Amazon

Il CEO di OpenAI Sam Altman sulla possibilità del dispositivo ChatGPT: "Ci piacerebbe trovare qualcosa di straordinario"

Reporting da San Francisco: OpenAI ha lanciato l'interazione vocale come funzionalità premium per le sue app mobili ChatGPT a settembre, consentendo agli utenti di parlare con l'assistente AI, con ChatGPT che risponde con una delle proprie voci.
Secondo la mia esperienza non è perfetto, ma quando funziona perfettamente, sembra uno scorcio di futuro, o forse una scena del film Her.
Quali sono quindi le prospettive per l'integrazione delle interazioni vocali ChatGPT in altri tipi di hardware, inclusi dispositivi dedicati come gli altoparlanti intelligenti? STORIA CORRELATA I "GPT" di OpenAI consentiranno agli utenti di creare versioni personalizzate e personali del suo chatbot AI.
Ho posto questa domanda durante una conferenza stampa con il CEO di OpenAI Sam Altman e il CTO Mira Murati oggi al primo Developer Day dell'azienda a San Francisco, e il conseguente scambio ha portato ad un interessante teaser di Altman sulla possibilità che OpenAI offra un proprio dispositivo.
"Ci piacerebbe trovare qualcosa di straordinario", ha detto Altman in risposta a una domanda di follow-up di Ina Fried di Axios.
“Se c’è qualcosa di straordinario da fare, lo faremo.
Non sappiamo ancora cosa sia.
Credo davvero che ogni volta che arriva una nuova…
tecnologia di questa portata, dovrebbe esserci un nuovo straordinario dispositivo informatico." Implicita in ciò è la minaccia competitiva che una tale mossa porrebbe ai dispositivi Echo basati su Alexa di Amazon e agli altoparlanti intelligenti Nest di Google, tra gli altri.
Amazon sta cercando di andare avanti in questo settore con la sua prossima funzionalità Alexa, "Let's Chat", che l'azienda ha presentato in anteprima a settembre.
OpenAI collabora già con un'azienda che sembra essere un produttore di dispositivi, Microsoft.
In teoria, lavorare insieme su un dispositivo Surface con funzionalità ChatGPT nativa potrebbe avere molto senso.
Il CEO di Microsoft Satya Nadella ha fatto un'apparizione a sorpresa con Altman sul palco dell'evento oggi, chiarendo che entrambe le società sono impegnate come sempre nella loro partnership.
Nessuna di queste implicazioni più ampie per il settore è emersa durante la conferenza stampa su questo argomento.
Murati ha spiegato che OpenAI sta adottando un approccio lento e cauto sulla tecnologia vocale, e in particolare sulla generazione vocale, collaborando su implementazioni a basso rischio come l'uso da parte di Spotify della tecnologia dell'azienda per tradurre i podcast in diverse lingue.
Altman ha parlato in generale dell'interesse di OpenAI per l'intersezione tra intelligenza artificiale e voce.
"Per noi è molto chiaro che le persone amano la voce come un modo per interagire con questo", ha detto, "e mentre pensiamo alla magia che l'intelligenza artificiale può fare in futuro, una cosa di cui sono fiducioso è che la voce sarà gran parte del modo in cui le persone usano l’intelligenza artificiale”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d