La giuria si affianca ad Amazon nella causa intentata da un ex responsabile tecnico

Una giuria del Michigan si schierò con Amazon in una disputa di tre anni sulla discriminazione portata da un ex dirigente, che accusò la compagnia di discriminarlo perché era un musulmano di origine siriana e in seguito lo licenziò per aver parlato del suo trattamento.
Abdullah Haydar, ex senior manager dello sviluppo software negli uffici di Seattle e Detroit della società dal 2012 al 2015, ha citato in giudizio Amazon e tre dei suoi ex supervisori – Garret Gaw, Peter Faricy e Joel Mosby – nel 2016.
Numerose affermazioni originali di Haydar, tra cui ritorsioni e la discriminazione basata sullo stato civile è stata respinta lo scorso anno, ma le accuse di discriminazione basate sulla religione e la nazionalità sono passate al processo.
Martedì la giuria ha deciso che Amazon e Faricy non hanno discriminato Haydar sulla base della religione o della nazionalità.
Separati dal processo, anche le accuse contro Gaw e Mosby furono respinte.
Haydar ha dichiarato a GeekWire di essere deluso dal verdetto della giuria e che non ha preso alcuna decisione in merito a un ricorso.
Amazon ha rifiutato di commentare.
Secondo il suo profilo LinkedIn, Haydar è ora il leader del sito per l'ufficio di ricerca e sviluppo di New York a LinkedIn.
Dopo la sua esperienza in Amazon, ha lavorato come vicepresidente di ingegneria presso la startup tecnologica agricola FarmLogs e lo scambio pubblicitario HookLogic, acquisito da Criteo.
Haydar è anche professore a contratto presso il City College di New York.
La causa intentata nel 2016 afferma che Haydar “è stato ripetutamente sottoposto a commenti umilianti diretti sulla sua origine nazionale, religione e stato civile, a causa di revisioni false e dispregiative delle prestazioni, passate per la promozione a favore di colleghi caucasici meno riusciti e negato i trasferimenti e altri opportunità di carriera.
”Due dei manager coinvolti nella causa, Gaw e Mosby, lavorano ancora per Amazon nelle aree di Detroit e Seattle, rispettivamente, secondo i loro profili LinkedIn.
Faricy ha lasciato Amazon lo scorso anno per unirsi al gigante dell'intrattenimento Discovery, Inc.
Insieme ad alcuni altri ex dirigenti di Amazon, Faricy sta guidando un nuovo ufficio Discovery nell'area di Seattle, lavorando per migliorare le offerte di streaming dell'azienda.

Commenti

commenti