La versione beta di Android Q per Google Pixel e Pixel 2 può ora essere rootata

Prima del rilascio della prima beta di Android Q, lo sviluppatore riconosciuto XDA topjohnwu ha annunciato di aver radicato Android Q. Ha realizzato questa impresa grazie a una build di Android Q trapelata che abbiamo anche ottenuto. Quando la beta ufficiale è scesa per tutte e tre le linee di smartphone Google Pixel, topjohnwu si è tuffato di nuovo per vedere se poteva far funzionare Magisk. Ha subito capito che il rooting dell'ultima versione di Android è più difficile di quanto sembri. Tuttavia, prima di oggi è riuscito a rootare Android Q, ma solo per Google Pixel, Pixel XL, Pixel 2 e Pixel 2 XL. Purtroppo, Google Pixel 3 e Pixel 3 XL non possono ancora essere rootati. Forum Pixel Forum Pixel XL Forum Pixel 2 Forum Pixel 2 XL Se possiedi un Pixel, Pixel XL, Pixel 2 o Pixel 2 XL, puoi effettuare il root del tuo telefono passando al canale Magisk Canary. Una volta effettuato il root del telefono, una cosa che consiglio vivamente di provare è abilitare la modalità dark a livello di sistema ma disabilitare il buio forzato nelle app di terze parti. L'abilitazione della modalità dark può essere eseguita senza root, ma disabilitando l'oscuramento forzato in app come Google Photos root richiesta per modificare una proprietà di sistema. Per quanto riguarda i possessori di Pixel 3 o Pixel 3 XL, dovrai aspettare topjohnwu per capire come far funzionare Magisk sull'ultimo aggiornamento per questi due dispositivi. Magisk Canary Channel Allora, cosa sta sostenendo il supporto di Magisk su Pixel 3? La ragione ha a che fare con le partizioni logiche e gli overlayfs. Le partizioni logiche coinvolgono una vera partizione di storage, divisa in partizioni ridimensionabili dinamicamente come sistema, fornitore, odm, oem, prodotto, ecc. Overlayfs, o overlay file system, sovrappone fondamentalmente il contenuto di un albero di directory su un altro. Concettualmente, è un po 'come Magisk, anche se il modo in cui funziona è diverso. Entrambe le partizioni logiche e gli overlayfs sono stati implementati per rendere possibile l'Android dinamico in Android Q, sebbene phhusson, sviluppatore riconosciuto da XDA, crede che verranno utilizzati per qualcosa di più. Google Pixel 3 e Pixel 3 XL hanno partizioni logiche, mentre i pixel Pixel, Pixel XL, Pixel 2 e Pixel 2 XL no. topjohnwu dice che la partizione del sistema logico di Google Pixel 3 non è più riconosciuta come immagine EXT4, quindi i suoi precedenti metodi di montaggio del sistema non funzionano. Secondo topjohnwu, Magisk dirotta il montaggio di tutto ciò che include sistema, fornitore, prodotto, odm, ecc. Durante il processo di avvio, quindi "copia la directory radice dal sistema in rootfs", quindi applica le patch sepolicy usando i dati dalle partizioni montate, e infine aggiusta il processo init per caricare la sepolicy patchato. Dice che ha bisogno di esaminare come montare le partizioni logiche nelle prime fasi di avvio, il che implica imparare come funziona il device-mapper. Ecco dove Magisk è in questo momento per quanto riguarda il rooting di Android Q. Se topjohnwu progredisce sul rooting del Pixel 3 che esegue la beta, ti faremo sapere a tutti.

Commenti

commenti