Xiaomi lancia Mi Pay in India, annuncia il settimo impianto di produzione con "Make in India" per aumentare la produzione del 50%

Redmi Go, lanciato oggi in India, è lo smartphone più economico di Xiaomi. Mentre il suo cartellino del prezzo di $ 65 ha definitivamente rubato lo show, Xiaomi ha anche fatto due annunci importanti all'evento. La principale società di smartphone in India ha lanciato Mi Pay, un'app di pagamenti basata su UPI profondamente integrata in MIUI e ha annunciato una nuova unità produttiva sotto "Make in India" che contribuirà ad aumentare la capacità di produzione di smartphone del 50%. Mi Pay Mi Pay è una soluzione di pagamento che offre molti semplici modi per trasferire denaro utilizzando l'UPI (Unified Payments Interface). Gli utenti MIUI possono inviare o richiedere denaro da app quali Contatti, SMS, Impostazioni, Scanner e App Vault. Analogamente ad altre app di pagamento UPI, tra cui Bhim, Google Pay (ex Tez) o Paytm, Mi Pay ha anche ricevuto la certificazione obbligatoria dal National Payments Council of India (NPCI) per pagamenti sicuri e conforme alle normative sui dati RBI. Il servizio è stato lanciato a dicembre dello scorso anno per gli utenti che eseguono MIUI beta e ora ha iniziato a implementare build stabili. Oltre a facilitare le transazioni UPI standard, Mi Pay consentirà anche agli utenti di pagare le bollette usando le carte di credito o di debito. Attualmente, Xiaomi afferma di supportare oltre 120 emittenti di fatture e 120 banche nazionali e regionali in India, il che sembra un buon inizio. È un modo semplice per gli utenti della maggior parte delle città dell'India di pagare le bollette per acqua, elettricità e gas da cucina. Gli utenti possono anche pagare bollette telefoniche o ricaricare i loro telefoni tramite l'app. Attualmente, Mi Pay è solo per gli smartphone Xiaomi in India che funzionano su MIUI mentre i dispositivi Android One Xiaomi Mi A1 e Xiaomi Mi A2 e Redmi Go, che funzionano su Android 8.1 Oreo (Go Edition), sono esclusi dall'elenco dei telefoni supportati . Dobbiamo ancora scoprire se funziona su smartphone di altre società che eseguono MIUI come ROM personalizzata. Nel frattempo, se utilizzi MIUI, puoi scaricare Mi Pay dal Mi Store per provare l'app. Settimo stabilimento manifatturiero con "Make in India": 3 telefoni ogni secondo Xiaomi ha annunciato il suo settimo impianto di produzione in India in collaborazione con Flex Ltd. per ottenere incentivi sotto "Make in India". Questo stabilimento è stato aperto a Sriperumbudur, la cittadina nello stato del Tamil Nadu, che ospita molte strutture di produzione automobilistica e l'unità di produzione di smartphone ormai defunta di Nokia. Con la nostra collaborazione con Foxconn, Hipad e ora @flexintl, siamo stati in grado di generare oltre 20.000 posti di lavoro nei nostri stabilimenti di produzione di smartphone nel paese. A @XiaomiIndia, siamo orgogliosi del fatto che il 95% della forza lavoro nei nostri impianti sono donne! #MakeInIndia #MiForYou pic.twitter.com/2Yx6mcF8F0 – Mi India (@XiaomiIndia) 19 marzo 2019 Xiaomi dice che includendo la struttura più recente, sarà in grado di produrre tre smartphone ogni secondo contro due in precedenza, che per semplice matematica si traduce a un urto del 50% in produzione. Xiaomi dice che ora impiega una forza lavoro totale di 20.000 presso i suoi impianti di produzione in tutta l'India, con il 95% degli impiegati che sono donne. Xiaomi sta già acquistando localmente il 65% dei componenti mentre assemblava il 100% dei PCB in India. Il nuovo impianto di produzione dovrebbe aiutare Xiaomi a soddisfare la crescente domanda di smartphone Xiaomi e Redmi a prezzi convenienti. Il post Xiaomi lancia Mi Pay in India, annuncia il settimo impianto di produzione di "Make in India" per aumentare la produzione del 50%, apparso prima su xda-developers.

Commenti

commenti