Tech

Regolatore del Regno Unito: le concessioni di Microsoft "risolvono sostanzialmente" le preoccupazioni sull'accordo con Activision

Il piano di Microsoft di vendere i diritti di cloud gaming di Activision Blizzard a Ubisoft sembra aver placato i regolatori antitrust britannici che in precedenza avevano cercato di bloccare l'acquisizione da 68,7 miliardi di dollari del produttore di Call of Duty.
La decisione preliminare di venerdì dell'Autorità britannica per la concorrenza e i mercati (CMA) arriva meno di un mese prima della scadenza prorogata del 18 ottobre per Microsoft per completare l'acquisizione.
La Federal Trade Commission statunitense, che ha perso il suo tentativo iniziale di bloccare l'accordo, continua a contestare l'acquisizione davanti alla Corte d'Appello del Nono Circuito.
Microsoft questa settimana ha citato una “gamma quasi senza precedenti” di gruppi imprenditoriali e sindacali che sostengono la posizione dell'azienda a favore dell'acquisizione.
La decisione della CMA non è definitiva e l'agenzia afferma che sta esaminando ulteriori rimedi che Microsoft ha proposto per affrontare le sue "limitate preoccupazioni residue" sull'applicazione della vendita dei diritti di cloud gaming a Ubisoft.
Ma l’agenzia ha chiarito che Microsoft ha superato la maggior parte delle sue obiezioni.
"In contrasto con l'accordo originale, Microsoft non controllerà più i diritti di cloud gaming per i contenuti di Activision, quindi non sarebbe nella posizione di limitare l'accesso ai contenuti chiave di Activision al proprio servizio di cloud gaming o di negare tali giochi ai rivali," CMA ha scritto, aggiungendo che il nuovo piano “apporta importanti modifiche che risolvono sostanzialmente le preoccupazioni esposte in relazione alla transazione originale all’inizio di quest’anno”.
Brad Smith, presidente e vicepresidente di Microsoft, ha affermato in una dichiarazione che la società è "incoraggiata da questo sviluppo positivo nel processo di revisione della CMA" e "continuerà a lavorare per ottenere l'approvazione per chiudere prima della scadenza del 18 ottobre".

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d