Recensione di Google Pixel Buds Pro: hardware straordinario con una terribile messa a punto pronta all'uso

Google è nel gioco audio da un po' di tempo ormai e Pixel Buds Pro è l'ultima aggiunta al portafoglio dell'azienda.
Abbiamo già avuto Pixel Buds e la società ha lanciato la serie Buds-A in passato come complemento di una sorta di Google Pixel 6a.
Pixel Buds Pro è il primo tentativo totale di Google e, sebbene sia uno sforzo ammirevole, l'azienda sta davvero solo cercando di recuperare il ritardo.
Google Pixel Buds Pro ha alcune funzionalità che li mettono al di sopra del resto, anche se ci sono alcune omissioni confuse.
È dotato di un design confortevole che rimane nelle orecchie, ha ottimi controlli touch, cancellazione attiva del rumore decente, supporto multipunto e lunga durata della batteria.
Ci sono alcune cose che non ha che noterai, come nessun codec di qualità superiore come AAC e nessun equalizzatore integrato (ancora).
La messa a punto fuori dagli schemi è terribile, quindi o non devi preoccuparti o sapere cosa devi cambiare.
In breve, i Google Pixel Buds Pro fanno un ottimo lavoro nell'essere buoni auricolari, ma sono costosi e rappresentano semplicemente l'azienda che sta recuperando terreno piuttosto che innovare lo spazio.
Se questi auricolari fossero stati rilasciati un anno o due fa, si sentirebbero semplicemente alla pari con il resto della concorrenza.
Fanno tutto il resto così bene e la qualità del suono è ottima (con alcune modifiche), ma è l'accordatura pronta all'uso che fa suonare questi auricolari molto peggio di quanto dovrebbero.
Se non sei uno snob dell'audio, probabilmente non te ne accorgerai, ma in caso contrario, probabilmente dovrai utilizzare un'app come Wavelet.
Google Pixel Buds Pro I Google Pixel Buds Pro sono un paio di auricolari di punta di Google con un sacco di funzioni, un'ottima vestibilità e una lunga durata della batteria.
Caratteristiche: Pro: Contro: Vedi su Amazon Google Pixel Buds Pro: Specifiche Specifiche Google Pixel Buds Pro Costruzione in plastica Dimensioni e peso Auricolari (ciascuno): 22,33 x 22,03 x 23,72 mm con l'auricolare medio (predefinito) collegato, 6,2 g (con il supporto medio auricolare) Custodia di ricarica wireless: 25 x 50 x 63,2 mm, 62,4 g (con auricolari) Driver degli altoparlanti Driver dinamici da 11 mm Microfono(i) Triplo array di microfoni per auricolare Coperture in rete antivento Connettività Bluetooth 5.0 Batteria e ricarica Solo auricolari: ANC acceso: Su fino a 7 ore ANC spento: fino a 11 ore Auricolari+custodia: ANC spento: fino a 31 ore di ricarica USB-C Ricarica wireless Cinque minuti di ricarica per un'ora di riproduzione 15 minuti di ricarica per tre ore di riproduzione Altre caratteristiche Cancellazione attiva del rumore supporto (48dB di picco) Controlli touch IPX4 (custodia IPX2) Colori Charcoal Fog Coral Lemongrass Informazioni su questa recensione: Ho ricevuto Google Pixel Buds Pro per la revisione per IrishTech il 28 luglio 2022.
Mentre Google ci ha inviato questi auricolari per la revisione, aveva nessun input al contenuto di questa recensione.
Google Pixel Buds Pro: prezzo e disponibilità Pixel Buds Pro è disponibile in quattro colorazioni: Charcoal, Fog, Coral e Lemongrass, al prezzo di $ 199/£ 199/€ 219.
Sono ora disponibili per l'acquisto nello store di Google e su Amazon in un'ampia gamma di regioni, inclusi gli Stati Uniti e in tutta Europa.
Google Pixel Buds Pro: design Google Pixel Buds Pro ha un design piuttosto unico, soprattutto per gli auricolari.
Ignorando il fatto che l'azienda ha lanciato colori funky come l'adorabile coppia "Coral" che abbiamo ricevuto, si tratta di un design che non abbiamo visto da nessun'altra parte.
La parte superiore arancione funge da pannello touch per gli ingressi, mentre gli auricolari stessi sono più lunghi, progettati per essere attorcigliati nell'orecchio anziché posizionati al suo interno.
/* Tira la dimensione delle virgolette e aggiunta line-height .wp-block-pullquote p { font-size: 1.75rem; altezza della linea: 1,5; } */ figure.quoteright { margin-top: 0px !important; margine inferiore: 0px !importante; } .quoteright { larghezza: 50%; galleggiante: a destra; margine: 0em 1em; margine superiore: 0px !importante; margine inferiore: 0px !importante; } .wp-block-pullquote p { dimensione del carattere: 1.75rem; altezza della linea: 1,5; colore: #de7300; } figure.wp-block-pullquote.pullrightstyle { bordo superiore: 0px; bordo inferiore: 0px; imbottitura-fondo: 0px; margine inferiore: 0px; imbottitura superiore: 0px; } blockquote.rightquotestyle { colore: #006e95 !importante; } @media only screen and (max-width: 600px) { .quoteright { float: none; larghezza: 90%; margine: automatico; } .wp-block-pullquote { riempimento: 0rem; } } Anche i controlli touch sono eccellenti, in gran parte grazie alla superficie ampia e uniforme degli auricolari.
È una semplice superficie circolare piatta e i gesti hanno un senso.
Scorri verso l'alto o verso il basso per il volume, tocca due volte per saltare, tocca una volta per mettere in pausa/riproduci e tieni premuto per attivare ANC o chiamare l'Assistente Google.
Tutti questi possono essere modificati nell'app Pixel Buds (o nelle impostazioni del tuo Google Pixel) per darti un po' di controllo su quali controlli sono abilitati.
/* Tira la dimensione delle virgolette e aggiunta line-height .wp-block-pullquote p { font-size: 1.75rem; altezza della linea: 1,5; } */ figure.quoteleft { margin-top: 0px !important; margine inferiore: 0px !importante; } .quoteleft { larghezza: 50%; galleggiante: sinistra; margine: 0em 1em; margine superiore: 0px !importante; margine inferiore: 0px !importante; } .wp-block-pullquote p { dimensione del carattere: 1.75rem; altezza della linea: 1,5; colore: #de7300; } figure.wp-block-pullquote.pullleftstyle { bordo superiore: 0px; bordo inferiore: 0px; imbottitura-fondo: 0px; margine inferiore: 0px; imbottitura superiore: 0px; } blockquote.leftquotestyle { colore: #006e95 !importante; } @media only screen and (max-width: 600px) { .quoteleft { float: none; larghezza: 90%; margine: automatico; } .wp-block-pullquote { riempimento: 0rem; } } Tuttavia, la parte migliore di questi auricolari è il comfort.
Questi sono gli auricolari più comodi che abbia mai usato e li ho lasciati nelle orecchie fino a quando non sono morti diverse volte.
Google afferma che esiste una tecnologia che aiuta a rimuovere la sensazione di "orecchio tappato" che dà la maggior parte degli auricolari e, con l'ANC abilitato, è decisamente evidente.
Non sono sicuro di come funzioni la tecnologia, ma sembra una magia.
Sono molto comodi da indossare per lunghi periodi di tempo e rimangono nelle mie orecchie quando mi alleno, il che è un grande vantaggio.
Posso sbadigliare e mangiare con questi nelle orecchie e rimangono comunque comodi.
Non ho dovuto ridimensionare o aumentare le dimensioni degli altri suggerimenti forniti nella confezione, ma ci sono altre dimensioni se ne hai bisogno.
Non ci sarà mai una soluzione "taglia unica" per gli auricolari, ma va bene finché ci sono opzioni aggiuntive nella confezione.
Anche la modalità Trasparenza va bene, anche se tendo a trovare quella caratteristica inferiore praticamente su qualsiasi paio di auricolari che ho usato.
Google Pixel Buds Pro: qualità del suono Quando ho usato questi auricolari per la prima volta, in precedenza non avevo utilizzato Huawei FreeBuds Pro 2.
Supportano il codec LDAC, che è un codec ad alto bitrate che supporta fino a 990 Kbps di audio.
Il bitrate più alto di MP3 che otterrai è 320 Kbps, che lascia spazio a un sacco di sovraccarico ma assicura che otterrai la piena qualità dell'audio trasmesso alle tue orecchie.
In precedenza, avevo utilizzato Honor Earbuds 3 Pro, che supporta il codec AAC a 264 Kbps.
Avendo usato entrambi gli auricolari di recente, mi aspettavo che Google Pixel Buds Pro suonasse perfettamente.
Quando li ho configurati per la prima volta, ho ascoltato musica e ho pensato che fossero stati impostati su SBC per impostazione predefinita, poiché sembrava che stessi ascoltando file MP3 a basso bitrate.
Non è stato così e non riuscivo a capire perché suonassero in quel modo.
Ho confrontato questi auricolari con Huawei FreeBuds Pro 2, con un FreeBuds Pro 2 in un orecchio e un Pixel Buds Pro nell'altro.
L'ho ascoltato schiacciato a mano da una mazza da 100 gecs che è una canzone che ha una gamma dinamica fantastica.
Ho notato che un charleston che potevo sentire chiaramente su FreeBuds Pro 2 era appena udibile su Pixel Buds Pro.
Ho anche notato una linea di basso molto più forte su Pixel Buds Pro, che sembrava attutire la cassa.
È stato allora che è scattato con me: questi auricolari hanno una terribile messa a punto pronta all'uso.
Le frequenze più alte scendono terribilmente, la gamma media è un po' troppo alta e i bassi prevalgono sul mix.
Per contesto, i file MP3 compressi vengono compressi rimuovendo le frequenze al di sopra di un determinato intervallo di frequenze.
Un MP3 a 320 Kbps rimuove le frequenze da circa 19,5 kHz, il che non ha molta importanza poiché l'udito umano generalmente raggiunge il massimo solo a 25 kHz, comunque.
Tuttavia, la compressione dell'audio fino a 192 Kbps rimuove le frequenze superiori a 18 KHz e 128 Kbps rimuove le frequenze superiori a 16 KHz.
Entrambi tendono ad essere evidenti.
C'è un elemento di soggettività quando si fa riferimento alle gamme di frequenza, ma la fascia bassa si riferisce ai bassi e la fascia alta si riferisce agli alti.
Gli alti sono i luoghi in cui si sentono maggiormente piatti, cappelli alti e altri strumenti ad alta frequenza, anche se la rimozione di alcune delle frequenze più alte nella gamma 10kHz-20kHz potrebbe non essere immediatamente evidente.
Ho scoperto che potevo usare Wavelet per aumentare significativamente la banda di frequenza a 19,2 kHz, ridurre la banda a 9,6 kHz e ridurre significativamente la fascia bassa, e questi auricolari sono diventati molto più tollerabili.
L'aumento di 19,2 kHz da solo non farà molto per l'audio, ma poiché è una banda di frequenza che comprende un'ampia gamma di frequenze da oltre 9,6 kHz, aumenta anche le frequenze che tornano a lì.
Dopo averlo fatto, suonano quasi alla pari con qualsiasi altro paio di auricolari che uso ora quando in precedenza mi sembrava di ascoltare una radio direttamente nelle mie orecchie.
Wavelet: EQ specifico per le cuffie (gratuito, Google Play) → È pazzesco quanto sia importante l'accordatura quando si tratta di auricolari, ed è deludente che Google abbia spedito questi auricolari con questa messa a punto.
Google ha promesso di aggiungere un equalizzatore completo a cinque bande all'app Pixel Buds, ma fino ad allora dovrai ricorrere a artisti del calibro di Wavelet per apportare queste modifiche.
In precedenza, i bassi sovraccaricavano di gran lunga l'esperienza audio e il resto dell'esperienza audio sembrava vuoto.
Una volta applicate le mie modifiche, tuttavia, questi auricolari suonano davvero, davvero bene.
Sono rumorosi, sono chiari e sono comodi.
Sono ottimi per ascoltare tutti i tipi di musica e l'ottimo hardware audio combinato con un'adeguata sintonizzazione li rende un eccellente paio di auricolari.
È deludente non avere molti codec supportati immediatamente, ma AAC è universale che funzionerà praticamente su qualsiasi cosa.
figure.center { margin-top: 0px !important; margine inferiore: 0px !importante; } .quotecenter { larghezza: 80%; galleggiante: nessuno; margine: automatico; margine superiore: 0px !importante; margine inferiore: 0px !importante; colore: #de7300; } figure.wp-block-pullquote.quotestyle { bordo superiore: 0px; bordo inferiore: 0px; imbottitura: 0px; margine inferiore: 0px; imbottitura superiore: 0px; } blockquote.centerquotestyle { colore: #006e95 !importante; } Schermo solo @media e (larghezza massima: 600px) { .quotecenter { larghezza: 90%; } } Tuttavia, gran parte di questa esperienza è ancora imperdonabile.
L'hardware è fantastico, ma ha bisogno di un po' di lavoro sulla sua messa a punto.
Il lato positivo è che la qualità delle chiamate è decente.
Posso essere compreso perfettamente praticamente ovunque quando utilizzo questi auricolari sul mio telefono e non ho avuto problemi con le conversazioni quando li uso.
Google Pixel Buds Pro: software, impostazioni e durata della batteria Sul fronte del software, Google Pixel Buds Pro beneficia sia della semplicità che dell'integrazione diretta con Android.
Il processo di configurazione è facile grazie a Fast Pair di Google (con cambio rapido, tra l'altro) e i controlli software per questi auricolari saranno integrati nel tuo telefono, se usi un Pixel, comunque.
In caso contrario, puoi installare l'app Google Pixel Buds dal Google Play Store e ti fornirà la stessa interfaccia che otterrai su un telefono Pixel.
Google Pixel Buds (gratuito, Google Play) → Come puoi vedere, ci sono molte funzioni e controlli tra cui scegliere.
La più grande aggiunta qui che scoprirai che altri auricolari non hanno è l'Assistente Google.
Semplicemente dicendo "Hey Google" lo attiverai e potrai porre tutte le domande che normalmente faresti con l'Assistente Google.
È un ottimo modo per controllare le cose quando sei in giro, se necessario, e puoi abilitare la lettura delle notifiche se lo desideri.
In questo modo non dovrai tirare fuori il telefono se stai camminando per una strada trafficata o stai trasportando qualcosa.
L'altra importante aggiunta è "Multipoint", che utilizza la tecnologia di commutazione rapida Fast Pair di Google.
In sostanza, puoi connetterti a un massimo di due dispositivi alla volta e passare senza interruzioni tra i due.
Se stai riproducendo contenuti multimediali su un dispositivo, puoi interrompere la riproduzione dei contenuti multimediali su quel dispositivo, quindi passare all'altro e iniziare a riprodurre anche tu.
Tuttavia, se ricevi una telefonata su un dispositivo mentre guardi un video sull'altro, gli auricolari decideranno in modo intelligente di passare al dispositivo che riceve la chiamata, perché si presume che tu voglia rispondere alla telefonata.
In termini di durata della batteria, questi auricolari sono eccellenti.
Posso tenerli nelle orecchie tutto il giorno e loro vanno, vanno, e vanno.
La custodia onestamente sembra aver bisogno di una batteria leggermente più grande, anche se probabilmente è perché ottengo così tanta vita dagli auricolari.
Dovresti acquistare Google Pixel Buds Pro? Google Pixel Buds Pro è un ottimo paio di auricolari che costano un sacco di soldi, nella stessa fascia di prezzo dei migliori auricolari wireless.
Arrivare a $ 199 li mette ben al di sopra di OnePlus Buds Pro, alla pari con Samsung Galaxy Buds Pro (al lancio) e un po' al di sotto di AirPods Pro.
Google sta facendo una dichiarazione vendendo questi auricolari a quello che è essenzialmente un prezzo di punta degli auricolari.
Per quel che vale, adoro Google Pixel Buds Pro dopo aver apportato le mie modifiche all'equalizzazione.
L'accordatura di questi auricolari fuori dagli schemi è estremamente ricca di bassi con alti ridotti in modo massiccio e finisce per creare un effetto che suona come se fosse un bitrate basso.
Puoi rimediare con l'uso di software di terze parti, ma in generale, non è un merito su cui dovresti mai acquistare un prodotto.
Si dice che un equalizzatore a cinque bande arriverà sui Google Pixel Buds entro la fine dell'anno, e questo sarà il modo in cui dovresti apportare quelle modifiche da quel momento in poi.
Google Pixel Buds Pro I Google Pixel Buds Pro sono un paio di auricolari di punta di Google con un sacco di funzioni, un'ottima vestibilità e una lunga durata della batteria.
Vedi su Amazon Se non ti consideri un audiofilo, allora adorerai Google Pixel Buds Pro.
Sono un po' snob quando si tratta di audio perché ho un background musicale, ma questo significava anche che sapevo cosa potevo cambiare per far suonare bene questi auricolari.
Se pensi che non ti importerà, allora questi sono sicuramente un ottimo paio di auricolari da prendere in mano.
In alternativa, puoi copiare le mie impostazioni e potrebbero risolverle anche per te.
Il post Recensione di Google Pixel Buds Pro: hardware straordinario con una terribile messa a punto pronta all'uso è apparso per la prima volta su XDA.

Commenti

commenti