WhatsApp lancia un servizio di controllo dei fatti per combattere le notizie false in India

WhatsApp ha annunciato in una dichiarazione che sta lavorando con la startup indiana PROTO per costruire un database di voci per studiare disinformazione durante il prossimo periodo elettorale in India. Questo database sarà integrato da un "tipline" in cui gli utenti possono inviare messaggi al fine di renderlo classificato come vero, falso, fuorviante o contestato. Gli utenti di WhatsApp in India possono inviare informazioni incerte e voci che ricevono a +919643000888, un servizio chiamato "Checkpoint Tipline". Una volta ricevuto il messaggio dalla tipline, il centro di verifica di Proto tenterà di rispondere e informare l'utente se la richiesta presentata nel messaggio è stata verificata o meno. La risposta indicherà se le informazioni sono classificate come vere, false, fuorvianti, contestate o fuori ambito e includono qualsiasi altra informazione correlata disponibile. Il centro può rivedere le voci sotto forma di immagini, collegamenti video e testo. Può coprire l'inglese e altre quattro lingue regionali (hindi, telugu, bengali, malayalam). Proto incoraggerà inoltre le organizzazioni di base a presentare le voci che circolano tra le diverse regioni dell'India durante il periodo elettorale alla ribalta. "L'obiettivo di questo progetto è studiare il fenomeno della disinformazione su larga scala – in modo nativo su WhatsApp. Man mano che aumentano i flussi di dati, saremo in grado di identificare i problemi, le località, le lingue, le regioni e altro ancora più sensibili o interessati. I rapporti di verifica che inviamo promuoveranno i nostri "post di ascolto" di base per inviare più segnali per l'analisi. "I fondatori di Proto Ritvvij Parrikh e Nasr ul Hadi WhatsApp hanno detto che Dig Deeper Media e Meedan, entrambi hanno precedentemente lavorato su disinformazione- progetti correlati in tutto il mondo, stanno anche aiutando Proto a sviluppare i quadri di verifica e ricerca per l'India. Reuters ha provato a testare il servizio inoltrando un messaggio con informazioni false. Anche dopo due ore di consegna, il sito Web era ancora in attesa di classificazione sul messaggio. WhatsApp sta anche testando altri mezzi per combattere la minaccia di notizie false e disinformazione, in particolare in India, dove le voci diffuse sulla piattaforma di messaggistica hanno portato a molti linciaggi e morti di massa lo scorso anno. Il numero di utenti a cui è possibile inoltrare un messaggio era limitato a cinque in tutto il mondo e i messaggi inoltrati sono chiaramente etichettati come "inoltrati". Presto, i messaggi inoltrati più di quattro volte avranno anche un'etichetta "frequentemente inoltrata". Resta da vedere quanto saranno efficaci queste misure, soprattutto alla luce delle imminenti elezioni del Lok Sabha del 2019 in India. Fonte 1: Livemint Source 2: Economic Times Il post WhatsApp lancia un servizio di controllo dei fatti per combattere le notizie false in India, apparso prima su xda-developers.

Commenti

commenti