Il futuro del cibo è mobile, di origine vegetale e sostenibile, affermano gli esperti

La tecnologia sta trasformando ogni settore dell'economia, compresa la catena di approvvigionamento che porta cibo al nostro tavolo da cucina.
È un settore maturo per l'innovazione man mano che crescono le preoccupazioni per i cambiamenti climatici.
Questo è l'obiettivo di tre innovatori che si sono riuniti al vertice GeekWire di Seattle mercoledì per discutere del futuro del cibo.
L'asporto? Il sistema alimentare deve allontanarsi dalla carne, dai trasporti a lunga distanza e dalle pratiche insostenibili.
Per arrivarci, i sostenitori della sostenibilità hanno grandi speranze per le carni a base vegetale che sono abbastanza realistiche da cambiare le abitudini alimentari degli amanti della carne.
Il ristoratore Tom Douglas ha dichiarato durante la discussione del panel che i suoi clienti stanno già abbracciando Impossible Burger, un finto hamburger che ha aggiunto al suo menu.
Douglas ha affermato che l'impossibile hamburger rappresenta circa il 40 percento delle vendite complessive di hamburger – e non è solo vegetariano.
"Il dieci percento di questo è l'hamburger impossibile con pancetta e formaggio …
le persone mangiano vegetariano, non perché sono vegetariani, ma perché è quello che si sentono stasera", ha detto.
Ma ci sono due problemi con la carne a base vegetale.
È costoso e non ce n'è abbastanza.
Rebellyous Foods vuole risolvere questi problemi.
La startup produce prodotti a base di pollo vegetariani e aiuta i produttori tradizionali di polli a trasferire le loro attività produttive in carne di origine vegetale.
"C'è solo abbastanza carne a base vegetale disponibile per tutti negli Stati Uniti per consumare un pasto all'anno", ha dichiarato Christie Lagally, CEO di Rebellyous Foods, nel futuro del panel alimentare.
"Ecco quanto poco c'è là fuori …
il nostro obiettivo è quello di essere un'azienda scalabile in modo che possa effettivamente fornire questi alimenti a persone che hanno costi e accesso limitati".
L'agricoltura rappresenta il 24 percento delle emissioni di gas serra, una statistica che ha spinto Microsoft il cofondatore Bill Gates investirà in aziende di carne di origine vegetale.
Ma Gates è il primo a notare che rendere il sistema alimentare più verde è solo un pezzo del puzzle.
Un altro 14 percento delle emissioni di carbonio proviene dai trasporti.
Zume vuole affrontare entrambi i problemi contemporaneamente.
La startup vende cucine mobili (per ridurre i tempi di viaggio per la consegna di alimenti), imballaggi sostenibili e analisi dei dati per aiutare le aziende alimentari a eliminare gli sprechi.
Oltre a Lagally e Douglas, il CTO di Zume Chris Satchell ha sottolineato l'urgenza di reinventare il sistema alimentare.
"Il tipo di cose che fanno le fattorie ai ristoranti da tavola, potresti fare su larga scala se avessi solo tutti i dati lungo la catena di fornitura, utilizzandoli insieme e la volontà di applicare tali ottimizzazioni a ciascuna parte insieme come sistema, " Egli ha detto.
È una sfida difficile ma è una che gli Stati Uniti possono risolvere, hanno affermato i membri del panel.
Hanno concordato che ci vorrà la stessa potenza ingegneristica che ha creato il sistema agricolo industriale americano a metà del 20 ° secolo per costruire un sistema alimentare sostenibile oggi.
"Lo sforzo che è stato messo nell'agricoltura industriale, dobbiamo fare lo stesso sforzo nella catena di approvvigionamento alimentare, ma dobbiamo farlo cercando di ridurre gli sprechi, migliorare la sostenibilità, ridurre l'utilizzo di acqua, ridurre la plastica, dobbiamo pensare a tutte queste cose ”, ha aggiunto Satchell.

Commenti

commenti