Tech

La mostra di Alexander Calder prende il via a Seattle grazie al grande regalo dell'ex presidente di Microsoft

Una nuova importante mostra e un'iniziativa pluriennale che celebra la vita e l'opera dell'artista Alexander Calder è stata aperta al Seattle Art Museum, con una varietà di cellulari colorati, sculture e altro che dimostrano il contributo duraturo di Calder all'arte moderna.
La mostra, "Calder: In Motion, The Shirley Family Collection", è un dono dell'ex presidente di Microsoft Jon Shirley e di sua moglie Kim e presenta più di 48 opere d'arte provenienti dalla collezione privata della coppia.
È incentrato su un gruppo di cellulari sospesi e in piedi risalenti agli anni '20 e '70.
Martedì, durante un'anteprima, gli Shirley hanno parlato di come sperano che il lavoro di Calder e i programmi di sensibilizzazione di SAM per attirare le persone verso quel lavoro attirino più visitatori in centro e svolgano un ruolo nel rivitalizzare il nucleo della città sulla scia della pandemia di COVID-19.
"Questa mostra supera le nostre più grandi speranze", ha detto Jon Shirley.
"Ora tutto sembra migliore di prima a casa nostra." Infatti, nelle diverse gallerie del museo, le opere di Calder risaltano contro alte pareti bianche e semplici esposizioni.
La galleria a doppia altezza, uno spazio progettato per opere di grandi dimensioni, presenta diversi affacci dal piano superiore per la vista verso il basso su mobili che si muovono dolcemente.
Shirley è entrata in Microsoft nel 1983 come presidente, direttore operativo e direttore e ha il merito di aver supervisionato la costruzione del campus della sede centrale di Microsoft a Redmond, nello stato di Washington.
Si è ritirato nel 1990 e ha lasciato il consiglio di amministrazione nel 2008.
Gli Shirley sostengono da tempo il Seattle Art Museum e attualmente fa parte del consiglio di amministrazione del museo.
Jon Shirley è stato presidente del consiglio dal 2000 al 2008 ed è stato determinante nello sviluppo dell'Olympic Sculpture Park di SAM e nell'acquisizione della scultura di Calder “The Eagle”, che è lì esposta.
"Ci hanno fatto ancora un altro dono di incredibile grandezza", ha detto il direttore ad interim e CEO di SAM Kimerly Rorschach degli Shirley.
Jon Shirley ha acquistato la sua prima opera di Calder 35 anni fa e ha ampliato la collezione con la sua defunta moglie, Mary.
Definita una delle più importanti collezioni private dell'arte di Calder, la mostra mette in risalto i temi, gli stili e i materiali più importanti di Calder.
Shirley ha detto che la creazione artistica pratica di Calder lo ha sempre attratto e, sebbene l'intelligenza artificiale sia un grosso problema nella ex azienda di Shirley e in tutto il panorama tecnologico e culturale, a suo avviso l'arte rimane una creazione fisica.
"È sempre stata una cosa pratica", ha detto Shirley a GeekWire.
“Sì, puoi dire al metaverso di creare arte, ma devi convincere il pubblico che quella è arte.
Deve piacergli e deve attrarre le persone.
Alcune macchine IA potrebbero produrre qualcosa di davvero eccezionale, ma non credo che gli artisti di tutto il mondo debbano preoccuparsi che l’IA gli porti via il lavoro”.
Per quanto riguarda l'intelligenza artificiale, Shirley pensa che il colosso della tecnologia sia molto intelligente nel modo in cui persegue la tecnologia.
Shirley conosceva un altro veterano di Microsoft – e noto collezionista d'arte – di nome Paul Allen.
Ha detto che Allen gli ha mostrato la sua collezione e ha chiesto a Shirley un paio di volte cosa ne pensasse delle cose, ma ha detto che Allen "stava seguendo la sua strada speciale".
Alla fine, dopo la sua morte, la vasta collezione di Allen fu messa all'asta da Christie's per oltre 1,5 miliardi di dollari.
Gli Shirley hanno preferito non seguire la strada dell'asta e hanno deciso di portare le loro opere di Calder e una donazione di 10 milioni di dollari al SAM, come un dono duraturo al museo e all'intera comunità di Seattle.
Una settimana dopo che il fondatore di Amazon Jeff Bezos aveva annunciato che avrebbe lasciato Seattle per Miami, Jon Shirley ha affermato che le sue attività filantropiche dimostrano che è importante avere legami con un luogo.
“Ovunque tu sia, e metti radici, cerchi di aiutare la comunità in ogni modo possibile”, ha detto.
“Così tante persone nel mondo della tecnologia vogliono scegliere una causa particolare di cui poter misurare i risultati.
Diventa così transazionale.
In alcuni casi potrebbe essere fantastico, in altri casi non credo che serva affatto.” Per maggiori dettagli su Calder, la collezione e la mostra, visitare qui.
Continua a scorrere per altre foto GeekWire da "Calder: In Motion" al Seattle Art Museum:

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d