Google rimuove TikTok dal Play Store dopo la direttiva del governo e della magistratura indiana

TikTok, l'app popolare che ti consente di creare brevi video con il doppiaggio, è diventata un fenomeno globale negli ultimi anni. L'app ha colmato il vuoto lasciato dalla popolarità in declino di Vine, in quanto ha permesso ai suoi utenti di essere creativi (o cringey) con i loro video. TikTok ha continuato a fondersi con un'app simile chiamata musical.ly nell'agosto 2018, creando una community video ancora più ampia composta principalmente da adolescenti e giovani adulti. Indipendentemente dal fatto che ti piaccia TikTok o lo odi, l'app è stata inclusa nelle migliori app di Google Play del 2018 per il suo quoziente di intrattenimento tra il pubblico. Ma gli sviluppi recenti indicano che questa potrebbe essere la fine della strada per l'app nel mercato indiano, dal momento che il governo ha cercato di vietare l'applicazione a seguito delle sentenze per lo stesso da parte della magistratura indiana. Il banco Madurai dell'Alta corte di Madras in India ha emesso un ordine provvisorio ex parte il 3 aprile 2019 contro TikTok e la sua società madre ByteDance Technology Pvt Ltd, indirizzando il governo indiano a vietare il download di TikTok. Lo stesso ordine ha continuato a vietare ai media i video di telecasting realizzati con TikTok. La principale argomentazione contenuta nell'ordine ruota attorno alla vulnerabilità dei bambini e in che modo l'uso di TikTok li espone a predatori sessuali, pornografia e altri contenuti inappropriati. Puoi leggere ulteriori informazioni sull'ordine e sull'ordine stesso dalla copertura di LiveLaw. Poiché l'ordinanza provvisoria è stata passata ex parte (cioè senza sentire l'altra parte), ByteDance ha contestato lo stesso nella Corte Suprema dell'India come da procedura. ByteDance ha sostenuto di fronte alla Corte Suprema che l'app è come qualsiasi altra piattaforma di social media, e che scegliere TikTok è discriminatorio e arbitrario e che il divieto "sproporzionato" ha portato alla violazione del diritto fondamentale alla libertà di parola e di espressione. Bytedance ha anche sostenuto che una proporzione "molto ridotta" di contenuto di TikTok è stata considerata inappropriata o oscena dai suoi utenti. Dal momento che la questione era ancora sub-judice (cioè ancora in fase di decisione) dall'Alta Corte di Madras, la Corte Suprema non ha passato un soggiorno sul divieto. Conseguentemente alla decisione della Corte Suprema di non interferire con il divieto in quella fase, il Ministero dell'Industria Elettronica e dell'Informazione del governo dell'India ha ordinato a Google e Apple di rimuovere l'app dal Google Play Store e dall'App Store di Apple rispettivamente. L'Alta Corte di Madras procedette quindi con i procedimenti giudiziari e si rifiutò di revocare il divieto imposto. L'Alta Corte di Madras ha rinviato la questione al 24 aprile, mentre la prossima data per l'udienza della Corte Suprema è prevista per il 22 aprile. Di conseguenza, l'app popolare e la sua variante Lite non sono più disponibili per il download dal Play Store nell'India regione. L'India ha costituito circa il 39% della base di 500 milioni di utenti di TikTok nel 2018, e una mossa come questa influenza fortemente l'app e la sua capacità di fare affari in un mercato così importante. Gli utenti che hanno scaricato l'app possono continuare a utilizzarlo e l'app può essere ancora trasferita da fonti alternative per coloro che non lo hanno fatto. Ma anche in questo caso, questo influisce in modo massiccio sulla rilevabilità e legittimità delle app per i consumatori finali. La Corte Suprema di Madras e la decisione della Corte Suprema, se continui a vietare permanentemente TikTok in India, costituiranno un precedente nel paese in cui le piattaforme (e "intermediari") saranno direttamente responsabili dei contenuti condivisi su di loro. L'ordine provvisorio promuove la censura (anche se nell'interesse dei gruppi vulnerabili), e un ordine futuro sulla stessa linea porterà a massicci sforzi di autocensura e di pulizia dei contenuti in tutte le principali piattaforme che desiderano ancora contare l'India come loro mercato. Quindi, sebbene tu possa essere contento di vedere meno del contenuto accattivante di TikTok, l'effetto a catena di tali decisioni potrebbe andare avanti e avere ramificazioni di vasta portata. Fonte 1: LiveLaw Source 2: LiveLaw Source 3: Economic Times Fonte 4: Reuters Il post Google rimuove TikTok dal Play Store dopo che la direttiva del governo e della magistratura indiana è apparsa per la prima volta su xda-developers.

Commenti

commenti