Tech

Trasformare una battuta d'arresto in un'acquisizione: il viaggio di una startup AI di un fondatore

[Nota del redattore: questo saggio è un aggiornamento di Kirill Zubovsky, un fondatore di startup con legami con la regione di Seattle, che ha parlato sul podcast GeekWire nel gennaio 2023 della sua esperienza nell'avvio dell'impresa di domini AI Smartynames.] Quando la tua startup incontra acque agitate, è tentazione di abbandonare la nave.
Tuttavia, nel mio viaggio, ho scoperto che quella che sembra la fine potrebbe essere un’opportunità sotto mentite spoglie.
Se la tua startup non sta ottenendo la spinta che speravi, potrebbe essere il momento di cambiare direzione o addirittura vendere.
Credimi, c'è la luce alla fine del tunnel.
Puoi trarre profitto, imparare ed emergere più forte.
Vorrei condividere la mia esperienza in modo da poter evitare alcune insidie che ho riscontrato.
Questa è anche la storia di come ho venduto Smartynames a Truic e ne ho ricavato una grande partecipazione agli utili.
Ma prima, per comprenderlo appieno, dobbiamo riavvolgere.
L'anno era il 2014 e Scoutzie, la startup finanziata da venture capital in cui avevo messo anima e cuore, stava fallendo.
Immagina di sacrificare tempo e denaro e di mettere tutto in un sogno, solo per vederlo crollare.
Quelli eravamo noi.
Man mano che i fondi si esaurivano, il peso della stanchezza e della disillusione ci faceva credere che esistesse una sola via d’uscita: chiudere.
Una decisione di cui rimpiangeremo per sempre.
Guardando indietro, altre porte erano spalancate: ulteriori raccolte di fondi, rotazione, acquisizione o vendita di asset.
In effetti, il team di SV Angel, uno dei nostri investitori, ci ha letteralmente detto che tutte queste opzioni erano sul tavolo.
Ma la nebbia della disperazione oscurava quelle rotte.
Perché? Perché abbiamo smesso di credere in noi stessi.
Considera questo: stai pensando ad un “acquisizione”? Dal punto di vista di un estraneo, vedrebbero un intraprendente fondatore di Y Combinator con un background ingegneristico stellare, un maestro del multitasking.
Puoi programmare, progettare e intraprendere affari.
Una risorsa per qualsiasi organizzazione! Ma dal punto di vista di un fondatore, quello che vedevo allo specchio non era così bello: una persona senza valore che non riusciva a far funzionare la sua azienda, senza competenze utili e senza più energia per andare avanti.
L’abisso tra percezione esterna e autovalutazione interna può essere vasto, devastante e non solo inutile, ma attivamente debilitante.
Questa disparità non è solo sfortunata; è fuorviante.
La soluzione? Autostima e atteggiamento proattivo.
Dissocia per un momento le emozioni dalla tua impresa.
Spostare l’attenzione dagli sforzi e dalle aspirazioni del passato alla definizione di una via fattibile per il futuro.
OK, ora torniamo alla storia di Smartynames.
Quando ho lanciato Smartynames, non avevo un grande piano, se non quello di conoscere il settore e vedere cosa avrei potuto creare.
All'inizio non ero concentrato sui soldi, ma c'era sempre un piano per arrivarci qualche volta, e spero presto.
Ho stipulato alcuni accordi di affiliazione e ho ideato una serie di funzionalità che pensavo sarebbero state popolari.
Avanti veloce di nove mesi e guadagnavo un po' di soldi ogni mese, ma non era assolutamente niente di entusiasmante.
Adesso mi trovavo di fronte a due opzioni: continuare a lavorare, cercando di capire dove fossero i soldi; o per trovare qualcun altro che possa aiutarmi a farlo più velocemente.
A 25 anni, sarei rimasto fedele all'opzione uno, forse avrei anche provato a raccogliere fondi per diventare grande.
Ma a 30 anni ho deciso che a volte muoversi velocemente e rompere le cose significa anche trovare aiuto.
Dopotutto, i domini non erano un'attività che avevo intenzione di portare avanti per i prossimi 25 anni.
È stato un esperimento divertente, ma volevo uscirne e questa volta sapevo che avrebbe richiesto uno sforzo deliberato.
Ho contattato alcuni amici per un consiglio (grazie Dave Schappell e Anthony Eden!) e ho parlato delle mie opzioni.
All'inizio volevo cambiare direzione e continuare a fare progressi, ma poi la ragione me lo ha imposto.
Ho creato un elenco di una dozzina di persone interessate ad acquisire Smartynames e ho inviato loro un'e-mail.
Ognuno ha ricevuto un'e-mail personale con un esempio di come Smartynames.com potrebbe consentire alle proprie aziende di ingrandirsi.
Vendere a un potenziale acquirente non è diverso dal vendere a un venture capitalist o a un potenziale cliente.
Se vuoi saperne di più sulle vendite, leggi Il leader delle vendite qualificato e Mai dividere la differenza.
Le basi sono le seguenti, però: fai un piano, scopri cosa conta per l'acquirente, inserisciti nel posto giusto nel suo processo di acquisto e proponi la tua cosa in modo tale che non possa resistere al desiderio di acquistarla.
Non tutti gli acquirenti saranno adatti al tuo prodotto e devi riconoscerlo e concentrarti su quelli che lo sono.
Quindi esamina la tua lista e fai il lavoro.
Allora cosa è successo quando ho inviato tutte le e-mail? Alcune persone mi hanno ignorato, altre mi hanno preso in giro, altre hanno rifiutato educatamente, ma alcune aziende hanno espresso un interesse legittimo.
Abbiamo iniziato a parlare dei modi per integrare la tecnologia e di come sarebbe stato il futuro insieme.
PRECEDENTE COPERTURA Mettere l'intelligenza artificiale nei domini: perché la nuova era dell'intelligenza artificiale ispira il fondatore di questa startup L'acquirente più entusiasta e onesto però è stato Nagabhushanam Peddi (meglio conosciuto come Bobby), il CEO di Truic, e abbiamo avuto una discussione così ottimista che dopo Alla prima telefonata con lui ero praticamente convinto che, a meno che qualcosa non andasse terribilmente storto, Truic non fosse solo la scelta migliore, ma la scelta migliore in assoluto.
Ecco cosa distingueva davvero Bobby: era schietto, onesto, pieno di energia, orientato all'azione e un grande venditore.
Capì immediatamente che ero più interessato all'apprendimento che al denaro e mi stava vendendo il futuro di ciò che avremmo potuto realizzare insieme, piuttosto che un pagamento immediato.
Non mi importava chi mi avrebbe pagato, ma volevo lavorare con Bobby.
Ha anche aiutato il fatto che Truic fosse perfetto.
Si occupano ormai da anni di convertire i clienti in acquirenti di domini e dispongono di un proprio generatore di nomi, oltre a una serie di risorse su come avviare un'azienda.
C'è un canale YouTube, un podcast e una profonda base di conoscenza.
È uno sportello unico per trarre ispirazione, motivazione, istruzione e avvio.
Non solo avevano già tutto ciò che speravo di ottenere con Smartynames, ma avevano anche l'esperienza su come convertire gli utenti in entrata in vendite, nonché contratti redditizi per trasformare quei clienti in dollari.
Come ho detto prima, a volte è necessario chiedere aiuto e l’aiuto può arrivare in varie forme.
A volte sono consigli, a volte sono soldi e nel mio caso si è trattato di leva finanziaria.
Avrei potuto passare mesi a imparare come guadagnare in questo spazio, il che avrebbe richiesto la raccolta di fondi, oppure avrei potuto collaborare con le persone che già possedevano tutte le carte.
La scelta sembrava ovvia.
Ci sono voluti solo pochi giorni per definire i dettagli e firmare il contratto.
Truic si è mosso velocemente, davvero velocemente, ed è stato delizioso.
E ora, se Smartynames guadagna, veniamo pagati entrambi, e con le loro risorse è quasi garantito che sia vero.
È una vittoria per loro, una vittoria per me e un'enorme vittoria per i nostri clienti che potranno trovare il dominio giusto, imparare e avviare un'azienda.
Cosa non è da amare? Se sei un fondatore bloccato in una situazione difficile, non sicuro della strada da seguire, forse vendere è la mossa giusta per te.
Nella migliore delle ipotesi troverai un percorso per guadagnare più soldi e, nel peggiore dei casi, libererà la tua anima.
Se hai domande o hai semplicemente bisogno di qualcuno con cui parlare, non esitare a iscriverti alla mia newsletter Novice.Media o contattarmi direttamente.
Ascolta Kirill Zubovsky sul podcast GeekWire nel gennaio 2023:

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d