Amazon

La società biotecnologica di Seattle fondata dal vincitore del premio Nobel pianifica test umani per COVID-19 sperimentale

Cocrystal Pharma, una società dell'area di Seattle co-fondata da un vincitore del premio Nobel e sostenuta da veterani della biotecnologia, sta prendendo di mira virus di alto profilo.
La società quotata in borsa ha il via libera delle autorità di regolamentazione per uno studio clinico in fase iniziale che testa il suo trattamento sperimentale per COVID-19 e norovirus.
Sta inoltre finalizzando i piani per una sperimentazione di fase 2 sull'influenza di un trattamento separato, dopo essersi allontanato da un programma precedente per il virus dell'epatite C.
Cocrystal sviluppa composti "ad ampio spettro" attivi contro più virus prendendo di mira il loro meccanismo di replicazione.
L'approccio proprietario si basa su una tecnica chiamata cristallografia a raggi X per valutare come i composti si legano ai componenti virali a livello molecolare, consentendo a Cocrystal di generare molti indizi per potenziali farmaci.
"Abbiamo industrializzato il processo di creazione di questi composti e di test", ha affermato James Martin, chief financial officer e co-CEO di Cocrystal.
La tecnologia è stata sviluppata nel laboratorio del co-fondatore Roger Kornberg, un biologo strutturale di Stanford che ha vinto il premio Nobel per la chimica nel 2006 ed è capo scienziato e presidente del consiglio di amministrazione dell'azienda.
La lunga strada Le nuove sperimentazioni cliniche arrivano dopo un cambio di priorità per l'azienda di 15 anni.
Cocrystal ha annunciato dati preliminari sulla sicurezza e sull'efficacia nel 2019 per uno studio di fase 2a contro il virus dell'epatite C, ma non ha trovato un partner per sviluppare ulteriormente il composto in un mercato saturo di nuovi farmaci per la condizione.
L'azienda è passata all'influenza e ha completato lo scorso anno una sperimentazione di fase 1 su un composto mirato ai virus dell'influenza A, ponendo le basi per la nuova sperimentazione di fase 2.
Cocrystal ha anche firmato un accordo da 4 milioni di dollari nel 2019 con Merck per scoprire e sviluppare agenti antivirali contro l'influenza A e B, con un potenziale di 156 milioni di dollari in pagamenti cardine, oltre a royalties non divulgate su potenziali vendite.
Due anni dopo, Cocrystal ha consegnato i composti a Merck, che ha detto a Cocrystal che continua a svilupparli.
La società si è nuovamente orientata durante la pandemia allo sviluppo di composti contro COVID-19 e ha aggiunto il norovirus, noto per essere dilagante sulle navi da crociera, nel mix.
Tenere bassi i costi Martin, che in precedenza è stato chief financial officer presso diverse società biotecnologiche, condivide il ruolo di CEO con il presidente della società Sam Lee, un veterano di Icos Corporation, una società dell'area di Seattle acquisita da Eli Lilly nel 2007.
La coppia ha preso il timone dopo la morte nel 2021 del precedente CEO Gary Wilcox, un ex dirigente di Icos che ha co-fondato Cocrystal con Kornberg.
"Sam si occupa di tutta la scienza e lavora a stretto contatto con Roger", ha detto Martin, che lavora dalla sua città natale di Miami.
“Io mi occupo di tutto il resto.
Ci permette davvero di concentrarci su ciò di cui abbiamo bisogno”.
Cocrystal mantiene bassi i costi esternalizzando "tutti i lavori pesanti", come gli studi preclinici sugli animali, a organizzazioni di ricerca in India e Cina, ha affermato Martin.
Ha anche scelto l'Australia per i suoi studi clinici in fase iniziale.
Il paese si offre di rimborsare il 42% dei costi di sperimentazione nel tentativo di rafforzare la sua industria biofarmaceutica, che ha consentito a Cocrystal di risparmiare milioni di dollari, ha affermato Martin.
Cocrystal ha speso $ 12,4 milioni in ricerca e sviluppo e $ 5,7 milioni in spese amministrative generali nel 2022 e aveva $ 34 milioni a disposizione a marzo.
"Siamo molto stretti con i soldi", ha detto Martin.
Finanziamento dell'azienda L'azienda ha iniziato essenzialmente come "solo un ragazzo in un laboratorio", a Bothell, nello stato di Washington, dove ora ha sede, ha detto Martin.
Cocrystal ha raccolto circa 30 milioni di dollari nel mercato privato dall'ex CEO di Pharmacia e Upjohn Fred Hassan; Il professore della Emory University Raymond Schinazi, che ha portato a casa circa 440 milioni di dollari nel 2011 con la vendita di Pharmasset a Gilead; e il miliardario Phillip Frost, CEO della società di diagnostica Opko Health ed ex presidente del consiglio di amministrazione di Teva Pharmaceuticals.
Gli investitori istituzionali includono Teva Pharmaceuticals, OPKO Health e The Frost Group.
Cocrystal è diventata pubblica nel 2014 attraverso una fusione inversa con una società di comodo, e nello stesso anno ha completato una fusione con la società fondata da Schinazi, RFS Pharma.
Da allora Cocrystal ha raccolto 84,2 milioni di dollari dalle offerte di azioni e ora ha 15 dipendenti.
Le azioni di Cocrystal sono scambiate a circa $ 3,00, in calo rispetto al massimo pandemico di $ 24,36 nel 2021 e al massimo storico di $ 104,40 nel 2017 (la società ha anche annunciato frazionamenti azionari nel 2022 e nel 2018).
Guardando al futuro Cocrystal si sta spostando nel Regno Unito per il suo studio sull'influenza A in fase avanzata.
Se la sperimentazione di fase 2 sarà approvata, Cocrystal prevede di testare il composto orale in studi di "sfida umana" in cui i pazienti vengono infettati prima di essere trattati, in collaborazione con hVIVO, un'organizzazione di ricerca a contratto del Regno Unito specializzata nell'approccio.
Il nuovo studio di fase 1 di Cocrystal in Australia è stato approvato a maggio per COVID-19 e la società ha annunciato questa settimana che il composto è efficace anche contro il norovirus negli studi di laboratorio.
Il nuovo studio è progettato per testare la sicurezza e la tollerabilità.
Se la sperimentazione avrà successo, Cocrystal prevede di testare il composto orale in studi di fase 2 separati contro i due virus.
Molte altre aziende stanno anche sviluppando trattamenti per COVID-19.
Molti trattamenti COVID-19 basati su anticorpi non sono più utili contro le varianti più recenti.
E il farmaco COVID-19 Paxlovid ampiamente prescritto, approvato per "uso di emergenza" negli Stati Uniti, presenta svantaggi come le interazioni con alcuni altri farmaci.
Non esiste un vaccino o un trattamento approvato per il norovirus, che causa da 19 a 21 milioni di malattie ogni anno negli Stati Uniti e 900 morti.
Cocrystal prevede di trattare il suo primo paziente per il suo studio di fase 1 su COVID-19 e norovirus entro i prossimi mesi e di completare il dosaggio e fornire i dati principali nel 2024.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d