Le società di smartphone indiane affermano che GSMA mostra favoritismi nei confronti dei marchi cinesi

Il mercato degli smartphone in India è dominato da società cinesi che hanno detenuto tre delle prime cinque posizioni in termini di spedizioni di smartphone lo scorso anno. Si prevede che la loro quota aumenterà ulteriormente quest'anno con il sottomarca Realme di OPPO che spinge aggressivamente a bordo di una quota importante dei consumatori indiani. Nel frattempo, i produttori indiani sono stati ridotti alle vendite marginali nel paese e Micromax è l'unica azienda a rimanere tra i primi 5. Mentre questa condizione dei marchi di smartphone indiani è dovuta ad un lento adattamento delle nuove tecnologie, accusano il favoritismo di GSMA nei confronti del cinese è probabile che i marchi vengano incolpati di questo rallentamento. Diversi fonemaker indiani hanno affermato che GSMA – l'organismo commerciale internazionale che rappresenta quasi 1200 operatori di telecomunicazioni e assegna una parte dei numeri IMEI a tutti i dispositivi cellulari – è stato di parte a favore delle aziende cinesi. Secondo un rapporto dell'Economic Times, le società indiane si sono lamentate del fatto che GSMA offre enormi sconti ai produttori cinesi mentre devono pagare l'intera quota di assegnazione per i codici di assegnazione tipo. I codici di assegnazione tipo oi TAC sono le prime otto cifre dei numeri IMEI assegnati a tutti i dispositivi che utilizzano le connessioni GSM. ET rileva che GSMA ha rinunciato al canone che i produttori cinesi avrebbero altrimenti dovuto pagare tra il 2010 e il 2017. Al contrario, alle società indiane è stato chiesto "ingiustamente" di pagare $ 5-6 milioni (~ $ 350-415 milioni) cumulativamente. Le aziende indiane che hanno protestato contro queste accuse includono Celkon, Micromax, DataWind, HiTech, Karbonn, Lemon, Maxx e Ziox. Questi produttori hanno chiesto il rimborso totale delle quote di assegnazione TAC pagate da loro durante il periodo summenzionato e hanno anche affermato che questa disparità nei loro confronti ha portato anche a un "ambiente anticoncorrenziale". Sotto questo, sostengono i marchi, le aziende cinesi hanno prosperato e stabilito una roccaforte in mercati in via di sviluppo come l'India. GSMA ha ammesso questa differenza di tasse, ma si è opposta alle accuse di parzialità. L'ente per le telecomunicazioni ha affermato che "sta lavorando con il governo indiano e i produttori di cellulari interessati per comprendere le loro preoccupazioni". Citando la riservatezza, la GSMA si è astenuta dall'offrire qualsiasi altro dettaglio su queste discussioni. Tuttavia, ha citato "barriere di regolamentazione al di fuori del suo controllo" che hanno impedito di addebitare le tasse simili in diverse regioni fino al 2017. Negli ultimi anni, prezzi feroci da parte dei produttori cinesi hanno ridotto significativamente anche la quota di aziende indiane nello smartphone come i mercati dei telefoni feature. Se questo è veramente un caso di trattamento ingiusto da parte di GSMA o l'insicurezza dei marchi indiani di essere spazzati via dal mercato, è qualcosa che impareremo in futuro. Le società di smartphone post indiani affermano che la GSMA mostra favoritismi nei confronti dei marchi cinesi apparsi per primi su xda-sviluppatori.

Commenti

commenti