Tech

Il dirigente tecnico di Seattle, Gordon Gardiner, dovrà affrontare un compito impegnativo come nuovo CEO di OceanGate

A un veterano della scena delle startup e degli investimenti di Seattle, Gordon Gardiner, è stato affidato il compito di guidare l'Oceangate all'indomani della controversa perdita di giugno del sommergibile Titan e del suo equipaggio durante un'immersione nel naufragio del Titanic e, infine, alla chiusura delle operazioni.
Gardiner è stato nominato amministratore delegato e direttore della società privata con sede a Everett, che ha sospeso le operazioni commerciali e di esplorazione dopo l'implosione di Titano nelle profondità dell'Oceano Atlantico settentrionale.
Il precedente CEO e co-fondatore di OceanGate, Stockton Rush, era tra i cinque membri dell'equipaggio che morirono.
Il compito principale del nuovo CEO è guidare OceanGate attraverso le indagini in corso e la chiusura delle operazioni dell'azienda, ha affermato OceanGate in una nota.
La società ha già chiuso la sua pagina Facebook e gli account X/Twitter, e il suo sito web è stato ridotto a un'unica pagina in bianco e nero che annunciava la sospensione delle operazioni.
La Guardia Costiera degli Stati Uniti ha istituito un Marine Board of Investigation per esaminare le cause della catastrofica implosione del sommergibile, in collaborazione con il National Transportation Safety Board e le sue controparti in Gran Bretagna, Canada e Francia.
È prevista un'udienza pubblica come parte del processo investigativo e anche il Congresso può condurre udienze.
C'è anche la possibilità che le azioni legali vengano intentate dai sopravvissuti delle vittime o dai creditori.
Dopo la perdita del Titan, sono emerse domande acute sui metodi utilizzati per fabbricare lo scafo in composito di carbonio del Titan.
Nel 2018, un informatore ha sollevato preoccupazioni in una denuncia inviata a un ispettore dell'Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro.
Ma la denuncia è stata ritirata a fronte di minacce legali, ha riferito il New Yorker.
Rob McCallum, socio fondatore di Eyos Expeditions ed esperto di esplorazione delle profondità oceaniche, aveva preoccupazioni simili durante lo sviluppo di Titan.
Ha detto a GeekWire che i prossimi due anni potrebbero essere difficili per OceanGate.
"Le indagini porteranno alla luce l'intera storia…
e ci sarà molta ricerca interiore da parte di coloro che hanno consentito a Stockton [Rush] e OceanGate di passare alla fase operativa", ha detto McCallum in una e-mail.
"Il personale senior, il consiglio di amministrazione e gli avvocati sono tutti impegnati per un paio d'anni piuttosto difficili…
e l'OSHA e l'USCG trarranno vantaggio da un po' di auto-riflessione".
Gardiner è cresciuto a Boston, ma vive a Seattle da 26 anni.
Oltre al suo incarico presso OceanGate, è presidente di Quantum Holdings e socio accomandatario di Swiftsure Capital, entrambi con sede a Seattle.
Dal 2017 al 2021 è stato CEO di TableSafe, un'impresa con sede a Kirkland, nello stato di Washington, che ha aperto la strada ai dispositivi di pagamento self-swipe per i ristoranti ed è stata acquisita da Mad Mobile nel 2021.
Negli ultimi 15 anni, Gardiner è stato direttore nei consigli di amministrazione di altre sei società coinvolte in una varietà di settori, tra cui tecnologia e produzione.
Gardiner ha iniziato la sua carriera con un'affiliata di JP Morgan, dove ha lavorato per 15 anni a New York, San Francisco e in Europa.
Successivamente ha ricoperto il ruolo di chief financial officer di società tecnologiche nel software di comunicazione, nei servizi di tecnologia dell'informazione e nei servizi Internet per i consumatori.
Altri fatti da una biografia fornita da OceanGate: Gardiner ha conseguito la laurea presso l'Università di Harvard, dove è stato anche capitano dell'equipaggio dei pesi massimi.
Ha completato l'Executive Program for Growing Companies presso la Stanford University Graduate School of Business.
È un appassionato sciatore e ciclista.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d