Amazon

Allen Frontiers Group assegna 10 milioni di dollari per creare un centro di ricerca per la neuroimmunologia

Il Paul G.
Allen Frontiers Group, una divisione dell'Allen Institute con sede a Seattle, sta lanciando un centro di ricerca a New York per concentrarsi sulle interazioni tra il sistema nervoso e il sistema immunitario.
L’Allen Discovery Center for Neuroimmune Interactions, con sede presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai, riceverà 10 milioni di dollari nel corso di quattro anni dalla Paul G.
Allen Family Foundation, con un potenziale totale di 20 milioni di dollari in otto anni.
Il premio è il risultato di un invito aperto a presentare proposte di ricerca che esplorano questioni fondamentali all'intersezione tra neuroscienze e immunologia.
È l'ultima iniziativa di scienza aperta che celebra l'eredità del co-fondatore di Microsoft Paul Allen, morto cinque anni fa all'età di 65 anni per complicazioni del linfoma non Hodgkin.
Nel corso degli anni sono stati creati numerosi altri Allen Discovery Center per concentrarsi su campi quali l'evoluzione del cervello umano e le linee cellulari.
"La comprensione della complessa diafonia che avviene tra il sistema nervoso periferico e quello immunitario fornirà a questo campo emergente un'entusiasmante opportunità per cambiare il modo in cui pensiamo alla fisiologia in questa interfaccia dinamica, sia nella salute che nella malattia", Kathy Richmond, vicepresidente esecutivo presidente e direttore del Frontiers Group e dell'Ufficio per la scienza e l'innovazione dell'Allen Institute, ha dichiarato oggi in un comunicato stampa.
Il centro di ricerca sulla neuroimmunologia sarà guidato da Brian Kim del Mount Sinai e David Artis della Weill Cornell Medicine.
Riuniranno un team multidisciplinare per tracciare le interazioni tra il sistema nervoso e il sistema immunitario che si verificano in siti distanti dal cervello – ad esempio, sulle superfici della pelle, dei polmoni e dell'intestino – e analizzare come tali interazioni trasmettono le sensazioni al cervello.
cervello e regolano la fisiologia degli organi e le risposte immunitarie.
Kim ha affermato che l’obiettivo del centro sarà “accelerare esponenzialmente la frontiera della neuroimmunologia riunendo i pionieri che hanno contribuito a plasmare il campo emergente”.
Artis ha affermato che il team comprenderà ricercatori del Monte Sinai, della New York University, della Weill Cornell Medicine e di Yale.
Lo sforzo rappresenta “un’enorme opportunità per sfruttare tecnologie all’avanguardia per fornire nuove informazioni su come i sistemi nervoso e immunitario comunicano tra loro per regolare l’immunità, l’infiammazione e l’omeostasi dei tessuti”, ha affermato.
Se il centro manterrà le sue promesse, la ricerca risultante potrebbe “trasformare numerosi campi della biologia e della medicina, tra cui allergie, autoimmunità, cancro, infezioni e metabolismo”, ha affermato Kim.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d