Geek of the Week: la scienziata Intertox Anne Galyean è anche una guerriera del weekend in mountain bike

Mentre Anne Galyean si preparava a salire di una carriera scientifica, un altro percorso la mandò giù – come in discesa – mentre intraprendeva una carriera come ciclista professionista di mountain bike.
Oggi Galyean è uno scienziato del personale di Intertox Inc., una società di consulenza scientifica con sede a Seattle che valuta i rischi per la salute pubblica degli agenti chimici e biologici.
E mentre non corre più, la nostra ultima Geek of the Week è ancora un'ambasciatrice professionista fortemente coinvolta nella scena della mountain bike.
Dopo una laurea in chimica conseguita presso l'Università di Richmond, Galyean ha conseguito un dottorato in chimica analitica acquatica presso l'Università della Carolina del Nord.
La sua ricerca ha comportato l'ottimizzazione di un approccio analitico in più fasi online per la separazione e la successiva caratterizzazione delle nanoparticelle d'argento in acqua naturale.
"Prima di entrare nel mondo della consulenza, ho trascorso più di 11 anni nel laboratorio di ricerca accademica", ha detto Galyean.
Galyean ha anche lavorato a un progetto post-dottorato in ingegneria chimica e biologica presso la Colorado School of Mines relativo ai biofilm batterici che causano malattie.
"I biofilm batterici possono formare infezioni persistenti sulle ferite, sui dispositivi medici impiantati e sono associati a molte malattie croniche, come la fibrosi cistica", ha detto Galyean.
"Queste infezioni sono clinicamente difficili da trattare perché i biofilm sono più resistenti agli attacchi di antibiotici".
Nell'altra sua vita, Galyean ha iniziato a correre in mountain bike da discesa all'età di 21 anni e ha trascorso sei anni a gareggiare a livello nazionale.
È entrata a far parte del Team Yuro / Fox National Factory Enduro nel 2017, dove ha corso a tempo pieno mentre completava il suo lavoro post-dottorato.
"Ho avuto molti anni di successi in bici da corsa, ma l'anno scorso ho fatto un passo indietro dalle corse per concentrarmi sulla mia carriera scientifica", ha detto Galyean, aggiungendo che è un'ambasciatrice professionista e guerriera del fine settimana per diversi marchi, concentrandosi su coaching, progetti multimediali e coinvolgimento della comunità.
Ed è istruttrice di mountain bike certificata.
Scopri di più sul Geek of the Week di questa settimana, Anne Galyean: che cosa fai e perché lo fai? Di tutte le cose che faccio su base regolare, la maggior parte di esse può essere riassunta in due grandi sforzi: essere uno scienziato e un atleta di mountain bike.
Essere uno scienziato è un percorso ovvio per me.
Mi piace risolvere enigmi ed esplorare.
Sento anche un senso di responsabilità nell'usare il mio privilegio, la mia educazione e il mio cervello capace di aiutare a rendere il mondo un posto migliore.
In Intertox, usiamo la scienza per risolvere i problemi.
Di alto livello, conduciamo valutazioni tossicologiche per determinare il rischio potenziale per la salute umana e ambientale.
Per quanto riguarda la mountain bike, a parte l'evidente brivido della guida in bici, penso che ci sia un sacco di cose che uno sport come la mountain bike può offrire alle persone.
Ho concentrato la mia attenzione sulla creazione di contenuti intorno all'idea che essere un guerriero del fine settimana non è un sacrificio.
È la massimizzazione e la realizzazione di una serie di obiettivi a tutto tondo e ambiziosi in tutti gli aspetti della vita.
Cerco di parlare molto dell'integrazione lavoro-vita, del goderti i tuoi hobby, indipendentemente da quanto tempo hai da dedicare.
Penso anche che la corsa in mountain bike abbia molto da offrire, in particolare alle donne, perché ci insegna abilità come essere decisivi, abbracciare la paura e non giocare in piccolo.
Qual è la cosa più importante che le persone dovrebbero sapere sul tuo campo? Quasi 500 anni fa, un medico e chimico svizzero di nome Paracelso affermò: “Cosa c'è che non è veleno? Tutte le cose sono veleno e niente è senza veleno.
Solo la dose determina che una cosa non è un veleno.
"Questo si traduce nel moderno concetto di tossicologia di" la dose produce il veleno ".
Mentre la tossicologia viene spesso considerata la scienza dei veleni o avvelenamento, sviluppando una definizione per la parola" veleno ", è problematico.
Tutto è, infatti, un veleno! Qualsiasi sostanza, compresa l'acqua, il tuo gelato preferito, oli essenziali o droghe, ha la capacità di danneggiare un organismo e quindi può essere classificata come un veleno.
Ciò che conta è la quantità di sostanza a cui una persona è esposta, il modo in cui è esposta e per quanto tempo.
Ad esempio, l'American Chemical Society una volta calcolò che per quella persona media di 180 libbre, avrebbero dovuto consumare circa 5,4 chili di zucchero per avere circa il 50% di possibilità di un sovradosaggio letale.
Lo zucchero è relativamente atossico, quindi sarebbe necessaria una grande quantità per causare potenziali effetti sulla salute.
Dove trovi la tua ispirazione? Nelle sfide.
Sembra un cliché, ma le sfide sono ciò che mi fa andare avanti.
Potrei allenarmi per un avvincente evento in mountain bike, apprendere una difficile abilità scientifica, uscire dalla mia zona di comfort durante un evento di networking o offrirmi volontario per opportunità di lavoro solo per mettermi alla prova con qualcosa di nuovo.
Scherzo spesso che ho ottenuto il mio dottorato solo perché era la sfida accademica più difficile che potessi pensare di fare in quel momento.
C'è un po 'di verità lì dentro, penso.
Lo scorso luglio, dopo essermi allenato per otto mesi, ho corso il Trans BC Enduro, un evento di 6 giorni in mountain bike backcountry spesso soprannominato la gara di enduro più dura del mondo.
Non sono sicuro di quale sia la prossima grande sfida, ma ho una lunga lista di idee.
Il salvataggio del pianeta è lì da qualche parte.
Una delle mie citazioni preferite è: “Non si dovrebbero perseguire obiettivi facilmente raggiungibili.
Bisogna sviluppare un istinto per ciò che si riesce a malapena a raggiungere con i propri maggiori sforzi.
”- Albert Einstein.
Qual è l'unico pezzo di tecnologia senza il quale non potresti vivere e perché? La mia bicicletta.
È una profonda libertà muoversi così rapidamente ed efficientemente sotto il proprio potere.
Inoltre, quando fai tutte le mosse giuste e prendi tutte le linee giuste, andare in mountain bike attraverso le montagne può sembrare di volare.
Vado in bicicletta quasi ogni giorno, sia che si rechi al lavoro o che percorra un ripido sentiero tecnico.
La mia mountain bike tuttofare è una Yeti SB150 (corsa posteriore di 150 mm), costruita per il mio stile di guida più aggressivo.
Voglio una bici che possa sfondare giardini rocciosi ripidi e tecnici e che sia ancora abbastanza leggera da pedalare fino in cima.
Sono grato di lavorare con così tante aziende di cui mi fido dei prodotti! Com'è il tuo spazio di lavoro e perché funziona per te? Il mio posto di lavoro è semplice, ecologico e attivo.
Non mi piace molto il disordine, quindi provo a mantenere un bel po 'di spazio aperto.
Ho anche un po 'risentito di dover stare in casa, mai, quindi ho diverse piante per rendere lo spazio un po' più verde.
Ho una scrivania in piedi ma nessuna sedia, quindi mi siedo davvero solo per le riunioni.
Infine, tengo in giro diversi gadget per la mobilità e la flessibilità, come un tappetino yoga, un rullo di schiuma e una palla di lacrosse, e spesso posso trovarli sul pavimento dell'ufficio stendendo i muscoli stretti dai miei allenamenti mattutini e dai miei spostamenti quotidiani in bici.
Il tuo miglior consiglio o trucco per gestire il lavoro e la vita di tutti i giorni.
(Aiutaci, ne abbiamo bisogno.) Fisica.
In particolare, l'effetto pendolo.
L'equilibrio perfetto non è reale o raggiungibile.
Ti farà impazzire cercando di far andare tutto in perfetto allineamento! Il concetto di lavoro-vita può essere descritto come "integrato".
L'integrazione lavoro-vita è un pendolo che a volte oscilla da una parte o dall'altra.
Quando i tuoi valori e la tua vita lavorativa sono integrati, impari ad accettare quando il pendolo oscilla più verso il lavoro o il resto della tua vita.
Ad esempio, ci sono momenti in cui hai un grande obiettivo di lavoro: stai cercando una promozione o stai assumendo un progetto importante.
A quel punto, il pendolo potrebbe oscillare verso il lavoro.
È estenuante e probabilmente insostenibile.
Ma è la giusta forma di integrazione lavoro-vita in un determinato momento per raggiungere il tuo obiettivo? Assolutamente.
Quando il tuo obiettivo viene raggiunto, il pendolo può tornare indietro.
L'effetto pendolo ci dice che, quando spostato lateralmente dalla sua posizione di equilibrio, un pendolo sperimenta una forza gravitazionale ripristinante che lo accelererà di nuovo verso il centro.
Mac, Windows o Linux? Sono una ragazza di Windows.
Non perché è l'opzione migliore, ma perché è conveniente e facile interfacciarsi con la scuola / il lavoro e la strumentazione analitica in laboratorio.
Kirk, Picard o Janeway? Ammetterò pienamente di essere più un fan di Star Wars, ma andrei con Janeway.
Lei è una scienziata! Inoltre, aveva una squadra straordinariamente forte, che ha portato a molte soluzioni seriamente creative e brillanti.
Trasportatore, macchina del tempo o mantello dell'invisibilità? Trasportatore.
Una macchina del tempo presenta troppe possibilità catastrofiche e l'invisibilità ti consente solo di cavartela.
Un trasportatore significa che puoi essere altamente efficiente e produttivo.
Sono tutto per fare di più ai miei tempi! Se qualcuno mi avesse dato $ 1 milione per lanciare una startup, …
Avrei portato più programmi educativi STEM nelle comunità scarsamente servite.
Oppure, sviluppare strutture per il riciclaggio dell'acqua per una grande città.
O creare una società di consulenza scientifica multidisciplinare.
O stabilire un modo per collegare i professionisti STEM con gli educatori.
O brevettare una nuova tecnologia per pulire l'acqua potabile in posti come Flint, Mich.
Oppure …
una volta ho aspettato in fila per …
Sicurezza dell'aeroporto.
Ora sono su quel treno TSA PreCheck.
È divertente pensare alle cose di cui ti ecciti quando raggiungi i 30 anni.
L'età adulta è strana.
I tuoi modelli di comportamento: in generale, sono motivato dall'essere attorno alle persone guidate, indipendentemente dalle loro attività.
Ogni volta che le persone si eccitano per quello che stanno facendo, mi viene voglia di raggiungere obiettivi più alti! Qualcuno là fuori che risolve i problemi e usa la propria piattaforma per il bene superiore può essere considerato un modello per me.
Ciò significa sostenitori della diversità e dell'inclusione, scienziati ambientali che combattono i cambiamenti climatici, donne con ruoli di leadership, celebrità che usano la loro popolarità per attirare l'attenzione su questioni sociali critiche e ogni giorno persone che usano le loro competenze per aiutare a rendere il mondo un posto migliore.
Un ottimo esempio di questo è la mia amica, Anita Naidu, che è di gran lunga una delle mie più grandi ispirazioni.
È una mountain bike professionista e una pluripremiata umanitaria che ha conseguito un master in ingegneria ambientale e chimica.
È una persona che usa davvero le sue capacità e i suoi talenti per il bene più grande, dall'allenamento di cliniche femminili per mountain bike che combinano l'avventura all'aria aperta con discussioni sull'impatto sociale allo sviluppo di un'app, chiamata Services Advisor, che ha fornito risorse essenziali per oltre 3 milioni di rifugiati in Giordania e Turchia.
Il più grande gioco della storia: "Warcraft: Orcs & Humans".
Sebbene non fosse il primo RTS, Warcraft è stato uno dei primi giochi per PC a cui sono stato esposto da grande.
Ho adorato il fatto che i personaggi avessero personalità e che le unità dovevano essere gestite con cura invece di servire come arieti spendibili.
Ha posto le basi per trame avvincenti, missioni di risorse limitate e scaramucce.
Mi sono innamorato dei giochi RTS e ho continuato a giocare a "Warcraft" e "StarCraft" fino ad oggi! Per quanto riguarda l'avventura, "The Longest Journey" è davvero uno dei miei giochi preferiti di tutti i tempi.
April Ryan era un personaggio così avvincente e memorabile e, per fortuna, non è stata sfruttata per il suo aspetto! La storia mi ha risucchiato completamente e molti enigmi sono stati soddisfacentemente soddisfacenti.
Sto ancora continuando a sperare che TLJHome un giorno possa completare la storia.
Il miglior gadget di sempre: cuffie Bluetooth.
Essere in grado di girare la testa e non farti prendere dai pomelli delle porte ?! Che momento di essere vivi.
Primo computer: un iMac originale! Ne avevo uno verde lime.
Telefono corrente: Google Fi Motorola G6.
Niente di speciale, ma fa il lavoro.
App preferita: se il criterio è l'app che ho usato di più, sarebbe My Fitness Pal.
Come atleta e frequentatore di palestra per tutta la vita, ho imparato ad apprezzare tutti i dati che posso incorporare nel mio allenamento.
Altrimenti, l'app Native Land è una delle mie preferite.
Ovunque io vada, mi aiuta a imparare la storia locale indigena identificando i territori e le lingue indigene passati e attuali nella zona.
Quasi ogni posto che occupiamo era una volta la patria degli indigeni che non lasciavano la terra volontariamente.
Penso che sia importante riconoscere la terra su cui ti trovi.
Causa preferita: questa è complicata per me perché ci sono un sacco di meravigliosi gruppi che fanno un lavoro davvero significativo! I miei due favoriti al momento sono il First Nations Development Institute e l'Associazione per le donne nella scienza (AWIS).
La tecnologia più importante del 2019: stampa 3D.
Penso che la stampa 3D sia un momento importante in questo momento! Sta trovando applicazioni in una vasta gamma di settori.
Ad esempio, stampa di tessuti e organi, creazione di pillole con dosaggi specifici di più farmaci, ricostruzione di barriere coralline o importanti produttori di tecnologie che si affidano a stampanti 3D per la prototipazione per semplificare lo sviluppo del prodotto.
Tuttavia, il motivo principale per cui penso che la stampa 3D sia così importante in questo momento è che la tecnologia è disponibile per quasi tutti.
Per un paio di centinaia di dollari, puoi stampare a casa.
Mettere la tecnologia così potente nelle mani del grande pubblico significa che vedremo molta innovazione da luoghi inaspettati.
La tecnologia più importante del 2021: chimica verde.
L'ONU riferisce che ogni anno oltre 8 milioni di tonnellate di plastica fluiscono negli oceani.
8 milioni di tonnellate.
Sono 15 camion pieni ogni minuto.
Sono 2 edifici dell'Empire State ogni mese.
Proprio quest'anno, un team di ricerca di Purdue ha sviluppato un modo per convertire oltre il 90 percento dei rifiuti di poliolefina in molti prodotti diversi, tra cui polimeri puri, nafta, carburanti o monomeri.
Trovare modi ecocompatibili per mitigare i nostri pazzi rifiuti di plastica sarà uno dei prossimi grandi requisiti tecnologici del nostro tempo.
Ultime parole di consiglio per i tuoi compagni di geek: non devi assolutamente adattarti.
Mi ci è voluto molto tempo per fare i conti con le mie personalità apparentemente multiple – sono un atleta? Un metalhead? Un geek? Uno scienziato? Una dritta tatuata? Un introverso? Un consulente professionista? …
l'elenco è infinito e, probabilmente, anche il tuo.
Siamo tutti sfaccettati.
Se posso prendere in prestito dal mio lato scientifico, ci vuole la combinazione di esperienza e un approccio multidisciplinare per risolvere le più grandi sfide scientifiche che affrontiamo oggi.
Sia che si tratti di trovare nuove fonti di energia, di inviare persone su altri pianeti o di salvare l'ambiente, le soluzioni di successo possono essere trovate solo con il pensiero immediato di un team forte che utilizza background e prospettive diverse.
Ho iniziato a pensare alla mia vita come uno di questi puzzle complessi che richiedono un approccio multi-volto.
Sono molto più capace di prendere buone decisioni, trovare soluzioni creative e cogliere nuove opportunità perché sono a tutto tondo.
Una volta che ho iniziato ad abbracciare questi lati disparati di me stesso, ho iniziato a essere in grado di risolvere i problemi con una varietà di prospettive.
Accetta tutti i lati di te come parte di un team multidisciplinare.
Non pensare di doverti limitare ad un punto di vista! Instagram: @annegalyean LinkedIn: Anne Galyean

Commenti

commenti