Civic

Seattle si prepara a nuove regole che richiedono che più di 4.000 edifici riducano l’uso di combustibili fossili entro il 2050

Il Consiglio comunale di Seattle si sta avvicinando a nuove regole che impongono a circa 4.100 edifici esistenti di oltre 20.000 piedi quadrati di ridurre a zero le emissioni di gas serra entro il 2050.
Lo standard di prestazione delle emissioni degli edifici di Seattle si applicherebbe alle strutture esistenti, compresi i grattacieli, da bassi ad alti.
-edifici alti, residenze plurifamiliari, spazi commerciali, ristoranti, chiese, scuole e università e centri comunitari.
Secondo i dati della città, gli edifici rappresentano il 37% delle emissioni di carbonio di Seattle, dietro il contributo del 61% dei trasporti.
Le fonti di gas serra sono principalmente petrolio e gas naturale, compresi forni e scaldabagni alimentati da combustibili fossili, stufe a gas e perdite di carburante da tubi e serbatoi di stoccaggio.
Mercoledì, il comitato ristretto per l'azione per il clima del consiglio comunale ha ascoltato la testimonianza pubblica riguardo alla misura per ridurre le emissioni degli edifici, compreso il sostegno del sindaco di Seattle Bruce Harrell, che ha proposto le regole.
La legislazione è “una delle azioni di maggior impatto che la città può intraprendere per ridurre le emissioni di gas serra”, ha affermato Christa Valles, vicedirettore delle politiche di Harrell.
“E il sindaco spera che questo possa aiutare ad ispirare altre città a seguire l’esempio.
Come tutti sappiamo, è necessaria un’azione collettiva per scongiurare gli impatti peggiori del cambiamento climatico”.
Gli standard vengono applicati gradualmente nel tempo, richiedendo ai proprietari di misurare il consumo energetico di un edificio e le emissioni di gas serra, documentare le prestazioni e le attrezzature esistenti, quindi elaborare piani e adottare misure per ridurre l'impronta energetica e di carbonio di un edificio.
Mercoledì, il personale comunale ha condiviso esempi locali di edifici che sono stati ristrutturati per contenere il loro impatto sul clima: un edificio multifamiliare a prezzi accessibili ha installato il riscaldamento dell'acqua con pompa di calore, l'isolamento del tetto, un sistema di recupero energetico e un sistema di raffreddamento con pompa di calore in una sala comune, riducendo così i costi.
il consumo energetico degli edifici del 35% e i combustibili fossili del 100%.
Un Dipartimento dei Servizi per i Ciechi dello Stato di Washington ha modificato un edificio sostituendo le finestre, migliorando l'illuminazione, installando uno scaldabagno a pompa di calore e un sistema di riscaldamento e raffreddamento a pompa di calore, oltre ad altri aggiornamenti.
I miglioramenti hanno ridotto il consumo di energia del 70% e i combustibili fossili del 100%.
Lo standard di prestazione ha molteplici percorsi per ottenere conformità e flessibilità nelle regole.
Consente estensioni temporali o piani di conformità personalizzati in un'ampia varietà di circostanze, tra cui edifici con elevati tassi di posti vacanti, conflitti con lo status di punto di riferimento storico, ristoranti con proprietari di minoranze razziali ed etniche e quando non esiste un'alternativa fattibile a basse o zero emissioni per un utilizzo di combustibili fossili.
Le norme prevedono sanzioni in caso di non conformità, comprese multe di 15.000 dollari per edifici di oltre 50.000 piedi quadrati quando i proprietari non riportano informazioni o forniscono informazioni inesatte.
La multa è di 7.500 dollari per gli edifici di dimensioni inferiori.
I funzionari di Seattle possono anche penalizzare i proprietari i cui edifici non raggiungono gli obiettivi di riduzione dei gas serra, emettendo multe di 10 dollari al metro quadrato per le strutture non residenziali, 7,50 dollari al metro quadrato per gli edifici multifamiliari e 2,50 dollari al metro quadrato per le abitazioni a basso reddito.
La città ha già lanciato il suo Seattle Clean Building Accelerator, un programma che aiuta i proprietari di edifici a ridurre l’impatto del carbonio.
Finora hanno partecipato trentadue organizzazioni.
Seattle sta sfruttando finanziamenti locali e altri finanziamenti governativi per assistere i proprietari nella conformità.
Il processo per la stesura degli standard ha previsto un'ampia sensibilizzazione ad un'ampia gamma di parti interessate per più di un anno, hanno affermato i membri del consiglio.
Mercoledì la testimonianza pubblica è stata favorevole al provvedimento.
“Abbiamo elaborato un disegno di legge con il sostegno delle organizzazioni ambientaliste e climatiche, nonché del lavoro organizzato, dei fornitori di alloggi a prezzi accessibili e dei professionisti dell’edilizia”, ha affermato Dylan Plummer, organizzatore senior sul campo del Sierra Club.
“Esortiamo il consiglio ad approvare questa politica per ridurre le emissioni, creare posti di lavoro verdi, proteggere l’aria pulita e continuare il lavoro per costruire una transizione giusta per Seattle”.
Seattle si unirebbe a Washington, Oregon, Colorado, Maryland, Washington, DC, Boston, Denver, New York City e altre quattro città nell'adozione di standard prestazionali per gli edifici esistenti.
Lo stato di Washington ha convertito in legge i suoi standard nel 2019 e li ha ampliati nel 2022.
Le nuove regole della città non si applicheranno alle nuove costruzioni.
Seattle ha un codice energetico separato per i nuovi edifici commerciali e multifamiliari di grandi dimensioni che incorpora le regole del Washington State Building Code Council e include revisioni da parte della città.
Gli standard di prestazione edilizia proposti da Seattle non si applicherebbero inoltre agli impianti industriali e manifatturieri, agli edifici di dimensioni inferiori a 20.000 piedi quadrati o alle abitazioni unifamiliari.
La misura di Seattle è co-sponsorizzata dai membri del consiglio comunale Lisa Herbold, Teresa Mosqueda e Dan Strauss.
Il comitato ristretto del consiglio sull'azione per il clima voterà la legislazione il 7 dicembre, con un voto finale da parte dell'intero consiglio il 12 dicembre.
emissioni climatiche”, ha detto Mosqueda in udienza.
"E [io] apprezzo il processo ponderato che ha portato a questo."

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d