Tech

Shift AI Podcast: Coltivare la prossima ondata di startup AI, con Yifan Zhang dell'AI2 Incubator

In qualità di amministratore delegato dell'Incubatore AI2, dove svolge un ruolo attivo negli investimenti nella prossima ondata di aziende AI-first, Yifan Zhang condivide una visione articolata sul ritmo e sull'impatto dell'innovazione dell'IA nella forza lavoro.
"C'è molta pubblicità intorno all'intelligenza artificiale e penso che ci vorrà più tempo perché l'intelligenza artificiale possa cambiare davvero profondamente la maggior parte delle aree di lavoro", afferma.
"Inizierà lentamente e poi arriverà tutto in una volta, ma alla fine, spero che il nostro lavoro diventi più strategico anziché più orientato all'esecuzione." Questa è una delle sue tante intuizioni in questo episodio di Shift AI, uno spettacolo che esplora ciò che serve per adattarsi ai cambiamenti del posto di lavoro nell'era digitale del lavoro remoto e dell'intelligenza artificiale.
Discutiamo dei primi successi di Yifan come fondatrice di startup ed esploriamo il suo nuovo ruolo di leader nell'ecosistema tecnologico di Seattle che incuba giovani aziende di intelligenza artificiale e le aiuta a crescere.
Ascolta di seguito e continua a leggere per i punti salienti dei suoi commenti, modificati per contesto e chiarezza.
Iscriviti a Shift AI e ascolta più episodi su ShiftAIPodcast.com.
Background e prime esperienze: sono un immigrato.
Sono venuto dalla Cina negli Stati Uniti quando avevo sette anni.
Sono cresciuto in Indiana, tra tutti i posti – non molti altri immigrati cinesi – e poi sono andato ad Harvard.
Quando ero a scuola, sicuramente non sapevo nulla di imprenditorialità.
Non sapevo che fosse possibile uscire e avviare semplicemente un'azienda.
Ma mi sono imbattuto in un gruppo che alla fine è diventato o imprenditore o VC.
È stato l'Harvard Entrepreneurship Forum a costituire la prima iterazione di molti gruppi imprenditoriali ora ad Harvard.
Così ho fondato la mia prima azienda, GymPact, praticamente subito dopo la laurea.
Avevo 22 anni quando ho fondato quell'azienda.
Prima esperienza di avvio: GymPact si basava su un articolo che ho scritto durante il mio ultimo anno ad Harvard sugli incentivi finanziari, in particolare sugli incentivi negativi e sulla capacità di motivare un cambiamento comportamentale davvero duro.
Quindi era un'app per il fitness ed è diventata una delle migliori app per il fitness all'epoca, nell'era del 2012, 2015.
Eravamo l'app che ti addebitava i costi per non fare esercizio e ti pagava se lo facevi.
Quindi utilizziamo la motivazione finanziaria per monitorare il tuo esercizio e verificare di creare realmente un sistema di incentivi per guidare il cambiamento del comportamento.
Ora, guardando indietro, la gente pensa che sia un caso d'uso davvero ovvio, ma penso che all'epoca fosse visto come davvero folle e fuori dal comune.
I telefoni cellulari erano nuovi, le app mobili erano nuove e l’idea di utilizzare incentivi finanziari del genere attirò molta attenzione.
Un focus sull'edilizia abitativa: ho fondato la mia seconda società, Loftium, che è una startup di alloggi a prezzi accessibili.
Aiutiamo le persone a diventare proprietari di casa creando parte della loro casa, un affitto a breve termine che genera reddito in modo che possano risparmiare un acconto e diventare proprietari di casa entro tre anni.
Lo chiamiamo "host to own".
Ho fondato quell'azienda qui a Seattle dopo aver viaggiato per un po' e vissuto in diverse città e aver deciso che Seattle era davvero un'ottima base per avviare un'altra azienda.
Loftium ha raccolto quasi 30 milioni di dollari in capitale di rischio e poi ha messo insieme quasi 100 milioni di dollari in debito garantito da attività per poter effettivamente possedere beni immobili in tutto il paese.
E abbiamo venduto quell'azienda a Flyhomes qui a Seattle all'inizio dell'anno scorso, nel 2023.
L'approccio unico di AI2 Incubator alle startup: in questo momento, ci sono molte soluzioni "pronte all'uso" nell'intelligenza artificiale, soprattutto dopo il lancio di ChatGPT , ma riteniamo che le soluzioni pronte all'uso siano valide solo per l'80% di ciò che è accettabile per un cliente reale.
È davvero facile costruire un prototipo abbagliante in questo momento.
È molto difficile trasformare quel prototipo in qualcosa che sia effettivamente utilizzabile, come un MVP.
AI2 Incubator è davvero alla ricerca di quei casi d'uso in cui pensiamo di poter aiutare un'azienda a passare dall'80% al 90%, 95%, qualunque sia l'accettabilità nell'arco temporale di una startup.
Quindi sono meno di due anni con un budget pre-seed o seed.
Le tre T della costruzione aziendale: all'incubatore ho parlato con le nostre aziende di quelle che io chiamo le tre T.
Ciò che gli investitori cercano è il team, la trazione e la tecnologia e, a seconda della fase in cui ti trovi, che tu sia pre-seed o seed, devi spuntare una, due o tre di queste T.
Dipende anche da quanto è pubblicizzato il ciclo VC.
Penso che in questo momento, dato che VC è molto più difficile, anche nell'intelligenza artificiale, stiamo incoraggiando i nostri fondatori a essere in grado di spuntare almeno due di queste T e idealmente fare progressi sulla terza T, ma puoi scegliere quale T sei stai spuntando.
Scegliere l'incubatore AI2 rispetto ai ruoli di investitore standard: in realtà non avevo pensato di passare al lato degli investitori, ma ho trovato il modello dell'incubatore molto interessante.
C'è molto spazio per me come fondatore per aiutare le aziende e lavorare direttamente con loro invece di essere un investitore standard, dove ti limiti a inseguire un accordo, selezionare i fondatori e poi in realtà non ottieni dedicare così tanto tempo al processo di costruzione.
Mi piace molto il processo dell'incubatore e il fatto che AI2 Incubator non sia un programma basato su coorti.
Pensiamo a noi stessi come a un co-fondatore che riceve un assegno da $ 500.000.
Abbiamo investito denaro, tempo e competenze e personalmente ne sono rimasto molto attratto.
Il futuro del lavoro: penso che il futuro del lavoro dopo l’intelligenza artificiale sarà strategico.
C'è molto clamore intorno all'intelligenza artificiale e penso che ci vorrà più tempo perché l'intelligenza artificiale cambi davvero profondamente la maggior parte delle aree di lavoro.
Inizierà lentamente e poi arriverà tutto in una volta, ma alla fine, spero che il nostro lavoro diventi più strategico anziché più orientato all'esecuzione.
Trascorriamo gran parte del nostro tempo in cose che richiedono più tempo del dovuto e cerchiamo di automatizzarlo e ottimizzarlo il più possibile…
e speriamo che ci sia ancora un ruolo per noi.
Potrei vederlo e sarei molto felice con quel tipo di mondo.
Ascolta l'episodio completo di Shift AI con l'amministratore delegato dell'incubatore AI2 Yifan Zhang qui.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d