Tech

Microsoft cerca di affrontare le preoccupazioni del lavoro sull'intelligenza artificiale con il nuovo patto AFL-CIO e un "quadro di neutralità"

Microsoft ha annunciato un nuovo accordo con l'AFL-CIO, la più grande federazione di sindacati del paese, che cerca di affrontare le preoccupazioni sull'impatto dell'intelligenza artificiale sui lavoratori americani come parte di una campagna pubblica concertata dal gigante tecnologico per separarsi dai suoi rivali del settore sulla questione.
L’AFL-CIO e Microsoft hanno affermato che l’accordo include un “quadro di neutralità” che si applicherà ai futuri sforzi dei lavoratori di organizzarsi in sindacati affiliati.
Hanno affermato che il quadro conferma “un impegno congiunto a rispettare il diritto dei dipendenti a formare o aderire a sindacati, a sviluppare rapporti positivi e cooperativi tra direzione del lavoro e a negoziare accordi di contrattazione collettiva che sosterranno i lavoratori in un’era di rapidi cambiamenti tecnologici”.
L’intelligenza artificiale è emersa come una questione cruciale in un’ampia gamma di trattative sindacali nell’ultimo anno, compresi gli scioperi ormai risolti degli sceneggiatori e degli attori di Hollywood.
Microsoft ha svolto un ruolo chiave nell’aprire gli occhi del mondo sui vantaggi e sui rischi dell’intelligenza artificiale generativa attraverso la sua partnership con OpenAI, produttore di ChatGPT.
La scorsa settimana gli azionisti hanno votato contro una risoluzione che invitava Microsoft a rallentare il ritmo di sviluppo dell’intelligenza artificiale per studiare più da vicino gli impatti della tecnologia.
Il nuovo accordo sindacale dell'azienda, descritto come il primo nel suo genere incentrato sull'intelligenza artificiale, è stato annunciato lunedì mattina durante un evento a Washington, DC, dal presidente dell'AFL-CIO Liz Shuler e dal presidente di Microsoft Brad Smith.
Tra il pubblico c'era il presidente della United Auto Workers Shawn Fain, fresco dello sciopero riuscito della UAW contro le principali case automobilistiche.
Tra i relatori figurava Claude Cummings Jr., presidente dei Communications Workers of America, che aveva stretto un precedente accordo con Microsoft relativo all'acquisizione delle società di giochi Activision-Blizzard e ZeniMax.
"Credo che i giovani oggi siano interessati ad aderire ai sindacati", ha detto Cummings.
"Vedrete alcune delle più grandi giovani menti fuggire da quelle altre società tecnologiche e venire a Microsoft a causa di questo accordo." Nelle negoziazioni con ZeniMax sul primo contratto collettivo statunitense di Microsoft, secondo quanto riferito, Microsoft ha fatto delle concessioni sull'intelligenza artificiale e ha accettato di convertire alcuni lavoratori da appaltatori a dipendenti.
La svolta di Microsoft sulle questioni sindacali, iniziata lo scorso anno, contrasta con la sua passata opposizione all'organizzazione sindacale della sua forza lavoro.
Con una valutazione di 2,75 trilioni di dollari, oggi Microsoft può permettersi di posizionarsi come “adulta nella stanza”.
Anche se Microsoft ha espresso neutralità sul concetto di sindacato al suo interno, l’azienda deve ancora vedere il movimento dei lavoratori prendere piede nei suoi ranghi principali di dipendenti ingegneristici o aziendali statunitensi.
Le attività finora si sono concentrate in gran parte sulle società di videogiochi acquisite da Microsoft, in settori quali test e controllo qualità, dove storicamente i sindacati hanno avuto più slancio.
Altri giganti della tecnologia, tra cui Amazon, rivale di Microsoft, hanno adottato un approccio più conflittuale nei confronti dei movimenti sindacali all’interno della loro forza lavoro.
Interrogato durante l'evento di lunedì sulla possibilità che la società di Redmond serva da modello per l'industria, Smith ha detto di essere riluttante a predicare ad altri sulla questione.
"Voglio sempre essere rispettoso del diritto di ognuno di prendere le proprie decisioni", ha risposto Amith.
“Ma penso che siamo un settore che tende a imparare dal successo.
Quindi abbiamo l’opportunità di creare un nuovo successo e sospetto che, mentre lo facciamo, altri si affretteranno a seguirci”.
Altri punti chiave dell’evento includevano: Coinvolgere i lavoratori nello sviluppo di strumenti di intelligenza artificiale fin dall’inizio per aiutare ad anticipare gli impatti e le esigenze di protezioni/normative che i politici potrebbero non prevedere.
Aiutare i lavoratori nella transizione da un lavoro all'altro man mano che vengono creati nuovi tipi di lavoro, sostenendo l'istruzione professionale/tecnica, l'apprendistato e la formazione professionale.
Affrontare il potenziale spostamento di posti di lavoro dall’intelligenza artificiale esplorando come la tecnologia può essere utilizzata per aumentare la produttività e potenzialmente i salari, piuttosto che sostituire esclusivamente i ruoli umani.
Guarda uno streaming live archiviato qui sopra.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d