Amazon

Il gioco "Six Days in Fallujah", sviluppato a Seattle, ricrea la paranoia delle zone di conflitto urbano

Le prime due volte che ho provato a giocare a Six Days in Fallujah, non ero sicuro di cosa stessi facendo di sbagliato.
Accettavo una missione, mi dirigevo in un settore urbano bombardato e nel giro di pochi minuti venivo colpito ripetutamente da aggressori che non avevo mai visto.
Si scopre che questo è esattamente il modo in cui Six Days dovrebbe funzionare.
Non è un tipico videogioco; è più simile a un simulatore di combattimento urbano.
Mi ha costretto a disimparare alcune abitudini che ho sviluppato in decenni di gioco con giochi meno realistici.
Six Days in Fallujah, attualmente in Steam Early Access ($ 39,99), è uno sparatutto in prima persona multiplayer cooperativo sviluppato e pubblicato da due società dell'area di Seattle, Highwire Games e Victura.
Annunciato per la prima volta nel 2009, Six Days è un tentativo deliberato di utilizzare il moderno FPS come modello per creare una rievocazione storica interattiva.
Nello specifico, vuole dare ai giocatori un'idea di come ci si sente a essere sul campo durante la seconda battaglia di Fallujah nel 2004, sia come soldato americano che come civile della città.
Il suo arrivo su Steam Early Access segna un nuovo capitolo in una storia che risale a quasi 15 anni fa.
Six Days inizialmente apparve come progetto dell'ormai defunta Atomic Games con la società giapponese Konami come editore.
Al momento del suo annuncio iniziale, tuttavia, sia i sostenitori contro la guerra che i veterani non gradivano l'idea di trasformare la Seconda Battaglia di Fallujah in un videogioco, per qualsiasi motivo.
Konami abbandonò rapidamente il gioco, togliendo Six Days dai radar del settore per gran parte dei successivi 12 anni.
Six Days è più interessato al realismo di qualsiasi altro sparatutto in prima persona a cui ho giocato forse negli ultimi dieci anni.
Anche giochi come Call of Duty, nonostante tutto il loro fascino per l'hardware militare moderno, tendono ad essere prima di tutto giochi, con tutti i bonus in termini di qualità della vita che i fan si aspettano dai loro tiratori nel corso degli anni.
Ad esempio, se qualcuno ti apre il fuoco in uno sparatutto moderno, la sua interfaccia utente probabilmente ti mostrerà da quale direzione provengono i proiettili.
Six Days non ha queste preoccupazioni.
Oltre a piccole cose come un'interfaccia utente minimalista, presenta un approccio realistico ad entrambe le armi e al loro relativo livello di pericolo.
Se ti sparano una volta, dovrai ritirarti al riparo per cercare di rimetterti in sesto.
Se ti sparano di nuovo, o sei morto o avrai bisogno dell'aiuto di un compagno di squadra vicino.
Di conseguenza, il gioco è puro carburante per la paranoia.
Qualsiasi porta o finestra nella ricostruzione di Fallujah di Six Days potrebbe contenere un nemico con una mitragliatrice.
Gli avversari possono tendere imboscate, colpirti da blocchi di distanza o lanciare proiettili di mortaio sulla tua posizione con poco o nessun preavviso.
In un gioco, questo mi sembrerebbe ingiusto, ma questa dovrebbe essere una guerra.
A questo punto della corsa di Six Days in Early Access, l'unico contenuto giocabile sono le sue "missioni di squadra", una serie di quattro mappe rotanti per un massimo di quattro giocatori ambientate in vari quartieri di Fallujah.
Inoltre, Six Days presenta un assortimento di video, costituiti da filmati nuovi e d'archivio, che presentano testimonianze e storie di veterani sia americani che iracheni.
Il progetto è stato originariamente concepito da Eddie Garcia, un marine che ha combattuto ed è stato ferito a Fallujah, con l'obiettivo che "i videogiochi possano aiutare tutti noi a comprendere gli eventi del mondo reale in un modo in cui gli altri media non possono".
Personalmente, la cosa più importante che ho imparato da Six Days è che sarei un pessimo Marine.
Questo potrebbe essere lo sparatutto in prima persona più realistico a cui abbia mai giocato dai tempi dei precedenti Rainbow Six, e anche quello sembra un brutto paragone.
Proprio in termini di pura tensione dell'esperienza, Six Days è già una classe a sé stante.
Il gioco è costruito attorno all'aspettativa di un lavoro di squadra ravvicinato, in cui dovresti poter fare affidamento sulla tua squadra per coprire gli angoli e guardarti le spalle.
Se scappi da solo, o peggio, provi a farti strada con Rambo attraverso il teatro del conflitto, finirai per morire in pochi secondi.
Ti consigliamo di provare a giocare con una troupe normale se intendi entrare in Six Days e assicurarti di avere tutti i microfoni quando lo fai.
Al momento in cui scrivo, tuttavia, Six Days è solo uno sparatutto militare dolorosamente realistico, ambientato in una serie di ambienti identici a qualsiasi altra zona di guerra bombardata di un recente videogioco.
Le missioni della squadra di fuoco sono estenuanti e intense, con poco spazio per il fallimento, ma sono poco più che una prova di concetto rispetto a ciò che Victura e Highwire hanno pianificato per il progetto.
Molti degli sparatutto precedenti, come la serie Medaglia d'Onore, erano davvero orgogliosi della loro accuratezza storica e delle loro riproduzioni, ma Six Days sta aprendo una nuova strada qui, ricreando un recente conflitto da una guerra impopolare a memoria d'uomo.
Gli sviluppatori sembrano del tutto consapevoli e rispettosi di ciò, con testimonianze di soldati reali in ogni schermata di caricamento, ma la modalità campagna è ciò che probabilmente affonderà o eleverà Six Days in Fallujah.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d