Tech

Nonostante il rallentamento del capitale di rischio, questi investitori rimangono ottimisti su Seattle

Esistono parallelismi tra la recente flessione del mercato tecnologico e la bolla delle dot-com.
Ma i venture capitalist di Seattle rimangono ottimisti sul futuro della regione, ispirati dall'abbondante pool di talenti e dall'ascesa dell'intelligenza artificiale generativa.
Questo è un punto chiave di una serie di tavole rotonde al Seattle Venture Day, ospitato mercoledì sera nel centro di Seattle dall'acceleratore OneSixOne di Gainesville, in Florida.
Dopo aver raggiunto un livello di investimento record nel 2021, i venture capitalist hanno recentemente ridotto il loro ritmo di implementazione.
Negli ultimi due anni, gli investitori hanno spostato la loro attenzione verso startup redditizie, esercitando cautela nell'allocazione del capitale.
Le startup di Seattle hanno raccolto solo 1,11 miliardi di dollari in 116 accordi durante la prima metà dell'anno, rispetto ai 4,02 miliardi di dollari in 188 accordi durante lo stesso periodo dell'anno scorso, secondo un'analisi dei finanziamenti di Ernst & Young.
In mezzo alla recessione, alcune startup non sono state in grado di soddisfare le loro ambiziose previsioni finanziarie, con potenziali clienti che hanno ridotto i costi.
Ciò si traduce in una rapida svalutazione delle società, simile all'era delle dot-com.
"Siamo in una fase del ciclo – molto simile alla fine degli anni '90 – in cui le entrate non sono lì per supportare molte delle valutazioni", ha affermato Kirby Winfield, socio accomandatario fondatore della società di venture capital di Seattle Ascend.
I turni al ribasso, che coinvolgono le startup che raccolgono fondi a una valutazione inferiore rispetto al precedente round di finanziamento, hanno rappresentato quasi il 20% di tutti gli investimenti di rischio nel primo trimestre, secondo i dati della società di software di valutazione Carta.
Winfield ha descritto il mercato tecnologico durante la bolla delle dot-com come uno "spettacolo del terrore", aggiungendo che non si è ripreso per almeno quattro anni da quando è iniziato.
Alla domanda su come si confronta con l'attuale mercato al ribasso, ha detto "probabilmente ci resteremo ancora per un paio d'anni".
Ci sono stati alcuni segnali di miglioramento.
Durante il secondo trimestre dell'anno, secondo un recente studio di Carta, la dimensione media dei round di finanziamento di rischio di serie da A a D è aumentata.
Bill McAleer, amministratore delegato di Voyager Capital di Seattle, ha affermato che ci sono tre fattori in gioco che innescano un potenziale rimbalzo negli investimenti in startup: i lavoratori tecnologici recentemente licenziati da aziende più grandi stanno cercando nuove opportunità nelle startup; le società in fase iniziale vengono riprese a valutazioni inferiori, a vantaggio dei venture capitalist; e la recente crescita nell'adozione dell'adozione dell'IA generativa.
Ha affermato che il mercato degli strumenti di intelligenza artificiale rivaleggia o supera l'impatto della tecnologia cloud.
TA McCann, amministratore delegato dei Pioneer Square Labs di Seattle, ha affermato che lui e altri imprenditori hanno lavorato su strumenti di intelligenza artificiale dall'inizio degli anni 2000.
Tuttavia, la recente introduzione di strumenti orientati al consumatore come ChatGPT ha reso questa tecnologia più accessibile a un pubblico più ampio.
McCann ha affermato che l'entusiasmo che circonda questi strumenti gli ricorda l'impatto trasformativo che i browser Web hanno avuto nel 1995, rendendo Internet accessibile a un mercato più ampio.
Emer Dooley, responsabile del sito presso il Creative Destruction Lab dell'Università di Washington, ha affermato che strumenti come ChatGPT si concentrano esclusivamente sul testo.
Crede che il potenziale dell'intelligenza artificiale vada ben oltre i chatbot e possa avere un impatto in settori più importanti come la produzione.
Winfield ha affermato che la sua società di venture capital si sta concentrando sulle società di Seattle.
Ha citato il fatto che l'ecosistema ha sviluppato una serie di "rampe di uscita" che consentono ai migliori talenti tecnologici di aziende come Microsoft, Amazon e altri di passare rapidamente a ruoli di startup, simili alla Silicon Valley.
Ha detto che la regione ha anche dimostrato la sua capacità di produrre "unicorni", con uscite degne di nota come Tableau, Auth0 e Docusign.
"Penso che l'ecosistema nel suo insieme sia pronto a decollare", ha detto.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d