Pacific Northwest National Lab svolge un ruolo nel centro di ricerca AI finanziato con fondi federali

Il Pacific Northwest National Laboratory sta unendo le forze con altre due centrali di ricerca per creare un nuovo centro di ricerca da $ 5,5 milioni creato dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti per concentrarsi sulle maggiori sfide dell'intelligenza artificiale.
Il Centro per le architetture e gli algoritmi focalizzati sull'intelligenza artificiale, o ARIAA, promuoverà progetti collaborativi per scienziati presso PNNL a Richland, nello stato di Washington, presso i laboratori nazionali Sandia nel New Mexico e in Georgia Tech.
PNNL e Sandia fanno parte della rete di laboratori di ricerca del Dipartimento Energia.
ARIAA sarà guidata da Roberto Gioiosa, ricercatore senior presso PNNL.
Come direttore centrale, sarà responsabile della visione generale, della strategia e della direzione della ricerca di ARIAA.
Sarà assistito da due vicedirettori, il Rajamanickam di Sandia e il professor Tushar Krishna della Georgia Tech.
La creazione del nuovo centro è in linea con gli sforzi della Casa Bianca per incoraggiare i partenariati nella ricerca sull'IA.
Il mese scorso, il segretario all'Energia Rick Perry ha annunciato l'istituzione del DOE Artificial Intelligence and Technology Office come centro di coordinamento per tutto il lavoro svolto nel suo dipartimento.
"L'intelligenza artificiale sta rivoluzionando il nostro mondo", ha detto Gioiosa in un comunicato stampa.
"Puoi vederlo ovunque, dal tuo cellulare allo sviluppo di auto a guida autonoma.
L'intelligenza artificiale sta anche rivoluzionando il modo in cui facciamo scienza e il modo in cui affrontiamo i problemi importanti per la nostra nazione.
"Gioiosa ha affermato che la creazione di ARIAA" fa parte della strategia per risolvere alcuni dei problemi più impegnativi impiegando una nuova intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico tecniche.
”Le principali priorità di ricerca includeranno applicazioni di intelligenza artificiale per sicurezza informatica, resilienza della rete elettrica, analisi dei grafici e chimica computazionale.
Tali settori sono estremamente rilevanti per il portafoglio del dipartimento Energia e possono anche offrire opportunità commerciali per reti più sicure e nuovi tipi di medicinali.
L'approccio di ARIAA trarrà vantaggio da un approccio noto come "co-design", in cui i ricercatori bilanciano le capacità di hardware e software ottimizzando architetture e algoritmi informatici per affrontare una determinata sfida.
L'approccio di coprogettazione è particolarmente adatto ai supercomputer e al calcolo ad alte prestazioni.
E pochi lo sanno meglio di Gioiosa, che faceva parte del team che ha costruito il supercomputer IBM Blue Gene 15 anni fa.
Ora conta sul co-design per sbloccare nuove funzionalità per l'IA.
"L'IA promette di fornire risposte a molti problemi in una frazione del tempo rispetto ai processi attuali", ha detto Gioiosa.
“Ma soprattutto, l'intelligenza artificiale ci consentirà di risolvere i problemi oggi, che semplicemente non possono essere risolti perché sono troppo complessi.
Questa è la scienza del futuro.
"

Commenti

commenti