Sondaggio: il 41% degli utenti ha problemi di privacy con l'Assistente Google, Amazon Alexa e altri assistenti vocali

Nell'ultimo decennio, le interazioni tattili hanno dominato il modo in cui comunichiamo con i nostri dispositivi mobili. Ma presto, le ricerche vocali domineranno le nostre interazioni e aumenteranno probabilmente del 40% all'anno. Dal momento che la maggior parte delle interazioni vocali si svolgeranno tramite assistenti virtuali come Assistente Google, Alexa, Siri e timida Cortana, Microsoft ha chiesto a migliaia di consumatori la loro percezione degli assistenti vocali e ha pubblicato le sue conclusioni in un recente white paper. I risultati di questo lavoro spiegano le varie tendenze relative agli assistenti e agli altoparlanti intelligenti, oltre a mettere in evidenza le preoccupazioni degli utenti in merito al fatto di essere spiati continuamente. Nel suo Voice Report per il 2019, Microsoft valuta l'utilizzo e le preoccupazioni degli utenti circa l'adozione di assistenti vocali intelligenti. Questi dati si basano sulle risposte online di circa 2.000 consumatori da paesi come Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Canada e India tra marzo e giugno 2018. Per affinare questi risultati e comprendere le tendenze relative allo shopping con l'aiuto di virtual assistenti, Microsoft ha condotto un altro sondaggio con 5.000 altri consumatori negli Stati Uniti nel mese di febbraio 2019. Tra i 5.000 intervistati, il 72% ha affermato di aver utilizzato gli assistenti vocali come mezzo per cercare informazioni basate su interrogazioni vocali. Più della metà di questi utenti ha affermato di aver utilizzato abilità vocali o azioni eseguite utilizzando altoparlanti intelligenti. Sebbene Amazon abbia rivendicato il 75% del mercato degli altoparlanti intelligenti a novembre dello scorso anno con la sua linea Echo basata su Alexa, il rapporto di Microsoft mostra che Siri e Google Assistant di Apple dominano in termini di base utente complessiva a causa della loro disponibilità su dispositivi iOS e Android oltre a quelli intelligenti Altoparlanti. Sia Siri che Google Assistant occupano il 36% delle quote di mercato ciascuna mentre Alexa è stato segnalato per essere utilizzato dal 25% delle persone coinvolte nel sondaggio. L'assistente di Microsoft, Cortana, è utilizzato dal 19% degli intervistati mentre il restante 1% usa altri assistenti virtuali. I risultati del sondaggio hanno inoltre concluso che la proprietà degli smart speaker è cresciuta del 22%, con il 45% degli intervistati che conferma di possedere smart speaker nel 2019 e un terzo di questi utenti ne possiede più di uno. Un altro 30% degli utenti ha reagito dicendo che prevede di acquistare un altoparlante intelligente entro quest'anno. Inoltre, il 54% degli utenti di altoparlanti intelligenti li usa per automatizzare e controllare gli elementi nella loro casa intelligente. Il rapporto evidenzia anche la previsione di Gartner circa il 75% delle famiglie che possiedono smart speaker entro il 2020. Il 41% degli utenti preoccupati per la privacy Nonostante la crescente popolarità degli oratori intelligenti, il 41% dei partecipanti al sondaggio ha sollevato preoccupazioni sulla privacy, con la mancanza della riservatezza dei dati e dell'ascolto passivo sono le loro principali preoccupazioni. Più di un terzo delle persone ha dichiarato di non sentirsi a proprio agio con i dati personali condivisi con le società Internet. Per "attenuare il problema di attendibilità", Microsoft suggerisce che agli utenti devono essere offerti incentivi e premi speciali. Il sondaggio conclude che gli utenti sono disposti a scambiare le loro non-PII (informazioni di identificazione personale) tra cui età e sesso per uno sconto. Potrebbero anche essere disposti a condividere informazioni personali (informazioni personali) come nome, indirizzo email, indirizzo di casa, numero di telefono se esiste un valore aggiuntivo come una struttura di acquisto automatizzata per articoli acquistati frequentemente o opzioni di spedizione più veloci. Autenticità delle informazioni essenziali Microsoft afferma che per ottenere la fiducia degli utenti, gli assistenti virtuali devono fornire informazioni autentiche e contestuali, invece di fornire solo risultati di ricerca che aiutano gli utenti ad acquistare più prodotti, soprattutto quando rispondono a domande su argomenti sensibili. Gli Smart Assistant devono fornire risultati imparziali e verificati nella distribuzione delle informazioni oltre a offrire strumenti che garantiscano un buon equilibrio tra utilità e produttività. Il rapporto prevede inoltre che il 70% degli utenti ritenga che gli assistenti vocali effettueranno acquisti per loro conto nei prossimi cinque anni e non solo faciliteranno la propria esperienza con lo shopping online. Via: Voicebot.ai Fonte: Microsoft The post Survey: il 41% degli utenti ha problemi di privacy con l'Assistente Google, Amazon Alexa e altri assistenti vocali sono apparsi per primi su sviluppatori xda.

Commenti

commenti