Amazon

Il capo di Alexa di Amazon sull'ascesa di ChatGPT e perché il confronto non è giusto per nessuno dei due

Perché gli utenti Alexa non possono avere interazioni vocali sofisticate e sfumate con l'assistente di Amazon, simili alle conversazioni testuali con ChatGPT di OpenAI? Questa è stata una delle mie domande per Rohit Prasad, il vicepresidente senior responsabile del business Alexa di Amazon, durante un'ampia conversazione sull'ultimo episodio del podcast GeekWire.
L'ascesa dell'intelligenza artificiale generativa sta aumentando le aspettative per l'IA in generale e Alexa non fa eccezione.
Ovviamente, come ci si aspetterebbe da qualsiasi alto dirigente di Amazon, Prasad ha innanzitutto chiarito che l'azienda si concentra sui clienti, non sui concorrenti.
Ma in questo caso, ha detto, il paragone non è giusto né per ChatGPT né per Alexa.
Si tratta di due prodotti in punti diversi nelle rispettive linee temporali ed evoluzioni, che servono a scopi diversi e operano in contesti diversi, ha affermato.
Interagire con una tastiera e uno schermo è molto diverso da una conversazione vocale a mani libere in una stanza.
"ChatGPT non può fare molte delle cose che Alexa può fare oggi", ha detto, aggiungendo che le capacità di Alexa includono "darti risposte affidabili senza fatti allucinanti".
Ha continuato, "Alexa sta orchestrando o interagendo con migliaia di servizi in tempo reale, istantaneamente: la tua musica, i tuoi libri, i tuoi video, i tuoi elettrodomestici intelligenti…
E ciò che rende apparentemente semplice è incredibilmente complesso.
Perché sotto, ha più di 30 sistemi di apprendimento automatico che lavorano insieme per darti quel risultato in meno di un secondo, spesso".
In breve, ha detto, "questo è un paradigma di interazione molto diverso".
Prasad è entrato a far parte del team di Amazon Alexa dieci anni fa, lavorando inizialmente sul riconoscimento vocale in campo lontano.
Ha continuato a diventare il capo scienziato di Alexa e il suo ruolo si è ampliato nell'ultimo anno per guidare il business di Alexa.
Questo lo mette a capo di quella che chiama la "stella polare" di Amazon per Alexa, cercando di creare un assistente personale indispensabile.
“Questo è un momento super eccitante per l'IA.
Sono contento che l'intelligenza artificiale sia tornata", ha detto.
“Il fatto che i nostri clienti stiano interagendo più che mai con Alexa è una testimonianza del fatto che la nostra stella polare sta funzionando.
E ciò che sta accadendo con i modelli linguistici di grandi dimensioni e altre società è un'ottima cosa per l'intero settore dell'intelligenza artificiale".
Il CEO di Amazon Andy Jassy ha accennato ai piani di Amazon per Alexa ad aprile, affermando che la società sta lavorando a un nuovo modello di linguaggio di grandi dimensioni che è "molto più ampio, molto più generalizzato e capace", con il potenziale per "accelerare rapidamente la nostra visione di diventare il miglior assistente personale del mondo".
Ascolta sopra o iscriviti a GeekWire in Apple Podcasts, Google Podcasts, Spotify o ovunque tu ascolti.
Copertura correlata Alexa di Amazon e la rapida evoluzione dell'intelligenza artificiale: una conversazione con il capo di Alexa Rohit Prasad Amazon svela Echo Pop, i nuovi Echo Buds; riporta >500 milioni di vendite di dispositivi Alexa mentre l'intelligenza artificiale stravolge il mercato Alexa vs.
ChatGPT: Amazon crea nuovi modelli di intelligenza artificiale per rendere l'assistente più proattivo e conversazionale Amazon presenta in anteprima la funzionalità di Alexa che sintetizza la voce di una persona da meno di un minuto di audio

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d