Amazon

Segui il conto alla rovescia per il primo lancio dei satelliti Project Kuiper di Amazon

È iniziato il conto alla rovescia per il primo lancio in assoluto dei satelliti Amazon, finalizzato a testare l'hardware e il software per la costellazione mondiale di Internet a banda larga Project Kuiper dell'azienda di Seattle.
Due satelliti prototipo, noti come KuiperSat 1 e 2, dovrebbero trasportare un razzo Atlas V della United Launch Alliance dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida nell'orbita terrestre bassa alle 14:00 ET (11:00 PT).
I meteorologi affermano che esiste una probabilità del 70% che il tempo sia accettabile per il lancio e che esiste una finestra di lancio di due ore per far fronte a potenziali ritardi.
ULA fornisce aggiornamenti in tempo reale su quella che chiama la missione Protoflight sul suo sito web.
La copertura in live streaming sarà resa disponibile tramite YouTube a partire dalle 13:40 circa ET (10:40 PT).
Il piano di volo prevede che i satelliti vengano inviati in orbite alte 311 miglia (500 chilometri) con un Inclinazione di 30 gradi.
La distribuzione è prevista circa 18 minuti dopo il lancio.
Project Kuiper, un programma ambizioso presentato quattro anni fa, mira a fornire l’accesso a Internet a banda larga – e l’accesso via satellite ad Amazon Web Services – a milioni di persone in tutto il mondo.
Amazon prevede di utilizzare i prototipi di satelliti, costruiti presso il quartier generale del Progetto Kuiper a Redmond, nello stato di Washington, per testare l'hardware del veicolo spaziale, nonché le strutture di terra di Amazon e i terminali dei clienti.
"Abbiamo effettuato test approfonditi qui nel nostro laboratorio e abbiamo un alto grado di fiducia nella progettazione del nostro satellite, ma non c'è nulla che possa sostituire i test in orbita", ha dichiarato la settimana scorsa Rajeev Badyal, vicepresidente della tecnologia del progetto Kuiper, durante un lancio.
anteprima.
"Questa è la prima volta che Amazon mette i satelliti nello spazio e impareremo moltissimo indipendentemente da come si svolgerà la missione." I risultati dei test contribuiranno a ulteriori preparativi per la costruzione di satelliti di livello produttivo in una fabbrica che verrà allestita a Kirkland, nello stato di Washington.
Se tutto va secondo i piani, la produzione di massa di migliaia di satelliti inizierà all'inizio del prossimo anno e Amazon lo farà.
rendere disponibile il servizio Project Kuiper in fase di beta test ai partner commerciali entro la fine del 2024.
Il lancio dei prototipi è stato ritardato di un anno a causa di slittamenti logistici e tecnici.
Più recentemente, ULA ha spostato il lancio dal suo razzo Vulcan di prossima generazione all'Atlas V, un razzo da lavoro che è prossimo al pensionamento.
Amazon si trova ad affrontare pressioni sulla pianificazione da almeno due direzioni: innanzitutto, i termini della licenza del progetto Kuiper della Federal Communications Commission richiedono che Amazon abbia almeno la metà dei 3.236 satelliti nella costellazione proposta lanciati entro la metà del 2026.
Per soddisfare tale requisito, Amazon ha riservato decine di lanci di razzi: sugli Atlas V, sui Vulcan, sugli Ariane 6 e sui razzi New Glenn attualmente in fase di sviluppo da parte dell'impresa spaziale Blue Origin del fondatore di Amazon, Jeff Bezos.
Altrettanto importante, Amazon sta cercando di mettersi al passo con SpaceX e il suo servizio Internet satellitare Starlink, che conta già più di 2 milioni di clienti.
Dave Limp – che lascerà il suo incarico di lunga data come capo dei dispositivi e dei servizi di Amazon per diventare CEO di Blue Origin a dicembre – ha insistito l'anno scorso durante una sessione di chat in live streaming che ci sarebbe stato abbastanza spazio sul mercato per molteplici costellazioni satellitari a banda larga in orbita terrestre bassa.
"Penso che avere più costellazioni sia generalmente positivo", ha detto.
"Penso che abbiamo alcuni vantaggi, però, nel nostro." Ha sottolineato le sinergie tra Project Kuiper e le altre linee di business di Amazon, incluso AWS.
Ha anche lasciato intendere che Project Kuiper competerà con Starlink in base al prezzo.
Amazon afferma di aver stanziato 10 miliardi di dollari per far decollare il progetto Kuiper.
Si dice che più di 1.000 dipendenti stiano lavorando al progetto, e il sito web dedicato alle opportunità di lavoro di Amazon elenca oltre 200 ulteriori posizioni aperte, la maggior parte delle quali con sede nello stato di Washington.
Nel 2019, a Bezos è stato chiesto di identificare una delle recenti “grandi scommesse” di Amazon e non ha esitato a nominare Project Kuiper.
Questa scommessa multimiliardaria darà i suoi frutti? Il lancio previsto per oggi dovrebbe segnare un passo significativo verso la scoperta.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d