Tech

Gli scrittori rispondono all'ottimismo sull'IA di Marc Andreessen con il loro manifesto: "È per lo più una sciocchezza"

Che effetto avrà per un pubblico più ampio il “Manifesto del Tecno-Ottimista”, l'inno del venture capitalist Marc Andreessen alla crescita economica e all'intelligenza artificiale? Le recensioni provengono da due scrittori pluripremiati che hanno familiarità con l'impatto dell'intelligenza artificiale generativa sulle professioni creative.
"Penso che sia per lo più una sciocchezza", ha detto giovedì lo scrittore di fantascienza Ted Chiang al GeekWire Summit di Seattle.
Chiang, residente da molto tempo nella zona di Seattle, è meglio conosciuto come l'autore di "Story of Your Life", il racconto adattato per il film candidato all'Oscar del 2016 "Arrival".
Ma ha anche ottenuto consensi come commentatore sugli effetti dell'intelligenza artificiale per il New Yorker e altre pubblicazioni.
Il mese scorso, la rivista Time ha incluso Chiang tra le 100 persone più influenti nel campo dell’intelligenza artificiale.
L'altro scrittore sul palco del SIFF Cinema era Eric Heisserer, lo sceneggiatore che ha trasformato la storia di Chiang nella sceneggiatura di “Arrival”.
Heisserer ha assistito da vicino al dibattito sull'intelligenza artificiale generativa e sul futuro del lavoro come membro del comitato negoziale della Writers Guild of America durante il suo recente sciopero contro gli studios di Hollywood.
Sia Chiang che Heisserer sostengono che l’intelligenza artificiale viene troppo spesso descritta ingiustamente come una panacea high-tech.
Questa affermazione è emersa forte e chiara nel manifesto di Andreessen, che definiva l’intelligenza artificiale un “risolutore di problemi universale”.
"La tecnologia può risolvere alcuni problemi, ma penso che i problemi più grandi che dobbiamo affrontare non siano problemi che abbiano soluzioni tecnologiche", ha detto Chiang in risposta.
“Il cambiamento climatico probabilmente non ha una soluzione tecnologica.
La disuguaglianza della ricchezza non ha una soluzione tecnologica.
La maggior parte di questi sono problemi di volontà politica.
… E quindi il manifesto di Marc Andreessen è un ottimo esempio di come si ignorano tutte queste altre realtà.” Chiang ha contestato il punto di vista di Andreessen secondo cui la crescita è sempre positiva.
“La crescita è insostenibile su un pianeta finito, quindi ad un certo punto dovremo pensare a qualche alternativa a un’economia in crescita, una sorta di stato stabile, perché le leggi della fisica metteranno fine alla crescita in un certo momento.
punto”, ha detto.
Ha anche richiamato l'attenzione sul track record di Andreessen come commentatore tecnico.
"Era completamente coinvolto nelle criptovalute", ha detto Chiang.
“È completamente coinvolto nel metaverso.
Chiunque fosse così entusiasta di queste cose… penso che dobbiamo tenerlo a mente quando valutiamo la loro credibilità su qualsiasi cosa raccomandino ora”.
Lo sciopero di 146 giorni della Writers Guild di quest’estate – e uno sciopero parallelo degli attori SAG-AFTRA, che continua senza una soluzione rapida in vista – rappresentano due delle prime scaramucce sindacali sull’impatto dell’intelligenza artificiale generativa sulle professioni creative.
L'accordo che alla fine è emerso dai colloqui della Writers Guild con l'Alliance of Motion Picture and Television Producers include garanzie che il materiale generato dall'intelligenza artificiale non verrà utilizzato per minare il credito o i diritti separati di uno scrittore.
Gli scrittori possono utilizzare l'intelligenza artificiale se un'azienda acconsente, ma un'azienda non può richiedere a uno scrittore di utilizzare il software AI.
Heisserer ha detto che la storia dietro le quinte dei negoziati probabilmente non sarebbe stata una grande sceneggiatura per un film.
"È molto più noioso di un film di fantascienza", ha scherzato.
Ma il contratto potrebbe aiutare gli scrittori a scongiurare una potenziale apocalisse dell’intelligenza artificiale negli anni a venire.
"Abbiamo detto: 'Non affrettiamoci a mettere migliaia e migliaia di persone senza lavoro prima di sapere che qualcosa può effettivamente migliorare la produttività'", ha detto Heisserer.
“Non si trattava di temere che l’intelligenza artificiale potesse portarci via il lavoro.
Eravamo preoccupati che un MBA troppo entusiasta volesse farlo e usasse l’intelligenza artificiale come scusa”.
Heisserer ha affermato che gli attori in sciopero condividono alcune delle preoccupazioni degli scrittori, oltre ad altre preoccupazioni.
Ad esempio, gli attori temono che le scansioni digitali dei loro corpi possano essere utilizzate per creare spettacoli generati dall’intelligenza artificiale senza consenso o compenso.
Ha ricordato un aneddoto trasmesso dai negoziati SAG-AFTRA.
"Non so se questa sia stata la ragione principale per cui la SAG-AFTRA ha deciso di scioperare, ma so che è stato un momento molto pericoloso nelle trattative…
quando un dirigente della Disney ha spiegato i termini della loro proposta al Il comitato negoziale del SAG ha affermato: "Accorderemo il consenso e il compenso per gli attori affinché utilizzino la tua immagine come controfigura digitale nei nostri progetti".
Tuttavia, se l'attore è morto, possediamo i suoi diritti digitali per sempre,'” ha ricordato Heisserer.
Allora cosa deve fare un tecnico quando si tratta di applicare l'intelligenza artificiale? Sia Chiang che Heisserer hanno affermato che il primo passo dovrebbe essere quello di determinare se le capacità dell’intelligenza artificiale – o di qualsiasi altra tecnologia, del resto – sono adatte alla sfida che si sta affrontando.
“È un problema che la tecnologia può o addirittura dovrebbe risolvere? O c'è qualcos'altro? Qual è il motivo?" chiese Heisserer.
"E se dovessi ritrovarti incredibilmente ricco per qualcosa del genere, cerca di evitare la tendenza dei miliardari che si sono trasformati in cattivi di Futurama." Per ulteriori letture, Chiang consiglia il commento di David Karpf su "The Techno-Optimist Manifesto".
Chiang parteciperà a una conversazione con Emily Bender, professoressa di linguistica presso l'Università di Washington, presso il municipio di Seattle il 10 novembre.
L'evento, incentrato sulla natura della creatività e sulle crescenti preoccupazioni sulla narrazione generata dall'intelligenza artificiale, è una raccolta fondi per Clarion Ovest.
Il campione di “Jeopardy” Tom Nissley, proprietario di Phinney Books, sarà il moderatore.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d