Il rapporto del cane da guardia della NASA acuisce il dibattito sul costo delle astronavi SpaceX contro Boeing

Boeing è in fila per essere pagato sostanzialmente più per posto rispetto a SpaceX per i viaggi dell'astronauta alla Stazione Spaziale Internazionale, in parte perché ha negoziato un aumento di quello che doveva essere un contratto a costi fissi, afferma l'Ufficio dell'ispettore generale della NASA in un rapporto del cane da guardia.
Il rapporto di 53 pagine, pubblicato giovedì, stima il costo per posto per i voli sulla capsula Starliner CST-100 della Boeing a $ 90 milioni, che sarebbero più di $ 84 milioni o così che la NASA ha pagato i russi per corse sulla loro Soyuz navicella spaziale.
Al contrario, il prezzo per un posto su una capsula SpaceX Crew Dragon è stato stimato in $ 55 milioni.
In risposta, il CEO di SpaceX Elon Musk ha twittato che "questo non sembra giusto".
Ha detto che "non è giusto che Boeing ottenga molto di più per la stessa cosa".
Boeing, nel frattempo, ha contestato il modo in cui le cifre sono state calcolate .
E mentre i funzionari responsabili del programma commerciale dell'equipaggio della NASA hanno generalmente accettato i risultati del rapporto, hanno affermato che l'aumento dei pagamenti della Boeing è stato negoziato in modo equo.
Il rapporto dell'ispettore generale ha alimentato le critiche sui sovraccarichi di costi e sui ritardi di programmazione nello sviluppo di taxi commerciali spaziali per il trasporto di astronauti da e verso la stazione spaziale.
La NASA ha dovuto fare affidamento sui russi per tali viaggi dal ritiro della flotta della navetta spaziale nel 2011.
I primi voli con equipaggio per Crew Dragon e Starliner sono già due anni indietro rispetto al programma originale e il rapporto afferma che "la certificazione finale del veicolo per entrambi gli appaltatori saranno probabilmente ritardati fino all'estate 2020, in base al numero di requisiti di certificazione ISS e CCP che restano da verificare e validare.
”La certificazione verrebbe dopo i voli dimostrativi iniziali con equipaggio per entrambi i veicoli spaziali, che sono attualmente previsti per l'inizio del 2020.
Il rapporto afferma che la NASA potrebbe dover ridurre il personale nel segmento orbitale degli Stati Uniti nel 2020 a causa dei ritardi, uno stato di cose che interesserebbe anche gli astronauti canadesi, europei e giapponesi.
In una lettera in risposta al rapporto, Ken Bowersox, un ex astronauta che è l'amministratore associato ad interim per l'esplorazione e le operazioni umane, ha affermato che la NASA sta già negoziando con i russi per ottenere più seggi Soyuz come polizza assicurativa.
Il rapporto ha riconosciuto che i ritardi sono sorti a causa delle sfide tecniche con i paracadute, i sistemi di propulsione e il lancio dei sistemi di interruzione, ma ha criticato i dirigenti della NASA per come hanno gestito tali sfide.
"Nel loro insieme, questi fattori possono aumentare il rischio di un guasto significativo del sistema o aggiungere ulteriori ritardi all'avvio dei voli con equipaggio commerciale verso la ISS", afferma il rapporto.
Le azioni relative al Boeing sono state oggetto di critiche speciali.
I contratti originali della NASA prevedevano che Boeing ricevesse $ 4,82 miliardi per lo sviluppo di Starliner, mentre SpaceX aveva ricevuto $ 3,14 miliardi per lo sviluppo di Crew Dragon.
Ma il rapporto afferma che nel 2016 la NASA ha accettato di pagare Boeing $ 287,2 milioni al di sopra del prezzo fisso precedentemente concordato al fine di colmare un gap di volo percepito di 18 mesi per quattro missioni con equipaggio, a partire dal terzo volo.
Parte della giustificazione era "garantire che la compagnia continuasse come secondo fornitore di equipaggio commerciale", afferma il rapporto.
In effetti, il rapporto citava alti funzionari della NASA senza nome dicendo che pensavano che Boeing non avrebbe continuato a lavorare su Starliner se non avesse ottenuto più soldi.
Secondo i revisori, la maggior parte del pagamento aumentato non era necessaria poiché la NASA aveva altri modi per mitigare il rischio di un gap aereo.
I revisori hanno anche criticato i dirigenti della NASA perché hanno scoperto che "SpaceX non ha avuto l'opportunità di proporre una soluzione anche se la società in precedenza offriva tempi di produzione più brevi rispetto a Boeing".
Nella sua lettera, Bowersox ha dichiarato che la NASA stava seguendo le raccomandazioni del rapporto per rafforzamento della supervisione del programma commerciale dell'equipaggio.
Ma ha contestato l'affermazione secondo cui l'aumento del pagamento a Boeing era inutile o irragionevole.
"La NASA comprende l'OIG [Office of the Inspector General] ritiene che la NASA avrebbe potuto negoziare prezzi migliori per i PCM [missioni post-certificazione].
Tuttavia, questa è un'opinione, tre anni dopo il fatto, e non ci sono prove a sostegno della conclusione che Boeing avrebbe accettato di abbassare i prezzi ", ha scritto.
In risposta alle domande, Boeing e SpaceX hanno entrambi rilasciato dichiarazioni relative al rapporto.
Ecco cosa ha detto SpaceX: “SpaceX e la NASA hanno lavorato in stretta collaborazione, applicando tutto ciò che abbiamo appreso da test e analisi approfonditi per migliorare i nostri sistemi e garantire che Crew Dragon sia uno dei veicoli spaziali più sicuri e affidabili mai costruiti.
Non c'è niente di più importante per la nostra compagnia del volo spaziale umano, e non vediamo l'ora di volare in sicurezza gli astronauti della NASA da e verso la Stazione Spaziale Internazionale a partire dall'inizio del prossimo anno.
"Ed ecco una dichiarazione Boeing che affronta la discussione sui prezzi:" Non siamo d'accordo con quella valutazione media del prezzo del posto.
L'obiettivo del programma commerciale dell'equipaggio è offrire un accesso sicuro, affidabile e ridondante alla Stazione Spaziale Internazionale per la NASA e gli astronauti partner internazionali e favorire l'accesso commerciale a lungo termine all'orbita terrestre bassa.
Le modifiche dei prezzi sui PCM 3-6 hanno offerto alla NASA ulteriore flessibilità e resilienza, e hanno notevolmente ridotto il ciclo di missione da 32 mesi al lancio dopo aver dato l'Autorità per procedere (ATP), e ora consente a Boeing di offrire due voli con equipaggio del CST-100 Starliner all'anno.
Inoltre, Boeing sta pilotando l'equivalente di un quinto passeggero nel trasporto merci per la NASA, quindi il prezzo per posto dovrebbe essere considerato basato su cinque posti.
“Attraverso negoziazioni eque e aperte con i nostri clienti in un ambiente competitivo, abbiamo offerto alla NASA ulteriore flessibilità e flessibilità di pianificazione per migliorare la prontezza della missione futura offrendo prezzi a missione singola per PCM 3-6 inclusi nella tabella dei prezzi nel contratto originale.
Questa flessibilità significa che Boeing sta assumendo un rischio finanziario significativamente più elevato e sta già aiutando la NASA a prendere decisioni cruciali per ottimizzare le future operazioni ISS.
Farlo sotto la struttura del contratto originale avrebbe aumentato l'incertezza dei costi e dei programmi e avrebbe limitato la flessibilità della NASA nella pianificazione della missione.
Ciò facilita anche i tempi di consegna più brevi per la NASA e offre una maggiore flessibilità nell'adeguare le date di lancio entro tale termine.
Boeing ora sta anche trattenendo tutti i costi iniziali della missione, che la NASA non dovrà pagare fino a dopo che ogni missione è stata ufficialmente ordinata e gli è stata data l'autorità per procedere (ATP).

Commenti

commenti