Tech

Cosa ha detto in tribunale il CEO di Microsoft Satya Nadella su Google, Apple, la ricerca e il futuro dell'intelligenza artificiale

Potresti aver letto le succose battute di Satya Nadella nel processo antitrust di Google questa settimana, in cui il CEO di Microsoft ha sostenuto che il gigante della ricerca sfrutta ingiustamente il suo potere di mercato per soffocare la concorrenza (un'accusa che Google contesta con veemenza).
Ma c'era molto altro da digerire dai suoi commenti.
In questo episodio del podcast di GeekWire, rievochiamo parti della sua testimonianza, spieghiamo le posizioni sostenute da Microsoft e Google nel caso e discutiamo dell'ironia del fatto che Microsoft si sia schierata con il Dipartimento di Giustizia due decenni dopo la sua battaglia antitrust.
Ecco alcuni punti salienti della sua testimonianza: Impostazioni predefinite di ricerca: “L'intera nozione secondo cui gli utenti hanno la possibilità di scegliere e vanno da un sito web all'altro o da una ricerca all'altra… è [completamente] fasulla.
Ci sono impostazioni predefinite.
L'unica cosa che [conta] in termini di cambiamento del comportamento di ricerca.
E a questo punto, in effetti, è ancora più vero.
…Ti alzi la mattina, ti lavi i denti e cerchi su Google.
E quindi, con un tale livello di formazione di abitudini, l’unico modo per cambiare è modificare le impostazioni predefinite”.
L'influenza di Google sulla distribuzione: “L'unico vantaggio che Google ha nel difendere le proprie impostazioni predefinite…
lo considero come un gioco di bastoni e carote.
Cerchiamo tutti di difenderci con la carota, che è la ricompensa per la distribuzione predefinita OEM.
Google ha le carote e ha dei bastoni enormi.
… "Rimuovereremo Google Play se non ci hai come browser principale." E senza Google Play, un telefono Android è un mattone.
E quindi questo è il tipo di cose che è impossibile da superare.
Nessun OEM lo farà”.
Il caso antitrust di Windows e Microsoft: “Google esiste per due cose.
Uno è a causa del nostro decreto di consenso, in base al quale abbiamo dovuto porre molti limiti su ciò che potevamo distribuire e non distribuire per impostazione predefinita.
E, in secondo luogo, perché [del] fatto che potevi distribuire tutto ciò che volevi su Windows, ed è ancora così, giusto, non è solo Google.
… Il più grande mercato su Windows sembra non essere di Microsoft, è Steam.
E quindi è una piattaforma aperta su cui chiunque può distribuire qualsiasi cosa." Il futuro dell’intelligenza artificiale: “Mi preoccupo molto, nonostante il mio entusiasmo, che ci sia una nuova prospettiva con l’intelligenza artificiale.
Temo molto che, in effetti, questo circolo vizioso in cui sono intrappolato possa diventare ancora più vizioso perché i default vengono rafforzati.
Il contenuto dell'editore può rimanere bloccato.
E quindi, se ci sono accordi esclusivi sui contenuti che stanno accadendo proprio mentre parliamo…
tutto quel contenuto oggi, almeno quello che è scansionabile da tutti e utilizzabile dalla formazione di grandi modelli, potrebbe diventare esclusivo.
La risposta di Google: in tribunale questa settimana, gli avvocati di Google hanno contrastato la tesi di Microsoft sottolineando il successo di Google nel convincere gli utenti a cambiare le impostazioni predefinite di Windows su Chrome e la ricerca di Google come predefinite.
Il problema di Microsoft non è Google, sostengono, ma la qualità relativamente scarsa dei risultati di ricerca di Bing.
Nadella ha affermato in risposta che Microsoft ha bisogno di più dati per essere in grado di produrre risultati migliori, che deriverebbero da una maggiore quota di mercato, cosa che Microsoft sostiene che Google le sta ingiustamente impedendo di raggiungere.
Apple e Bing: le negoziazioni di Microsoft con Apple per rendere Bing l'impostazione predefinita su iOS sono state oggetto di molti avanti e indietro durante la testimonianza di Nadella, incluso questo divertente scambio con John Schmidtlein, un avvocato di Google.
Nadella: Quindi il punto che stavo sottolineando ad Apple – che, tra l'altro, è l'unico motivo per cui hanno continuato a impegnarsi, è con il marchio Apple, non si sarebbe chiamato Bing.
Avevamo tutti i tipi di flessibilità strategica.
Sarebbe stato proprio come Apple Maps, questa era l'idea.
Non si trattava di cercare di mettere Bing…
in primo piano e al centro.
Schmidtlein: Oh, capisco, avresti nascosto il marchio Bing? Nadella: Sì, certo.
Avremmo sfruttato qualunque opportunità che Apple ritenesse fosse la loro occasione per avere successo con la tecnologia.
Schmidtlein: Quindi avresti cercato di nascondere il marchio Bing dietro il marchio Apple e di convincere tutti gli utenti di Google a restare con Bing invece di tornare a Google, che è quello che hanno fatto in massa su Windows, giusto? Nadella: Non è quello che ho detto.
Link correlati e copertura: Testimoniando nel processo di Google, il CEO di Microsoft Satya Nadella avverte che l'intelligenza artificiale potrebbe estendere il vantaggio del gigante della ricerca The Verge: Satya Nadella dice a un tribunale che Bing è peggio di Google – e Apple potrebbe risolverlo New York Times: il CEO di Microsoft testimonia che Google Il potere nella ricerca è onnipresente Nel segmento finale dello spettacolo: L'intelligenza artificiale generativa e il "fantasma di Lesser Seattle".
Rivisitiamo il nostro tentativo di incanalare il defunto, grande editorialista del quotidiano di Seattle Emmett Watson con l'aiuto di ChatGPT e valutiamo la reazione.
Emmett Watson incontra ChatGPT: e se il campione di 'Lesser Seattle' potesse vederci adesso? Marketplace: c'è un angolo di Internet in cui gli YouTuber leggono i necrologi di sconosciuti.
Perché? Ascolta sopra o iscriviti a GeekWire in Apple Podcast, Google Podcast, Spotify o ovunque ascolti.
Con i co-fondatori di GeekWire Todd Bishop e John Cook.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d