Un racconto di due app ombrose: QuickPic è tornato su Google Play mentre ES File Explorer scompare

All'inizio di questo mese, è stato riferito che un gruppo di app della società cinese DO Global partecipava a attività fraudolente, abusando di autorizzazioni e facendo clic su annunci senza il permesso degli utenti di generare impressioni false. In risposta a questi account, Google li ha rimossi dal Google Play Store e ha limitato qualsiasi tentativo di monetizzare queste app escludendole dalla rete AdMob. Ora, uno dei browser di file più popolari e più lunghi – ES File Explorer – sembra essere legato all'azione repressiva ed è svanito dal Play Store. Fino a pochi anni fa, ES File Explorer è stato accolto tra le scelte go-to per la gestione dei file su dispositivi Android. Ma da quando è stato venduto a una terza parte cinese, è stato truccato con funzioni inutili e forzate come lo schermo di ricarica indesiderato, un flusso costante di annunci e una vulnerabilità sconvolgente che consente ad altri di rubare i tuoi file sulla stessa rete. Da allora, la sua popolarità è crollata solo con il passaggio degli utenti ad altre alternative come FX File Explorer, MiXplorer o Solid Explorer. Anche se ES Explorer è stato attribuito allo sviluppatore "ES Global", sembra essere elencato sul sito web ufficiale di "Du Global" – una filiale di DO Global, che si trova di fronte alla collera di Google per un uso scorretto dei permessi delle app. Quindi, questa rimozione sembra essere in linea con le azioni di Google contro il gigante cinese. In particolare, ES Global è stato rimosso anche dal Play Store. Prima del divieto, DO Global aveva circa 100 app sul Play Store, la maggior parte delle quali non indicava chiaramente di essere di proprietà dello sviluppatore e un totale di 600 milioni di installazioni, congiuntamente. Quasi la metà di questi sono stati rimossi e DO Global ha anche ammesso di aver riscontrato irregolarità nel modo in cui le sue app utilizzano la funzionalità AdMob. Ma nonostante sia una delle azioni più ripugnanti nei confronti di qualsiasi sviluppatore nella storia di Android, sembra che le app di proprietà di DO Global, come ES Explorer, possano tornare al Play Store con gli aggiustamenti necessari. In una simile linea d'azione, ben otto app di Cheetah Mobile e della sua controllata Kika sono state cacciate dal Play Store per promuovere una frode pubblicitaria simile a novembre 2018, ma ora hanno iniziato a ripopolare il Play Store. QuickPic, una di queste famigerate app di proprietà di Cheetah Mobile, è stata ripresentata al Play Store, anche se la compagnia non ne ha parlato molto. L'app, tuttavia, presenta diversi problemi, tra cui problemi con la riproduzione di video, arresti anomali dell'app e problemi grafici, consumo di RAM e annunci pubblicitari. La maggior parte delle recensioni recenti per l'eco dell'app si ripetono sullo stesso problema ed è l'impossibilità di recuperare i media sincronizzati con il cloud CM. Sembra che non sarà lunga la valutazione di 4,6 di un'app contro il gioco degli utenti. QuickPic – Galleria fotografica con supporto di Google Drive (gratuito, Google Play) → Via 1: Polizia Android Via 2: Polizia Android Il post Una storia di due app ombrose: QuickPic torna su Google Play mentre ES File Explorer scompare prima su xda- sviluppatori.

Commenti

commenti