Amazon

I manifestanti bloccano gli ingressi al quartier generale di Amazon, contestando l’uso pianificato di combustibili fossili in Oregon

Decine di attivisti ambientali questa mattina hanno bloccato gli ingressi all'edificio Day 1 di Amazon presso la sede di Seattle.
Un gruppo con sede a Washington chiamato Troublemakers ha organizzato l’azione, chiedendo al colosso della tecnologia di annullare i suoi piani per utilizzare il gas naturale proveniente da un nuovo gasdotto in costruzione in Oregon.
Il gas verrebbe utilizzato per alimentare tre data center nello stato.
“Il fatto che Amazon partecipi ancora attivamente all’espansione dei combustibili fossili in questo momento evidenzia la loro ipocrisia”, ha affermato Emily Johnston, una delle organizzatrici della protesta.
Amazon ha molteplici iniziative per affrontare il cambiamento climatico.
Nel 2019, l’allora CEO Jeff Bezos ha promesso che l’azienda sarebbe diventata carbon neutral entro il 2040 e ha creato il Climate Pledge, uno sforzo che invita altre aziende a unirsi a lui per ridurre le loro emissioni di gas serra.
Da allora, l'impronta di carbonio dell'azienda è aumentata del 39%.
Johnston ha detto che circa 50-60 persone hanno protestato davanti all'azienda mercoledì mattina.
Con striscioni e biciclette hanno bloccato le porte e gli ingressi dei garage dell'edificio.
La settimana scorsa, i Troublemakers hanno inviato una lettera al CEO di Amazon Andy Jassy, chiedendogli di annullare i piani per attingere al gasdotto GTN Xpress e utilizzare il carburante per i suoi data center, che ospitano potenti computer che costituiscono la spina dorsale di Amazon Web Services (AWS ).
“Amazon Web Services è il tuo bambino e, sotto quasi ogni aspetto, di successo.
Perché rischiare di rovinare la reputazione di Amazon (e la tua) bloccando AWS in decenni di gas fossile e fornendo allo stesso tempo una giustificazione per i piani di espansione con cui iniziare?" si legge nella lettera, firmata anche da altre 19 organizzazioni, tra cui Amazon Employees for Climate Justice.
Amazon accederebbe al gas attraverso un’espansione del gasdotto GTN Xpress.
Questa espansione ha attirato l’opposizione dei leader del Pacifico nordoccidentale, compresi tutti e quattro i senatori statunitensi che rappresentano Washington e Oregon; Il governatore dell'Oregon Tina Kotek e il governatore di Washington Jay Inslee; e numerosi gruppi ambientalisti.
I notiziari dell'Oregon hanno anche riferito lo scorso anno del ruolo di Amazon nelle pressioni contro la legislazione statale volta a creare norme sull'energia pulita per i data center.
La misura è fallita.
Allo stesso tempo, Amazon ha intrapreso azioni aggressive per affrontare le questioni climatiche.
“Amazon è il più grande acquirente aziendale di energia rinnovabile a livello globale, e lo è da quattro anni consecutivi.
Amazon ha anche co-fondato il Climate Pledge, impegnandosi a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2040, e finora ha fatto incredibili progressi nel suo percorso: combiniamo più del 90% dell’elettricità utilizzata dalle nostre operazioni con energia rinnovabile e stiamo distribuendo energia rinnovabile.
la più grande flotta di veicoli elettrici al mondo, con più di 10.000 in circolazione oggi”, ha affermato Lisa Levandowski, portavoce di Amazon, in una e-mail in risposta alla protesta di oggi.
Amazon si è impegnata a utilizzare tutta l’energia pulita, un obiettivo che prevede di raggiungere l’anno prossimo, cinque anni in anticipo rispetto alla tempistica originale.
Ma come fa Amazon a raggiungere questo obiettivo utilizzando anche il gas naturale? La promessa dell'azienda è quella di acquistare energia rinnovabile in una quantità corrispondente al volume di energia utilizzata: ciò non significa che otterrà sempre energia da fonti pulite.
In un'intervista a GeekWire lo scorso anno, Charley Daitch, direttore della strategia per l'energia e l'acqua di AWS, ha affermato che l'uso del gas naturale da parte dell'Oregon per alimentare le celle a combustibile non era una soluzione permanente.
"Alimenteremo una parte molto piccola delle nostre attività con le celle a combustibile come ponte a breve termine.
Non fa parte della nostra strategia principale.
Inizialmente le celle a combustibile funzioneranno con gas naturale, ma stiamo lavorando attivamente in Amazon nel suo insieme per contribuire a incoraggiare e facilitare una maggiore quantità di idrogeno verde, che fornirà una fonte di carburante priva di carbonio [e potrebbe alimentare le celle a combustibile]," ha affermato Daitch, che non fa più parte dell'azienda.
"Abbiamo concordato di realizzare progetti di energia rinnovabile in Oregon", ha aggiunto, "ma non sono ancora disponibili per noi".
I manifestanti non sono convinti da questo argomento.
"Amazon è orgogliosa dell'innovazione.
L'uso di combustibili fossili non è innovazione", hanno scritto nella lettera a Jassy.
"Si basa su una tecnologia in via di estinzione che sta uccidendo il pianeta.
L'impegno di AWS di connettersi a GTN Xpress sta guidando un progetto che pomperebbe più metano in un gasdotto vecchio di 50 anni, il che aumenterà sicuramente la perdita di metano nell'atmosfera ." Microsoft e Google hanno fatto un passo avanti rispetto ad Amazon nella loro ricerca di energia pulita e si impegnano a utilizzare le energie rinnovabili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, il che significa aggiungere fonti di energia che possano funzionare 24 ore su 24, cosa che l’eolico e il solare non possono.
Amazon sta tracciando un percorso diverso, soprannominato “carbon match”, che dà priorità ai progetti di energia rinnovabile nelle aree con reti più sporche.
Mentre Amazon si è concentrata sull’energia eolica e solare, ha recentemente annunciato l’intenzione di acquistare un data center della Pennsylvania alimentato da energia nucleare.
Negli ultimi anni l’azienda è stata oggetto di numerose proteste ambientaliste.
L'estate scorsa, un altro gruppo di attivisti ha preso di mira il quartier generale di Amazon, dipingendo con lo spray la strada adiacente con un messaggio indirizzato al CEO Andy Jassy che recitava: “AMAZON: PRIME INQUINANTE.
#CONSEGNA IL CAMBIAMENTO." Nel maggio dello scorso anno, Amazon Employees for Climate Justice ha contribuito a organizzare uno sciopero dei dipendenti.
Il gruppo ha invitato Amazon a mettere il clima “in prima linea” nel suo processo decisionale e ha descritto il Climate Pledge dell’azienda come “infranto, in molti modi”.
Johnston, del gruppo Troublemakers, ha affermato che è importante ritenere “Amazon e gli altri grandi inquinatori responsabili” “dobbiamo far luce su ciò che stanno facendo”, ha affermato.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d