Amazon

Il CEO di Amazon definisce “scioccanti” gli attacchi contro i civili in Israele e afferma che la società sosterrà gli sforzi di soccorso

Il CEO di Amazon Andy Jassy ha definito gli attacchi contro i civili in Israele “scioccanti e dolorosi da guardare” in un post su X lunedì sera.
Jassy si è unito al coro di coloro che esprimono tristezza e indignazione per l'offensiva a sorpresa dei militanti di Hamas, iniziata sabato vicino al confine tra Israele e la Striscia di Gaza e degenerata in una guerra su vasta scala.
Secondo la pagina di lavoro di Amazon per Israele, Amazon con sede a Seattle ha aperto il suo primo ufficio a Tel Aviv nel 2014 e ha continuato a crescere e a investire nella sua base di clienti israeliani.
Lo spazio Amazon Web Services a Tel Aviv chiamato Floor28 è stato aperto nel 2018 come centro educativo per eventi e workshop.
Jassy ha detto di essere stato in contatto con i compagni di squadra in Israele per assicurarsi che la società stia facendo tutto il possibile per "aiutare a sostenere la loro famiglia e la loro sicurezza, e per assistere come possiamo in questo momento molto difficile".
Amazon ha dichiarato a GeekWire martedì che la società è in contatto con i dipendenti sul campo e sta fornendo supporto individuale.
È stata creata una pagina web interna dove ogni dipendente può donare a missioni umanitarie, e Amazon ha avviato il processo per effettuare donazioni in denaro alle organizzazioni internazionali che operano nell'area.
Amazon dispone di un robusto apparato di risposta alle catastrofi e di soccorso che utilizza le capacità logistiche globali dell'azienda e normalmente risponde a crisi come uragani, terremoti e altri disastri naturali.
Secondo il suo sito web, dal 2017, Amazon ha donato più di 23 milioni di beni di prima necessità per sostenere le persone colpite da oltre 108 disastri in tutto il mondo.
Anche il CEO di AWS Adam Selipsky è intervenuto con un post su LinkedIn in cui ha definito gli attacchi contro Israele “tristi e angoscianti”.
"Negli ultimi giorni abbiamo parlato con i nostri compagni di squadra AWS in Israele, offrendo il nostro supporto", ha scritto Selipsky.
“La nostra priorità è garantire che siano al sicuro e abbiano le risorse di cui hanno bisogno in questo momento difficile.
Siamo inoltre in stretto contatto con i partner internazionali di soccorso umanitario che forniscono sostegno ai civili colpiti.
Speriamo profondamente nella pace”.
Lunedì The Information ha riferito di come il conflitto potrebbe influenzare le aziende tecnologiche in Israele, sia perché i lavoratori tecnologici israeliani saranno diretti in prima linea sia perché le aziende statunitensi hanno grandi uffici lì.
Microsoft ha una presenza significativa in Israele, impiegando più di 2.000 persone nel suo campus di Tel Aviv, la maggior parte delle quali lavora nella ricerca e nello sviluppo della sicurezza informatica, ha affermato The Information.
La pagina dedicata alle carriere del colosso tecnologico con sede a Redmond, nello stato di Washington, per Israele, elenca anche gli uffici a Herzliya, Haifa e Nazareth.
Un video di 2 anni fa sul sito, di seguito, fornisce un tour di un centro di ricerca e sviluppo.
Microsoft ha rifiutato di commentare quando è stata contattata da GeekWire lunedì.
L'informazione afferma che Google impiega circa 2.200 persone a Tel Aviv e Haifa e gestisce data center nel paese per la sua divisione di cloud computing.
Altri importanti legami e commenti a Seattle sulla guerra: Dr.
Hayim Katsman, Ph.D.
dell'Università di Washington.
studente, era uno degli americani uccisi negli attacchi.
Secondo quanto riferito, i dirigenti tecnologici con legami con Seattle stanno tornando in Israele per combattere nella guerra.
"È difficile spiegare quanto siano stati emotivamente sconvolgenti gli ultimi giorni", ha scritto Shahar Ronen, da lungo tempo leader dell'ingegneria nell'area di Seattle.
“Fortunatamente la mia famiglia e i miei amici in Israele sono al sicuro, per la maggior parte rifugiati sul posto.
Ma nel mio secondo cerchio ci sono persone che sono state uccise o tenute in ostaggio.
Indipendentemente dalla vostra posizione rispetto al conflitto israelo-palestinese, questo attacco di Hamas dovrebbe essere condannato inequivocabilmente”.
Craft PNW, un centro terapeutico guidato dall’imprenditore di tecnologia sanitaria di Seattle Grin Lord, ospita questa settimana gruppi di sostegno israeliani.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d