Tech

"Come possiamo domarlo?" Gli strumenti di intelligenza artificiale stanno già cambiando l’arte e l’illustrazione nel settore dei fumetti

All'Emerald City Comic Con di quest'anno a Seattle, una delle tavole rotonde ha riunito diversi artisti attivi per discutere di come l'avvento degli strumenti di intelligenza artificiale generativa abbia già cambiato il volto della loro professione, degli altri problemi che vedono in futuro e di cosa pensano Mi piacerebbe vedere da aziende tecnologiche e legislatori.
L'attrice Julie Snyder ha ospitato una discussione di gruppo che includeva Fabrice Sapolsky, CEO dell'editore indipendente Fair Square Comics; il pittore e illustratore Kit Steele; Tony Moy, acquarellista, scrittore e creatore del webcomic sulla Seconda Guerra Mondiale 4Forty2nd – The Lost Battalion su Webtoon; e Melissa Capriglione, scrittrice, illustratrice e creatrice del webcomic Falconhyrste, che ha recentemente pubblicato il suo graphic novel d'esordio Basil & Oregano presso Dark Horse.
Tutti e quattro gli artisti hanno condiviso storie di problemi che hanno avuto con l'arte basata sull'intelligenza artificiale, sia in generale che con altri creatori, insieme a diverse soluzioni proposte.
"Per me, puoi usare l'intelligenza artificiale per la traduzione, per scrivere testi di marketing, per controllare la grammatica, per fare molte altre cose che non sono necessariamente malvagie", ha detto Sapolsky.
“Il problema principale è morale.
Viviamo in un’era in cui la tecnologia va più veloce della legge”.
Sapolsky ha aggiunto: “L’intelligenza artificiale non scomparirà.
Dobbiamo abituarci.
Ora, come possiamo domarlo?" AI vs.
realtà Tutti e quattro gli artisti del panel si sono imbattuti in problemi derivanti direttamente dall'uso dell'intelligenza artificiale generativa, in particolare il modo in cui ha influenzato le loro pratiche e le interazioni con i clienti.
"Una delle cose che [l'intelligenza artificiale] fa, in termini di furto, sono i bulbi oculari", ha detto Moy.
"Abbiamo tutti una quantità limitata di tempo per scorrere sui nostri telefoni, e per ogni account AI che incontri nel tuo feed, ci sono occhi lontani dall'arte reale di qualcuno." Un artista che utilizza strumenti tradizionali, come penna e inchiostro o acquerelli, potrebbe impiegare ore per creare un singolo pezzo, mentre l’intelligenza artificiale può generare dozzine o centinaia di immagini nello stesso periodo di tempo.
Qualcuno come Moy potrebbe essere in grado di pubblicare nuove opere d'arte solo una volta al giorno o meno tramite i social media, mentre gli account dedicati all'arte basata sull'intelligenza artificiale possono soffocarlo a causa del volume.
"Ho visto Tony [dipingere] nella hall degli hotel alle 4 del mattino perché aveva una commissione da finire", ha detto Sapolsky.
“Trascorre otto, dieci ore su un pezzo, mentre qualcuno può impiegare 25 secondi a imitare lo stile di Tony attraverso Midjourney o Leonardo.
Questo é un problema." Ciò a sua volta può creare, e ha creato, aspettative irrealistiche da parte dei clienti, che finiscono per avere idee gonfiate su ciò che un artista umano è effettivamente capace di fare.
"C'è un elemento del livello di aspettativa [set di intelligenza artificiale] per le capacità umane", ha detto Steele.
“Abbiamo visto tutti le foto che compaiono su Facebook, come [sculture] che semplicemente non sono fisicamente possibili, indipendentemente dall'abilità o dal talento dello scultore originale.
Stai ottenendo persone che hanno completamente trasferito il loro livello di pensiero critico su Internet e confidano che ciò che vedono sia la realtà.
Capriglione ha aggiunto: "Ciò alimenta l'aspettativa di gratificazione immediata sui social media: 'Questa persona non pubblica abbastanza, quindi seguirò questo artista AI che pubblica di più.' Dovremmo pubblicare post ogni giorno, ma io voglio lavorare.
Voglio disegnare.
Andiamo, forza." Il risultato, in particolare per un artista che lavora e che guadagna una parte del proprio reddito complessivo attraverso commissioni, è un pubblico con una comprensione più allentata di come e perché si fa arte.
L’arte non è una democrazia Un argomento comune dei sostenitori dell’arte basata sull’intelligenza artificiale è spesso che questi programmi “democratizzano” la capacità di creare, eliminando la necessità che qualcuno si formi, si eserciti o riceva un’istruzione prima di poter lavorare su qualche arte.
È un argomento relativamente comune negli angoli dei social media pro-intelligenza artificiale e Hopkins ne ha parlato al panel per ottenere la loro reazione.
"Oggi la gente dice che imparare l'arte è inaccessibile perché devi andare alla scuola d'arte", ha detto Capriglione.
"Puoi andare su YouTube, digitare 'come disegnare' o 'come acquerellare' e guardare gratuitamente il processo di qualcuno in 10 minuti.
Puoi creare con una scatola da $ 10 di pessimi pennarelli.
Possiamo creare con qualsiasi cosa.
Steele ha aggiunto: “Cosa c’è da democratizzare? Puoi prendere una matita? Grande.
Hai un inizio.
Puoi disegnare un cerchio? Eccezionale.
Sei un artista.
Continuare." Moy ha adottato un approccio diverso.
"L'arte riguarda sempre la prospettiva singolare dell'artista", ha detto.
“Come critica, come commento, sulla società, su come l'artista vede il mondo.
L'arte significa acquisire una prospettiva interessante dal punto di vista dell'artista.
Considerare l’arte “democratizzata” parla anche di ciò che vogliamo che sia lo stato dell’arte e della creatività, man mano che gli strumenti [AI] diventano più diffusi”.
Norme di legge Anche se nessuno nel panel ha sostenuto la fine dell'intelligenza artificiale generativa, in particolare quando viene utilizzata per scopi di intrattenimento personale, un argomento frequente è stato cosa si potrebbe fare per proteggere legalmente gli artisti in questo ambiente.
"La Francia ha una regola secondo cui se usi Photoshop per qualsiasi fotografia pubblicitaria, devi avvisare [gli spettatori] che ehi, questo modello è stato ritoccato digitalmente", ha detto Moy.
“Dovranno esserci leggi e regolamenti che dicano che, se si tratta di intelligenza artificiale, ci sia una dichiarazione che affermi che è stata creata con l'intelligenza artificiale.
Possiamo creare alcune semplici regole e regolamenti per aiutarci a navigare nel nuovo ambiente”.
Ciò potrebbe includere metodi con cui gli artisti possono deliberatamente rinunciare o consentire che il loro lavoro venga utilizzato da modelli di apprendimento automatico, con un programma di pagamento per gli artisti che scelgono di partecipare.
Non si tratta semplicemente dell'uso dell'arte come dato formativo, ma piuttosto del fatto che gran parte di essa è stata utilizzata senza permesso o addirittura notifica.
Sapolsky ha qui tracciato un parallelo tra l'uso non regolamentato del lavoro degli artisti da parte delle società di intelligenza artificiale e l'industria discografica americana, che regolarmente rintraccia l'uso senza licenza della musica dei clienti su YouTube o Twitch.
Si tratta di un modello utile per eventuali controlli nel caso in cui si scoprisse che un'azienda ha rubato il lavoro degli artisti.
I trasgressori potrebbero essere facilmente puniti attraverso metodi come la sboccatura dell'algoritmo, in cui un'azienda che scopre di utilizzare dati di addestramento senza il permesso dei creatori è costretta a eliminare sia quei dati che i prodotti realizzati con essi.
La FTC ha già utilizzato o proposto la sboccatura dell'algoritmo in diversi accordi, incluso un caso della scorsa estate che ha coinvolto Amazon's Ring.
Tuttavia, nessuno nel panel era particolarmente ottimista riguardo a quel tipo di legislazione pro-artista promulgata negli Stati Uniti.
L'Unione Europea ha diverse iniziative e comitati dedicati alle arti e alla cultura, che non hanno paralleli americani.
Ciò lascia gli artisti americani, per il momento, costretti a organizzarsi e a lavorare a livello di base.
Ciò include la causa in corso contro Stable Diffusion, che ha diversi artisti del Pacifico nordoccidentale come Sarah Anderson e Phil Foglio allegati come querelanti.
Alla fine dell'ora, l'impressione generale che ho avuto è che il problema qui non è l'esistenza di strumenti di intelligenza artificiale generativa di per sé, ma piuttosto il modo in cui vengono utilizzati e spesso abusati.
Ciò è stato particolarmente sottolineato da Sapolsky, che è intervenuto spesso per sottolineare che l’intelligenza artificiale in generale è semplicemente una macchina.
Non è né buono né cattivo di per sé.
Tuttavia, rappresenta un potenziale punto di diramazione nell’arte e nella cultura, in particolare nel nostro rapporto con cosa e come scegliamo di creare.
“Cosa vogliamo che l’arte rappresenti?” ha chiesto Moy al panel.
“Roba sicura? Roba pulita? Sfida i nostri pensieri, il modo in cui pensiamo e il modo in cui percepiamo? Questa è una domanda a cui tutti dobbiamo pensare e a cui dobbiamo rispondere”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d