Amazon

La FTC e 17 stati fanno causa ad Amazon per il mantenimento di un presunto potere di monopolio che soffoca la concorrenza

Martedì la Federal Trade Commission e 17 procuratori generali statali hanno intentato una causa contro Amazon, sostenendo che il colosso tecnologico con sede a Seattle è un monopolio che abusa del suo potere.
La denuncia sostiene che Amazon utilizza “strategie anticoncorrenziali e sleali” che “impediscono a rivali e venditori di abbassare i prezzi, degradano la qualità per gli acquirenti, fanno pagare troppo ai venditori, soffocano l’innovazione e impediscono ai rivali di competere lealmente” contro il colosso dell’e-commerce.
CORRELATO: La FTC prende di mira il presunto algoritmo segreto di determinazione dei prezzi "Progetto Nessie" in una denuncia antitrust La tanto attesa causa, depositata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale di Washington, è un test per il presidente della FTC Lina Khan e coloro che hanno preso di mira Amazon per anni le sue pratiche commerciali.
"La nostra denuncia espone come Amazon abbia utilizzato una serie di tattiche punitive e coercitive per mantenere illegalmente i suoi monopoli", ha affermato Khan in una nota.
“La denuncia espone accuse dettagliate che sottolineano come Amazon stia ora sfruttando il suo potere di monopolio per arricchirsi, aumentando i prezzi e degradando il servizio per le decine di milioni di famiglie americane che fanno acquisti sulla sua piattaforma e per le centinaia di migliaia di aziende che si affidano ad Amazon per raggiungili.
La causa di oggi cerca di chiedere conto ad Amazon di queste pratiche monopolistiche e di ripristinare la promessa perduta di una concorrenza libera ed equa”.
Amazon ha rilasciato la seguente dichiarazione in risposta alla causa, di David Zapolsky, vicepresidente senior, Amazon Global Public Policy & General Counsel: “La causa di oggi chiarisce che l'attenzione della FTC si è radicalmente allontanata dalla sua missione di proteggere i consumatori e la concorrenza.
Le pratiche che la FTC sta sfidando hanno contribuito a stimolare la concorrenza e l’innovazione nel settore della vendita al dettaglio e hanno prodotto una maggiore selezione, prezzi più bassi e velocità di consegna più elevate per i clienti Amazon e maggiori opportunità per le numerose aziende che vendono nel negozio Amazon.
Se la FTC riuscisse a farcela, il risultato sarebbe un minor numero di prodotti tra cui scegliere, prezzi più alti, consegne più lente per i consumatori e opzioni ridotte per le piccole imprese: l’opposto di ciò che la legge antitrust è progettata per fare.
La causa intentata oggi dalla FTC è sbagliata in fatto e in diritto, e non vediamo l’ora di portare il caso in tribunale”.
Zapolsky ha scritto una risposta più lunga in un post separato martedì mattina, in cui ha definito la causa “fuorviante” e ha affermato che la commissione ha un “malinteso fondamentale sulla vendita al dettaglio”.
"La FTC finge che questa competizione quotidiana al dettaglio non esista", ha scritto Zapolsky.
“Ma il suo tentativo di suddividere i presunti mercati in ristretti sottoinsiemi di rivenditori (che in realtà competono con altri rivenditori sugli stessi prodotti) non può trasformare Amazon in qualcosa che non è.
Amazon potrebbe non essere più la piccola impresa di una volta, ma siamo ancora solo una parte di un mercato al dettaglio enorme e robusto con numerose opzioni per consumatori e venditori”.
Alla FTC si uniscono partner statali che cercano un'ingiunzione permanente presso un tribunale federale che, secondo l'agenzia, "proibirebbe ad Amazon di intraprendere la sua condotta illegale e libererebbe il controllo monopolistico di Amazon per ripristinare la concorrenza".
Gli stati includono: Connecticut, Delaware, Maine, Maryland, Massachusetts, Michigan, Minnesota, New Jersey, New Hampshire, New Mexico, Nevada, New York, Oklahoma, Oregon, Pennsylvania, Rhode Island e Wisconsin.
Un rapporto del 2020 di un sottocomitato antitrust della Camera degli Stati Uniti aveva precedentemente scoperto che Amazon “ha un potere monopolistico sulla maggior parte dei venditori di terze parti e su molti dei suoi fornitori”.
Quel rapporto di 450 pagine concludeva un’indagine durata 16 mesi su Facebook, Google, Amazon e Apple come operatori dei principali mercati online e proponeva riforme radicali per i giganti tecnologici statunitensi, comprese “separazioni strutturali per vietare alle piattaforme di operare in linee di business che dipendono o interagire con la piattaforma." La scelta di Khan da parte del presidente Biden come presidente della FTC è stata un grosso problema nel 2021 a causa della sua posizione sull'antitrust.
Ha attirato l'attenzione nazionale mentre era ancora alla facoltà di giurisprudenza quando Yale Law Review ha pubblicato il suo articolo, "Il paradosso antitrust di Amazon".
In esso, Khan sosteneva che il cosiddetto “standard di benessere dei consumatori” – in cui i regolatori guardano attentamente ai prezzi per determinare se un’azienda si è comportata in modo monopolistico – è insufficiente per l’economia digitale.
Khan ritiene che un’azienda come Amazon possa abusare del proprio potere di mercato, anche se utilizza tale potere per abbassare i prezzi per i consumatori, anziché aumentarli.
Sotto la sua guida, la FTC ha assunto una posizione più aggressiva nel perseguire azioni contro le aziende tecnologiche.
A giugno, la FTC ha citato in giudizio Amazon per aver presumibilmente indotto i clienti a sottoscrivere abbonamenti al suo servizio Prime e aver reso loro inutilmente difficile la cancellazione.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d