Amazon

La startup di Seattle Rec Room prende di mira un giovane hacker canadese in una nuova causa

I creatori della popolare app social Rec Room hanno intentato una causa a Seattle questa settimana contro un utente adolescente del servizio, sostenendo che ha una lunga storia di molestie e ha creato diversi strumenti cheat per abilitare i cattivi attori sulla piattaforma.
Rec Room, creata e gestita dall'omonima società con sede a Seattle, si presenta come una piattaforma per giochi virtuali e contenuti generati dagli utenti.
Gli utenti possono accedere a Rec Room, creare avatar personalizzati e creare stanze virtuali sul servizio.
Queste stanze possono variare da semplici spazi sociali a giochi completamente giocabili, molti dei quali creati dalla community di Rec Room.
Rec Room ha più di 100 milioni di utenti.
La causa prende di mira un minore canadese identificato come "MZ" che ha giocato a Rec Room negli ultimi sei anni e in quel periodo è stato ripetutamente bannato per "pubblicare contenuti razzisti, bullismo e molestie verso altri giocatori e rifiuto di rispettare la comunità".
standard, tutti a livelli eccessivi”, secondo la causa.
MZ ha eluso questi divieti, secondo l'accusa, creando almeno 61 account alternativi, rubando le credenziali di altri utenti e scrivendo programmi che consentono soluzioni alternative.
Inoltre, la causa nomina MZ come il creatore e venditore di un particolare set di trucchi per Rec Room.
Secondo la causa, questi trucchi consentono agli utenti di avere un vantaggio significativo in qualsiasi gioco competitivo di Rec Room, lasciando che i loro avatar passino attraverso i muri, possiedano una salute infinita o portino armi da un gioco di Rec Room a un altro.
Ad un certo punto, nel luglio 2022, MZ avrebbe utilizzato un hack che consentiva la pubblicazione di contenuti non autorizzati nell'area ad alto traffico del Rec Center di Rec Room per issare una bandiera nazista, che è stata rapidamente rimossa dai moderatori.
Rec Room attribuisce a MZ anche il merito di un hack che ha bloccato i server di Rec Room a maggio.
Per una piattaforma come Rec Room, hacker come questo possono causare danni significativi ai suoi profitti.
Molte delle attività individuali in Rec Room hanno qualche elemento competitivo, come gli sport di squadra o il paintball, quindi anche un giocatore che bara per vincere può danneggiare l'esperienza per tutti.
È un problema endemico con i giochi online multigiocatore di massa.
Da quando MZ è diventato un giocatore di Rec Room, "è stato un giocatore in gran parte tossico, le cui regolari violazioni del codice di condotta di Rec Room hanno portato a conseguenze crescenti", afferma la società nella causa.
Secondo Rec Room, MZ ha circa 16 anni.
In precedenza aveva inviato una lettera di cessazione e desistenza e aveva cercato di coinvolgere i genitori di MZ, "implorandoli di supervisionare adeguatamente il loro figlio come la legge richiede loro di fare".
Si sono rifiutati, secondo la causa.
Rec Room ha rifiutato di commentare la causa quando è stata contattata da GeekWire.
La causa della società richiede che a MZ venga legalmente impedito di continuare a giocare a Rec Room e di sviluppare o vendere trucchi per esso, e che gli venga richiesto di eliminare tutte le copie dell'app Rec Room e del relativo software di hacking in loro possesso.
Si cerca inoltre di ottenere da MZ le spese processuali, insieme a qualsiasi risarcimento che il tribunale ritenga opportuno concedere.
La causa di Rec Room segue una storia recente di azioni simili intraprese da Bungie, studio di videogiochi con sede a Bellevue, nello stato di Washington, che ha trascorso gran parte degli ultimi anni a reprimere sistematicamente i servizi cheat che colpiscono il suo sparatutto online Destiny 2.
La causa più recente è stata depositata a Seattle in agosto, contro 56 persone associate al servizio di cheat in abbonamento Ring-1.
Bungie aveva già vinto 6,7 milioni di dollari di danni contro una società simile, Lavicheats.
A luglio, Bungie ha anche vinto una causa contro Jesse James Comer, che aveva perseguitato un community manager di Destiny 2 con una campagna di molestie razziste.
Comer è stato ritenuto responsabile di quasi 500.000 dollari di danni.
Ciò potrebbe costituire un precedente per casi come quello di Rec Room, in cui le aziende cercano ricorso legale contro le molestie seriali online.
Rec Room aveva un valore di 3,5 miliardi di dollari quando ha raccolto 145 milioni di dollari nel dicembre 2021.
Secondo LinkedIn, l’azienda ha più di 300 dipendenti.
La startup di Seattle Rec Room ta… di GeekWire

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d