp è impressionante e all'avanguardia, ma l'elaborazione del software continua a trattenerlo.
figure.center { margin-top: 0px !important; margin-bottom: 0px !important; } .quotecenter { larghezza: 80%; galleggiante: nessuno; margine: automatico; margine superiore: 0px !important; margin-bottom: 0px !important; colore: #de7300; } figure.wp-block-pullquote.quotestyle { border-top: 0px; bordo-basso: 0px; imbottitura: 0px; margine inferiore: 0px; imbottitura: 0px; } blockquote.centerquotestyle { color: #006e95 !important; } @media solo schermo e (larghezza massima: 600 px) { .quotecenter { larghezza: 90%; } } Ecco altri esempi di foto notturne catturate dallo Sharp Aquos R6.
Si noti che Sharp spegne abbastanza male alcune luci negli scatti, Apple, d'altra parte, ha utilizzato l'elaborazione HDR per produrre uno scatto più equilibrato (sebbene superficiale).
Sharp ha anche preso la curiosa decisione di dotare l'Aquos R6 di una sola fotocamera (insieme a un sensore ToF).
Ciò significa che gli scatti con lo zoom sono digitali (e il telefono raggiunge il massimo con uno zoom di appena 6x).
Software e bit vari Sul fronte del software, Aquos R6 esegue una versione di Android 11.
La pagina delle impostazioni, l'area di notifica e le icone delle app sembrano tutte simili a quelle di Android di serie, ma ci sono alcune modifiche.
Innanzitutto, ci sono molti bloatware preinstallati, incluse app di Amazon, Disney e Docomo, l'operatore giapponese attraverso il quale è stato venduto il telefono.
Sharp è anche tornato al metodo della vecchia scuola di avvio della barra delle applicazioni: devi toccare un'icona sullo schermo, invece del metodo di scorrimento verso l'alto.
Invece, scorrendo verso l'alto dalla parte inferiore dello schermo si avvia un feed di notizie giapponese.
Scava nelle impostazioni e la pagina sembra per lo più familiare, ad eccezione di un'aggiunta denominata Sharp Help Center che compila tutte le funzionalità aggiuntive del software in un sistema di menu da cartone animato.
Qui puoi regolare la suddetta frequenza di aggiornamento per app, impostare un'app diversa da avviare quando si preme il pulsante hardware, modificare il menu di gioco che si apre durante i giochi mobili e accedere a questa funzione chiamata "SuguApp" che ti consente di avviare un'app scuotendo il telefono.
Funziona bene, anche se è un po' strano.
Lo Sharp Aquos R6 è anche il primo telefono a utilizzare la soluzione di lettore di impronte digitali in-display a ultrasuoni 3D Max di Qualcomm.
Oltre ad essere un po' più veloce di prima, si dice che l'area di scansione sia anche 1,7 volte più grande.
A tal fine, Sharp ha aggiunto una nuova funzionalità che consente al telefono di scansionare due dita contemporaneamente, con l'idea di una sicurezza aggiuntiva.
Funziona bene, ma personalmente non ho alcun interesse a sbloccare il mio telefono con due dita.
Altrove, non ho usato il telefono abbastanza a lungo per dare un'opinione conclusiva sulla durata della batteria, ma la cella da 5.000 mAh sembra essere abbastanza buona considerando che lo schermo di Sharp ha una frequenza di aggiornamento dinamica e la risoluzione non è alta come il Galaxy S21 Ultra o Xiaomi Mi 11 Ultra.
Primi pensieri Al momento lo Sharp Aquos R6 è venduto solo in Giappone tramite il vettore Docomo, quindi il prezzo ufficiale non è noto.
A Hong Kong, il telefono viene venduto a circa 10.000 HK$, che converte in 1.228 dollari.
In ogni caso, è sicuro dire che quelli in Occidente che pensano di importare questo telefono pagheranno sicuramente almeno quattro cifre in dollari USA.
Mentre lo Sharp Aquos R6 sta generando entusiasmo tra la comunità di appassionati – persone disposte a pagare per tecnologia all'avanguardia – il consumatore medio farebbe meglio a spendere gli stessi soldi su un Galaxy S21 Ultra o Xiaomi Mi 11 Ultra, poiché entrambi i telefoni offrono grandi anche i sensori di immagine, con un software della fotocamera molto migliore.
Ma il Giappone è principalmente un paese per iPhone.
Quindi, per coloro che vivono in Giappone, Sharp Aquos R6 rappresenta un'ottima alternativa contro la cultura.
E il suo grande sensore di immagine lo rende abbastanza diverso dall'iPhone da avere appeal.
Il post Sharp Aquos R6 Hands-On: questo enorme sensore della fotocamera da 1 pollice non può compensare l'elaborazione software poco brillante è apparso per primo sugli sviluppatori xda.

Commenti

commenti