Tech

Olis Robotics raccoglie 4 milioni di dollari per portare i sistemi per la gestione remota dei robot a un livello superiore

Olis Robotics, con sede a Seattle, ha raccolto 4,1 milioni di dollari per esplorare nuovi mercati di strumenti che consentano di monitorare e controllare i robot industriali da remoto e in modo sicuro.
Il round di finanziamento è stato guidato da PSL Ventures, ha affermato oggi Olis Robotics in un comunicato stampa.
Un ulteriore sostegno è arrivato da Tectonic Ventures, Ubiquity Ventures e diversi angel investor strategici, tra cui Daniel Theobald, un pioniere nel settore che ha svolto un ruolo chiave nella fondazione di MassRobotics e Vecna Robotics.
Il prodotto di punta di Olis, Olis Connect, aiuta gli operatori a monitorare e gestire le loro macchine in remoto da qualsiasi luogo tramite qualsiasi dispositivo compatibile con browser.
Se un robot incontra un problema, Olis Connect invia un avviso tramite una connessione sicura al dispositivo dell'operatore senza connettersi al cloud, il che rappresenta un'ulteriore protezione negli ambienti in cui la sicurezza informatica è un problema.
Gli operatori possono quindi utilizzare il sistema in remoto per eseguire azioni di ripristino dagli errori, come rilasciare la presa del robot su una parte o spostare il robot dalla sua posizione di errore.
“I tempi di inattività dei robot possono costare a un impianto di grandi dimensioni oltre 1 milione di dollari l'ora.
Quando ogni minuto conta, è necessario sfruttare gli strumenti remoti per reagire il più rapidamente possibile, indipendentemente da dove ti trovi", ha spiegato Fredrik Ryden, CEO di Olis Robotics.
"La nostra tecnologia è ingegnosamente semplice da usare e estremamente pratica in termini di impatto." TA McCann, partner di PSL Ventures, ha affermato che gli strumenti per la gestione remota delle apparecchiature robotiche possono essere particolarmente utili nell'ambiente aziendale odierno.
"Nel bel mezzo di una crisi globale del lavoro nel settore manifatturiero, le aziende stanno adottando l'automazione in numeri da record, con conseguenti chiamate da parte di produttori e integratori per soluzioni di monitoraggio, diagnostica e controllo remoti robuste, sicure e protette", ha affermato McCann, che si unisce Consiglio di amministrazione di Olis Robotics.
Ha detto che la tecnologia di controllo remoto dei robot di Olis Robotics "risponde a quella chiamata".
"Può essere facilmente implementato sia sull'automazione nuova di zecca che su quella legacy, il che significa un'opportunità di mercato dinamica ed entusiasmante per gli investitori", ha affermato McCann.
Olis Robotics sta attualmente fornendo supporto completo per i robot di Universal Robots e FANUC, che copre circa il 20% dello stock operativo di oltre 3,5 milioni di robot industriali distribuiti in tutto il mondo.
La società afferma che utilizzerà i nuovi finanziamenti per aggiungere supporto a più marchi di robot, che rappresentano più della metà di tutti i robot industriali.
Il finanziamento aiuterà anche Olis a sviluppare nuovi prodotti software e ad espandere le sue partnership con gli integratori di sistemi robotici in Nord America.
La gestione remota dei robot sarà un "punto di svolta" per l'automazione industriale, secondo Brad Sparkman, presidente e CEO di Innovative Finishing Solutions, uno dei principali integratori di robot di verniciatura FANUC per l'industria automobilistica.
"Abbiamo implementato migliaia di robot negli ultimi due decenni come azienda", ha affermato Sparkman.
"Date le attuali sfide del lavoro, prevediamo che la maggior parte di questi sarà adattata con la tecnologia Olis entro i prossimi due anni".
Olis Robotics è nata nel 2013 come spin-out dell'Università di Washington.
Nei suoi primi anni, la startup si è concentrata su sistemi di controllo remoto per robot sottomarini e applicazioni robotiche spaziali, in collaborazione con la US Navy e la NASA.
L'azienda ha cambiato nome da BluHaptics a Olis Robotics nel 2018 e ha spostato la sua attenzione sul mercato dei robot industriali.
“Abbiamo fatto perno nel luglio 2021 (ovvero quando sono passato al ruolo di CEO).
Da allora, abbiamo raccolto 5,2 milioni di dollari (compreso questo round)", ha dichiarato Ryden in una e-mail.
“A quel punto abbiamo annullato i nostri contratti spaziali e abbiamo anche smesso di fare il lavoro sottomarino.
Questo ci ha permesso di concentrarci completamente sui mercati della produzione e della movimentazione dei materiali (dove ci sono circa 5 milioni di robot industriali distribuiti in tutto il mondo)." Ryden ha detto che attualmente ci sono sei persone che lavorano alla Olis.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d