Civic

Il senatore dello stato di Washington dietro la proposta di imposta sul patrimonio risponde alla partenza di Bezos

Il senatore di Washington Noel Frame non è deluso dalla decisione di Jeff Bezos di trasferirsi a Miami, nonostante la potenziale perdita di entrate derivanti da un'imposta sul patrimonio che lei sta spingendo per nel suo stato d'origine.
Frame ha parlato con GeekWire venerdì in seguito alla notizia che il fondatore di Amazon si sta trasferendo dalla sua casa di lunga data nell'area di Seattle per essere più vicino alla famiglia a Miami e alle operazioni per la sua impresa spaziale Blue Origin.
Bezos, che si è dimesso dalla carica di CEO di Amazon nel 2021, non ha citato le tasse nel suo post su Instagram in cui annunciava il trasferimento a Miami, ma la decisione ha suscitato dubbi sul ruolo della politica fiscale.
Anche lo stato di Washington ha recentemente approvato un’imposta sulle plusvalenze del 7%.
Frame ha affermato che le stime sulle entrate derivanti da una potenziale imposta sul patrimonio nello stato di Washington non cambieranno, poiché già tengono conto di un certo grado di mobilità dei contribuenti e di comportamenti di elusione.
“Jeff Bezos non è l’unico miliardario nello stato di Washington”, ha aggiunto Frame.
Frame ha sponsorizzato un disegno di legge sull’imposta sul patrimonio nella legislatura dello stato di Washington all’inizio di quest’anno che avrebbe innescato un’imposta sul patrimonio dell’1% su attività finanziarie come azioni e obbligazioni, esclusi i primi 250 milioni di dollari.
I sostenitori delle tasse legate alla ricchezza dicono che è un modo per modificare le leggi fiscali regressive di Washington per aiutare i lavoratori a basso salario.
Washington non ha un’imposta sul reddito.
L’imposta sul patrimonio, che non è stata avanzata attraverso i comitati nel 2023, avrebbe colpito circa 700 contribuenti nello stato di Washington, compresi molti che hanno fatto fortuna nel settore tecnologico come Bezos, che ha un patrimonio netto di circa 160 miliardi di dollari.
Jared Walczak, vicepresidente dei progetti statali presso il think tank Tax Foundation con sede a Washington, ha scritto venerdì che la mossa di Bezos sarà "particolarmente difficile da digerire per lo stato" a causa della potenziale considerevole perdita di incassi su un'ipotetica imposta sul patrimonio .
"Quando un'imposta è così fortemente concentrata su pochi individui ricchi e altamente mobili, questo è ciò che accade quando solo una persona si sposta", ha scritto Walczak.
“E se mai la tassa venisse adottata, altre potrebbero seguirne”.
Frame non crede alla narrazione secondo cui le persone benestanti si muovono per evitare di pagare tasse elevate, puntando su ricerche che dicono il contrario.
“Le persone si spostano a causa delle loro famiglie e del lavoro”, ha detto.
"Quando guardo il suo annuncio, mi viene in mente che Jeff Bezos è un essere umano come tutti gli altri." Frame ha affermato che la competitività economica non dipende dalla politica fiscale ma piuttosto da fattori come gli investimenti nelle infrastrutture o l’istruzione pubblica.
“Dovremmo tassare la ricchezza e reinvestire quei dollari in servizi che attirino nel nostro Stato gli imprenditori in fase iniziale, in modo che possano mettere radici qui, crescere le loro famiglie e costruire la loro ricchezza”, ha detto Frame.
“Questo è ciò che ci dicono i dati.
Ed è esattamente ciò che [Bezos] ha fatto con Amazon”.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d