Tech

L'impatto dell'intelligenza artificiale sull'arte e sui creatori: preoccupazioni etiche e legali sulla proprietà, la disinformazione e altro ancora

Le implicazioni etiche e legali che circondano la rapida ascesa dell'intelligenza artificiale e degli strumenti di intelligenza artificiale generativa come ChatGPT avranno sicuramente un impatto su aziende, consumatori e aule di tribunale nei prossimi anni.
Per artisti e creatori e coloro che acquistano o concedono in licenza il loro lavoro, può essere un momento di confusione per considerare come l'IA avrà un impatto su chi ha creato cosa e chi lo possiede.
Giovedì, lo studio legale Davis Wright Tremaine e l'organizzazione no profit Washington Lawyers for the Arts hanno co-ospitato una tavola rotonda intitolata “Artificial Intelligence: The New Muse? Il panorama legale, normativo ed etico in continua evoluzione dell'AI." CORRELATO: Microsoft, Amazon e altre società tecnologiche si impegnano con la Casa Bianca per l'IA responsabile I membri del panel includevano Tiffany Georgievski, un avvocato di AI, privacy dei dati e IP con Sony AI; Joaquin Hernandez, consigliere senior di Pixel United; e Joshua Trujillo, fotografo, operatore video e narratore di Starbucks.
La discussione ha toccato una serie di preoccupazioni tra i creatori e coloro che studiano e argomentano la legge quando si tratta di protezione del copyright, proprietà intellettuale, azione legislativa e normativa, etica, disinformazione, trasparenza e altro.
Ecco alcuni dei punti salienti dei commenti dei relatori, modificati per brevità e chiarezza: Chi possiede cosa? Hernandez: “In termini di output e cosa viene generato da questo strumento, chi lo possiede? Qualcuno tornerà da noi e dirà: 'Ehi, questo mi sembra davvero familiare.' Un artista dirà: "Stai violando il mio prodotto?" Chi è responsabile? Il creatore del modello AI, o siamo noi che lo stiamo usando? Questo è ancora un po' poco chiaro a questo punto".
Trujillo: “Ci sono molti strumenti di intelligenza artificiale là fuori in questo momento che in realtà stanno davvero spingendo i creatori.
Penso che lo spazio in cui i creatori sono davvero nervosi sia lo spazio generativo perché ciò implica la tua capacità di essere pagato, la tua capacità di essere accreditato, la tua capacità di farne una carriera.
Ed è questo che fa paura a molte persone”.
Georgievski: “Alcune delle cose che trovo davvero interessanti sono i diversi approcci che i fornitori di IA stanno adottando nei loro termini di servizio.
Alcuni diranno: 'Non possiedo le uscite.
Forse lo fai.
Forse no, ma non sono io.
Altri in realtà diranno: "Io possiedo le uscite e tu hai una licenza".
Puoi possederlo se sei un membro a pagamento.' Quindi il fatto che in questo momento non esista nemmeno uno standard di mercato in termini di qualcuno che utilizza questi strumenti, e il fatto che gli artisti possano utilizzare questi strumenti per migliorare la loro creatività e finire forse per creare qualcosa che vogliono proteggere, e potrebbero anche non possedere i diritti, penso sia un'area enorme su cui riflettere per gli artisti.
Panico per la nuova tecnologia Trujillo: “La fotografia è un mezzo di creazione che ha sempre fatto affidamento sulla tecnologia: è la tecnologia.
E c'è sempre stato un po' di panico ad ogni introduzione.
Quando è stato introdotto l'autofocus, c'è stato un po' di panico.
Questo mi sostituirà? Tutti saranno in grado di farlo? Quando la fotografia digitale, quando Adobe Photoshop, la manipolazione delle immagini – quando ogni cosa è arrivata, c'è stato un piccolo ciclo di panico.
E poi alla fine le persone trovano un modo per sfruttarlo e utilizzarlo per essere ancora più creativi.
Non è tutto negativo là fuori.
Ma da quello che ho sentito c'è molta paura in questo momento".
Lotta alla disinformazione: Trujillo: “La verità è il segno distintivo del giornalismo, il segno distintivo di una popolazione informata.
Tutti noi cittadini ed elettori dobbiamo essere informati.
E se veniamo informati dalla disinformazione e dalla disinformazione e da attori malintenzionati che stanno cercando di influenzare le opinioni, ciò alla fine influisce sulla nostra democrazia.
Abbiamo visto cosa è successo con le elezioni con meme e Facebook, ma questo è un mostro completamente diverso.
Tutti noi cittadini informati dobbiamo essere iper consapevoli di quello spazio in questo momento, perché è molto pericoloso.
Georgievski: “Conosci i tuoi fornitori, sai cosa stanno facendo, qual è la loro reputazione.
Come stai identificando o non identificando le opere umane rispetto alle opere generate dall'intelligenza artificiale? Esistono proposte normative sugli obblighi di trasparenza in termini di identificazione di cose che sono generate dall'IA rispetto a quelle che non lo sono.
L'autenticità dei contenuti è un grande campo di ricerca in questo momento nello spazio dell'IA: possiamo effettivamente avere un modo per dire che questo proviene da uno specifico punto vendita o fotografo, o possiamo almeno identificare cosa viene generato dall'IA o no? Questi strumenti non sono davvero disponibili in questo momento, ma me lo aspetto perché è un nuovo mercato ed è un argomento grande e caldo che potremmo vederne alcuni in futuro.
Tutela dell'arte e degli artisti Trujillo: “C'è sempre lo stereotipo dell'artista affamato, dell'artista povero.
È sempre stato davvero difficile farcela come artista.
Spero solo in un sistema o in una società o in un quadro legale o legislativo che possa agire per sostenere in qualche modo i creativi.
Perché penso che in questo momento molte persone nel mondo creativo si sentano così lasciate indietro e molte di loro si sentano impotenti in questo momento.
CORRELATO: Soundbites su AI: i veterani della musica di Seattle condividono preoccupazione ed entusiasmo per come la tecnologia potrebbe avere un impatto sull'arte Hernandez: “In termini di protezione, dipende: lo stai proteggendo dal fatto che qualcuno raschi il tuo lavoro in un set di dati che sta addestrando l'IA, rispetto all'output? L'output è facile perché sappiamo già che qualunque cosa l'IA crei è probabile che tu non possa proteggerla.
Ma come proteggerlo dal fatto che un'azienda di intelligenza artificiale lo utilizzi come parte del suo set di dati per addestrare il suo modello di intelligenza artificiale? Questo è un po' più difficile.
Puoi arrivare alle questioni rudimentali, come, fai attenzione a ciò che metti là fuori.
Oppure, utilizza una piattaforma sicura in cui rende molto più difficile lo scraping dei dati.
Georgievski: “L'intelligenza artificiale, in particolare i modelli di intelligenza artificiale generativa, non sono destinati a competere con gli artisti, sono davvero lì per migliorare la creatività.
Il problema che vedremo è che improvvisamente tutti sono un'azienda di intelligenza artificiale.
E non sai di chi fidarti davvero.
L'obiettivo non è che l'IA uccida improvvisamente le arti.
Non credo che nessuno lo voglia.
Quello che stiamo vedendo sono solo conseguenze indesiderate di una nuova tecnologia che non è stata completamente elaborata.
E la cosa fantastica è che l'enfasi sull'intelligenza artificiale all'interno della comunità open source farà avanzare rapidamente molte misure di salvaguardia per aiutare, ancora una volta, a non rendere questo qualcosa che è uno strumento competitivo, ma creare strumenti nuovi e interessanti che possono effettivamente aiutare a elevare l'umanità in generale, anche attraverso le arti.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d