Sage Bionetworks di Seattle, senza scopo di lucro, si unisce allo sforzo nazionale di $ 37 milioni per cacciare i farmaci per l'Alzheimer

Sage Bionetworks, con sede a Seattle e senza fini di lucro, sta conducendo uno sforzo nazionale fortemente finanziato per trovare nuovi farmaci per combattere l'Alzheimer, una malattia che ha ostacolato gli sforzi del grande settore farmaceutico per decenni.
Il National Institute on Aging, una divisione di NIH, sta impegnando 37 milioni di dollari in finanziamenti per sovvenzioni in cinque anni per creare l'Open-AD Drug Discovery Center, che mira a trovare nuovi bersagli farmacologici per l'Alzheimer.
Oltre a Sage, altri membri fondatori del centro includono la Emory University, il Structural Genomics Consortium, la Stanford University, la Oxford University e la University of North Carolina.
"Questo progetto mette insieme approcci scientifici aperti nella ricerca computazionale e sperimentale", ha dichiarato la presidente Sage, Dr.
Lara Mangravite, in una nota.
"Sage sta contribuendo con la sua competenza bioinformatica e scientifica dei dati." Sage è una organizzazione no profit di 10 anni che riunisce ricercatori e dati per far progredire la comprensione delle malattie sperando di accelerare il ritmo della scoperta.
NIH sta inoltre finanziando un secondo centro da 36 milioni di dollari presso l'Università dell'Indiana che metterà alla prova le promettenti molecole che combattono l'Alzheimer negli animali.
Quest'anno il governo degli Stati Uniti spenderà circa $ 2,3 miliardi nella ricerca sull'Alzheimer, una frazione dei $ 195 miliardi che la malattia costa a Medicare e Medicaid, secondo l'Associazione Alzheimer.
Circa 44 milioni di persone vivono con l'Alzheimer in tutto il mondo.
La decisione del governo di aumentare i finanziamenti per l'Alzheimer arriva quando l'entusiasmo tra le case farmaceutiche si è bloccato.
Le aziende farmaceutiche hanno registrato un tasso di fallimento del 99% contro la malattia, spendendo miliardi di dollari per ogni candidato al farmaco.
L'ultima delusione è arrivata a marzo, quando Biogen ed Eisai hanno abbandonato due prove in fase avanzata.
"Attraverso questi centri, NIH amplierà l'uso della scienza aperta e dei principi open source per rischiare il rischio di nuovi bersagli farmacologici con l'obiettivo di facilitare lo sviluppo di nuovi trattamenti per l'Alzheimer", ha affermato il direttore di NIH, il Dr.
Francis Collins.
Il centro Open-AD creerà piattaforme aperte per lo screening di nuovi bersagli farmacologici e altre applicazioni.
Aprendo informazioni e strumenti, il centro spera di trovare nuovi e diversi target di medicina per l'Alzheimer più velocemente dell'industria farmaceutica.
Tutto ciò che viene prodotto dal centro sarà libero di essere utilizzato da chiunque senza la necessità di acquistare diritti di proprietà intellettuale.

Commenti

commenti