Tech

Il proprietario dei Seattle Mariners John Stanton sulle modifiche alle regole della MLB, gli arbitri robot e Shohei Ohtani

John Stanton, CEO dei Seattle Mariners e figura chiave nella nuova era delle regole della MLB, vede un futuro per palloni e colpi automatizzati nei campionati più importanti.
Preferirebbe non chiamarli "ump robot".
"Nel baseball, non ci piace particolarmente il termine 'robot umps' perché abbiamo persone reali che sono arbitri", ha detto Stanton mercoledì all'annuale festa barbecue sul tetto di GeekWire.
"Esaminiamo la possibilità di quelli che chiamiamo 'sistemi automatizzati di palla/colpi', molto più educati".
Un metodo potenziato dalla tecnologia per chiamare palle e colpi, dibattuto per anni dai tradizionalisti del baseball e dai sostenitori del potenziale cambiamento, è in fase di test a livello di tripla A e potrebbe arrivare alla MLB nel prossimo futuro.
Stanton, che presiede il comitato per la competizione della lega, ha affermato che un fattore chiave è capire come dovrebbe essere esattamente la zona di sciopero in un sistema automatizzato.
Teoricamente, la zona dello strike è una casella sopra casa base.
Ma gli arbitri in realtà chiamano una zona di strike ovale e i lanci che colpiscono l'angolo della zona box non vengono chiamati strike anche se tecnicamente lo sono, ha detto.
"Abbiamo dovuto trasformarlo in un algoritmo e stiamo ancora lavorando su quale sia l'algoritmo giusto", ha detto Stanton.
La zona d'attacco ufficiale della MLB è stata modificata più volte nella storia del campionato e potrebbe cambiare di nuovo con l'introduzione di nuove tecnologie.
Sarebbe l'ultimo di una serie di aggiustamenti che la MLB sta apportando nel tentativo di accorciare i giochi e aumentare l'azione sul campo.
MLB quest'anno ha implementato diverse modifiche alle regole, tra cui un pitch clock, mandati di turni difensivi e basi più grandi.
"La zona dello strike ha tutto a che fare con più palloni in gioco", ha detto Stanton.
“Quindi ci stiamo lavorando.
Non so se lo faremo l'anno prossimo.
Potremmo farlo l'anno successivo.
Prima di assumere la carica di CEO di Mariners nel 2016, Stanton ha contribuito a trasformare il settore wireless, ricoprendo ruoli esecutivi in aziende come McCaw Cellular e VoiceStream Wireless, il predecessore del moderno T-Mobile.
Ha anche co-fondato Trilogy, una società di capitali di rischio di lunga data nell'area di Seattle, e siede nei consigli di amministrazione di Microsoft e Costco.
CORRELATI: Il baseball è pronto per gli arbitri robot? Abbiamo condotto un sondaggio informale all'MLB All-Star Game di Seattle L'anno scorso, i Mariners hanno interrotto la più lunga siccità di playoff attiva nello sport.
Quest'anno la squadra ha ospitato l'All-Star Game della Major League Baseball.
E con la vittoria per 6-1 di ieri sera su San Diego, i Mariners hanno vinto la loro settima partita consecutiva e si ritrovano di nuovo in lizza per i playoff.
"È solo il brivido di una vita", ha detto Stanton riguardo al suo lavoro.
Ecco altri frammenti della mia intervista con Stanton.
Le risposte sono state modificate per brevità e chiarezza.
Pubblicheremo la conversazione per intero più tardi questa settimana.
Sul non andare in pensione “Sono un completo fallimento quando vado in pensione.
Ho provato diverse volte.
Davvero non capisco.
Spero, immagino, di non capirlo mai.
Su com'è gestire i Mariners rispetto ad altre società “È esattamente la stessa cosa.
Trova persone fantastiche da guidare e togliti di mezzo.
Abbiamo alcune delle migliori persone nel baseball, persone davvero talentuose.
Il baseball è sinonimo di innovazione e creatività.
E quindi se c'è qualcosa che faccio è porre domande e incoraggiare le persone che guidano l'organizzazione a prendere in considerazione una varietà di prospettive mentre prendono decisioni.
Su Shohei Ohtani, la star dei Los Angeles Angels una volta nella generazione che sarà un free agent in questa bassa stagione “Ci concentriamo sullo sviluppo di grandi giocatori.
Crediamo che il miglior giocatore per noi nel tempo sarà un giocatore giovane che saremo in grado di avere fino in fondo attraverso il nostro sistema e svilupparci.
Esamineremo i free agent ogni bassa stagione per soddisfare le esigenze.
Dal nostro punto di vista, Ohtani è l'unicorno.
Lo guarderemo chiaramente, saremo chiaramente nella conversazione.
Ma penso che abbiamo una grande squadra con o senza di lui".
Sulle modifiche alle regole di questa stagione “Il baseball non aveva davvero chiesto ai suoi fan cosa volessero dal gioco.
La prima cosa che hanno detto sono stati i giochi più brevi.
Volevano anche più azione nel gioco: basi rubate, doppie, triple, assist in campo, tutte quelle cose.
E così abbiamo quindi esaminato le regole che avrebbero permesso al gioco di cambiare in quei modi.
Abbiamo trovato alcune opportunità che pensavamo fossero buone.
Li abbiamo testati nei campionati minori.
Abbiamo testato alcune cose che non si sono verificate.
In realtà abbiamo provato a spingere indietro il tumulo del lanciatore.
Non ha funzionato.
E ai giardinieri non è piaciuto.
La cosa più importante che abbiamo fatto è il pitch clock.
I fan ci hanno detto che volevano una partita di due ore e mezza.
Siamo vicini a questo.
Inizieremo a testare questo mese alcuni approcci diversi sull'orologio del campo.
Il [modifica della regola] più semplice su cui concordare è stato l'ampliamento delle dimensioni delle basi.
Pensi, che differenza fa avere una base da 15 pollici rispetto a una base da 18 pollici? E la risposta è che nei test che abbiamo fatto in Tripla A, ha ridotto gli infortuni del 37%.
Uno dei nostri obiettivi è rendere il gioco più sicuro e questo è stato molto importante.
Ed è stata la cosa più semplice per mettere d'accordo giocatori, arbitri e proprietari.
Sui sistemi automatizzati di palla/colpo “Quest'anno abbiamo testato due diversi approcci in Triple-A.
Se vai a una partita martedì, mercoledì o giovedì, li vedrai chiamare le palle e colpire sulla base di una scatola generata dal computer.
E poi venerdì, sabato e domenica vedrete qualcosa che assomiglia un po' di più al tennis.
È quello che chiamiamo il sistema delle sfide, in cui il lanciatore, il ricevitore e il battitore hanno tre sfide che possono usare durante il gioco.
Diventa una nuova parte del gioco.
Sull'uso dell'intelligenza artificiale "Abbiamo alcune persone che lavorano su soluzioni di intelligenza artificiale a una varietà di problemi, soprattutto per rendere il gioco più attraente per i fan in modo da poter fare un lavoro migliore per ottenere il tuo hot dog più velocemente o ottenere la tua birra più veloce e più freddo e avere i nostri giocatori in grado di giocare in modo più efficace.
Su consiglio della leadership “Assumi persone fantastiche e sviluppale.
Ed è davvero quello che facciamo con i nostri giocatori.
Guardi un giovane di nome Julio Rodriguez che ha 22 anni.
Fa parte della nostra organizzazione da quando aveva 16 anni.
I nostri allenatori e il nostro staff di sviluppo lo hanno trasformato nel tipo di giocatore che è, chiaramente con il vantaggio di un enorme talento atletico grezzo.
La chiave è che manager e dirigenti non hanno il monopolio del talento.
Devi ascoltare le persone che lavorano per te e sviluppare quelle persone e dare loro la possibilità di fallire, la possibilità di commettere errori.
E se lo fai, nella maggior parte dei casi ti dimostreranno che hai ragione.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d