I nuovi gesti di navigazione di Google in Android Q saranno obbligatori per tutti i dispositivi

Durante la conferenza per gli sviluppatori I / O di Google dello scorso anno, Google ha presentato la prima versione beta di Android P con i nuovi controlli di navigazione di Google. I nuovi gesti di Google si sono sentiti un po 'cotti perché i gesti non hanno liberato spazio sullo schermo aggiuntivo e non hanno sostituito il pulsante indietro. I nuovi gesti introdotti in Android Q beta 3 sono diversi, tuttavia. La nuova implementazione di "navigazione completamente gestuale" di Google non ha più pulsanti per l'utente da premere, la parte inferiore è molto più piccola e la barra inferiore è molto più sottile. I nuovi gesti sembrano molto più simili a quelli di iOS, ma questa non è una brutta cosa perché Apple ha ottenuto gesti sin dall'inizio. Da quando Google ha mostrato i nuovi gesti durante il keynote, ci siamo interrogati su cosa accadrà all'ecosistema Android con l'introduzione di un'altra interfaccia di controllo gestuale, in particolare quella che Google chiede agli sviluppatori di apportare modifiche. Ora, abbiamo appreso che Google sta rendendo obbligatorio il controllo dei gesti per tutti i dispositivi che eseguono Android Q. I gesti di navigazione di Google sono ora solo i gesti di navigazione di Android. Come promemoria, ecco come funzionano i nuovi gesti di Google, come descritto nel nostro precedente articolo su tutti i cambiamenti che abbiamo individuato nell'ultima beta. Scorri verticalmente verso l'alto dal basso per andare a casa Scorri orizzontalmente da sinistra o destra per tornare indietro Scorri diagonalmente dall'angolo inferiore sinistro o destro finché il dito raggiunge il centro dello schermo per attivare Google Assistant Scorri orizzontalmente a sinistra o a destra sul gesto in basso barra per passare rapidamente tra le app Scorri verso l'alto e tieni premuto per accedere alla panoramica delle app recenti Durante la sessione "Supporting usability mobile with Dark Theme and Gestures in Android Q" oggi, Ronan Shah, product manager di Google sul team dell'interfaccia utente del sistema Android, ha confermato che nella piattaforma Android saranno supportati solo 2 metodi di navigazione: i nuovi gesti di Google e i tradizionali gesti a 3 pulsanti. "In futuro per Android, stiamo andando avanti con il supporto di 2 modalità di navigazione. Il primo è 3 pulsanti, sai che gli utenti Android amano 3 pulsanti. Sappiamo che è super utilizzabile e risponde anche a molte esigenze di accessibilità che i gesti semplicemente non possono. D'altra parte, sappiamo anche che c'è un sacco di voglia di gesti, quindi sosterremo la modalità 1 gesture, che è ciò che hai visto, andando avanti in Android – e solo quella. "- Ronan Shah, Google. Mr. Shah continua, spiegando perché hanno deciso di limitare gli OEM a implementare i propri controlli gestuali. "Gli utenti desiderano sempre esperienze coinvolgenti in Android, e una cosa che i produttori di dispositivi hanno fatto è cercare di avvicinarsi a questo da un lato software. E quello che hanno fatto è stato costruito il loro personale navigatore. E ogni produttore di dispositivi ha un'impressione diversa di come dovrebbe funzionare il comando nav. Quello che riconosciamo su una piattaforma è che diventa pazzo per uno sviluppatore. Pensando a N diverse modalità di navigazione quando stai provando a sviluppare, progettare, testare, la tua app, è solo una specie di follia. Con questo in mente, abbiamo introdotto questo gesto nav in Q e stiamo andando a standardizzare l'ecosistema con Q su 3 pulsanti e il nostro modello va avanti. "- Ronan Shah, Google. Questo ha molto senso perché la nuova navigazione gestuale in Android Q richiederà a molti sviluppatori di rielaborare le proprie app per gestire i conflitti. Le app con barre laterali non funzionano bene con il nuovo gesto del pulsante Indietro, quindi gli sviluppatori dovranno spostarsi da tale interfaccia o disabilitare i controlli gestuali con la nuova API setSystemGestureExclusionRects. Poiché gli sviluppatori devono ora prendere in considerazione questa considerazione, è meglio che ci sia solo una implementazione del controllo gestuale in corso in modo che gli sviluppatori non debbano considerare come gestire il comportamento dei gesti su dispositivi diversi da Google. Ogni produttore di dispositivi ha il proprio sistema di navigazione, quindi è bello sapere che Google sta uniformando i gesti in Android Q attorno a un singolo modello. Purtroppo, questo significa che gli eccezionali controlli gestuali di OnePlus, Huawei, Xiaomi e Motorola non saranno disponibili nelle rispettive versioni di Android Q. D'altra parte, è fantastico che Google imponga l'inclusione della tradizionale navigazione a 3 pulsanti come modalità opzionale. Google ha precedentemente rimosso la navigazione a 3 pulsanti dai propri smartphone Pixel 3 e Pixel 3 XL, ma entrambi i dispositivi ora hanno accesso alla modalità tradizionale senza dover ricorrere a trucchi. Grazie ad Andreas Proschofsky di DerStandard per l'heads up! Il post I nuovi gesti di navigazione di Google in Android Q saranno obbligatori per tutti i dispositivi visualizzati per primi su sviluppatori xda.

Commenti

commenti