Tech

I leader tecnologici di Seattle lamentano la partenza di Techstars ma rimangono ottimisti sulle nuove opportunità

Techstars Seattle è finito.
Cosa significa per l'ecosistema delle startup della città? Questa è una domanda che abbiamo in mente subito dopo la sorprendente notizia di questa settimana da parte di Techstars di chiudere il suo programma di Seattle.
"È una grave perdita per la nostra straordinaria comunità", ha detto a GeekWire Isaac Kato, ex amministratore delegato di Techstars Seattle.
Più di 160 startup hanno partecipato all'acceleratore principale di Techstars Seattle da quando è stato lanciato nel 2010.
Il programma, con sede presso la Startup Hall dell'Università di Washington, è servito da hub chiave per i fondatori di startup in erba che avevano bisogno di tutoraggio e capitale per costruire le prossime grandi aziende .
Ha anche attirato imprenditori e investitori a Seattle, rafforzando la forza tecnologica della città.
"Mi sono trasferito dall'India a San Jose e ho deciso di trasferirmi a Seattle solo grazie a Techstars Seattle", ha affermato Surbhi Rathore, co-fondatore di Symbl.ai, laureato a Techstars Seattle 2019.
“Abbiamo spostato qui il nostro quartier generale e non siamo più tornati indietro”.
Techstars ha fornito una "rampa verso l'imprenditorialità", ha affermato Bilal Aijazi, fondatore di Polly.ai, un laureato di Techstars Seattle nel 2016 che ha continuato a raccogliere numerosi finanziamenti.
Ma la fine di un programma “non crea né distrugge Seattle”, ha osservato Elizabeth Scallon, leader di lunga data di startup di Seattle che gestiva programmi di accelerazione presso UW e WeWork.
"Seattle ha alcuni dei migliori fondatori", ha detto.
"Solo perché Techstars sta chiudendo non significa che la comunità se ne stia allontanando." C'è voce nei circoli delle startup di Seattle che qualcos'altro riempirà il vuoto.
"Penso che apra un'opportunità", ha affermato Aviel Ginzburg, socio accomandatario di Founders' Co-op che in precedenza gestiva l'acceleratore Amazon Alexa di Techstars a Seattle.
“Il cambiamento può essere triste e doloroso, ma in un ambiente di crescita, che abbiamo assolutamente nell’ecosistema delle startup di Seattle, la chiusura di Techstars farà senza dubbio spazio a qualcosa di meglio per tutti”.
IN PRECEDENZA: Techstars Seattle sta chiudendo mentre l'acceleratore sposta l'attenzione verso le città con più attività di VC.
Nel frattempo, però, la mancanza di un programma di accelerazione di alto livello potrebbe essere un danno per la comunità delle startup di Seattle.
"Abbiamo bisogno di un YC per Seattle", ha detto Rathore, riferendosi allo stimato acceleratore della Bay Area Y Combinator.
“Se Techstars non è questo, temo che più imprenditori si trasferiranno nella Valley e questo non è favorevole all’innovazione oltre la Big Tech che vogliamo promuovere nella comunità del Pacifico nordoccidentale”.
Techstars ha affermato che prevede di concentrarsi sulle città con una maggiore concentrazione di attività di venture capital.
Secondo PitchBook, lo scorso anno le aziende dell’area di Seattle hanno raccolto 751 milioni di dollari in capitale di rischio, cifra che impallidisce se paragonata alla Silicon Valley (30,3 miliardi di dollari) e inferiore a quella di New York (11,4 miliardi di dollari); Boston (5,8 miliardi di dollari); e Los Angeles (4,8 miliardi di dollari).
Ma "l'interesse e l'attività del venture capital a Seattle rimangono molto forti", ha affermato Tim Porter, amministratore delegato di Madrona, la più grande e antica società di venture capital della regione.
Tuttavia, Scallon ha sottolineato la scarsità di finanziamenti disponibili a Seattle per gli imprenditori che hanno bisogno di capitali per testare le proprie idee nelle fasi iniziali.
Il formato tradizionale dell'acceleratore potrebbe non essere quello necessario per rispondere a tale esigenza, ha affermato.
"Il curriculum accelerato e la cottura a pressione di un programma di otto, 12 settimane – non so se sia davvero più necessario", ha detto.
Madrona gestisce la propria versione di un acceleratore, Madrona Venture Labs, e Pioneer Square Labs gestisce un solido studio di startup a Seattle.
Ma qualcosa di più agnostico o decentralizzato con valori condivisi da un gruppo diversificato di investitori – forse simile ai primi giorni di Techstars Seattle – potrebbe essere ciò di cui ha bisogno la scena delle startup di Seattle.
“Se ci sono buone notizie qui, questa comunità resiliente e affiatata quasi certamente si auto-organizzerà per preservare le relazioni che si sono formate negli ultimi quindici anni”, ha scritto Kato su LinkedIn.
“Ci sono ampie opportunità per un successore di colmare il divario: forti acceleratori locali come Techstars Seattle hanno dimostrato di essere immensamente utili per le comunità imprenditoriali che servono”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d