Tech

L’intelligenza artificiale è sopravvalutata o sottostimata? Ecco cosa pensano i tecnici di Seattle

A seconda di chi chiedi, l’intelligenza artificiale sta ricevendo troppa attenzione o non abbastanza.
Questo è stato uno degli insegnamenti tratti dalle mie conversazioni di ieri sera al ricevimento di apertura dell'IA Summit, che si svolge oggi a Seattle e si concentra su applicazioni intelligenti e generative.
Un nuovo rapporto della società di analisi GBK Collective ha rilevato che il 58% dei dirigenti senior utilizza attivamente l’intelligenza artificiale generativa sul lavoro.
Da un recente sondaggio KPMG è emerso che più di due terzi dei CEO considerano l’intelligenza artificiale generativa una priorità primaria per la propria azienda.
Ma il fermento attorno all’intelligenza artificiale potrebbe essere in fase di estinzione.
Crescono i timori di una bolla e i venture capitalist si chiedono se la tecnologia si tradurrà mai in profitti.
Abbiamo parlato con cinque persone all'evento di lunedì per sapere se l'intelligenza artificiale è sopravvalutata o sottostimata al momento attuale.
I commenti sono stati modificati per brevità e chiarezza.
Gaurav Oberoi, CEO e co-fondatore della startup Lexion di Seattle “Sono entrambe le cose.
Sopravvalutato per molti utenti business, acquirenti di prodotti, le cui aspettative sono state fissate un po' fuori allineamento con ciò che è effettivamente possibile.
D'altra parte, è sottostimato perché le potenzialità di ciò che è possibile sono significative.
E penso che tutti noi che costruiamo nello spazio vediamo queste capacità e pensiamo, cavolo, stanno per arrivare molti prodotti davvero fantastici.
Quindi è un momento interessante”.
Beth Birnbaum, ex dirigente di Expedia e Grubhub, attuale membro del consiglio di amministrazione di WIley, Root, Fandom e altre società “È il livello di pubblicità adeguato.
L’intelligenza artificiale è il tipo di tecnologia trasformativa che non avrà l’impatto che le persone pensano avrà nei prossimi anni.
Ma avrà un enorme impatto trasformativo nei decenni a venire”.
Jonathan Yan, CEO e co-fondatore della startup di Seattle Roam “È sottostimato.
E' ancora molto presto.
Stiamo individuando tutti i casi d'uso e i progressi attraverso la tecnologia.
Col passare del tempo, si spera di vedere la portata e l’impatto sulla nostra società.
Probabilmente si potrebbe tracciare un parallelo con la crescita del Web3.
Ma in termini di punti critici e problemi che l’intelligenza artificiale risolve per la società, penso che superi di gran lunga il Web3”.
Bob Muglia, ex amministratore delegato di Snowflake.
attuale angel investor e membro del consiglio di amministrazione di RelationalAI, Docugami, Fauna e altre società “È difficile dire che non sia abbastanza pubblicizzato.
Quindi non posso dire che sia sottostimato.
Penso che stiamo per entrare, secondo i termini di Gartner, nella classica fase di disillusione.
Ma potrebbe essere di breve durata, a seconda della bontà dei prodotti”.
Wanda Wang, responsabile della tecnologia AI generativa presso Deloitte “Sopravvalutato perché le persone che non necessariamente toccano e costruiscono l'IA hanno tutte queste idee sbagliate al riguardo, come se fosse magia.
Ma è anche sottostimato perché alcuni non si rendono conto dell’incredibile quantità di potenziale”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d