Tech

L’intelligenza artificiale può essere olistica nello spirito, nell’anima, nel corpo e nella mente? Approfondimenti dalla conferenza PowerHER a Seattle

Dopo un pomeriggio caratterizzato da leader aziendali stimolanti, pause di consapevolezza di gruppo e attività per aiutare i partecipanti a entrare in contatto con il loro sé autentico nel lavoro e nella vita personale, una domanda del pubblico sull'intelligenza artificiale sembrava naturale.
"Pensi che l'intelligenza artificiale abbia la capacità di essere olistica nel suo processo di pensiero, nello spirito, nell'anima, nel corpo e nella mente?" ha chiesto Dolores Gill-Schoenmakers di Unify Consulting, partecipante alla conferenza, verso la fine di un panel con donne leader nel campo della tecnologia alla conferenza PowerHER di JPMorgan Chase mercoledì a Seattle.
"Sembra il titolo di un articolo davvero eccezionale su TechCrunch", ha risposto la relatrice Nancy Wang, venture partner di Felicis Ventures, fondatrice e presidente del consiglio di amministrazione di Advancing Women in Tech ed ex direttore generale di Amazon Web Services, suscitando le risate della folla all'evento.
Sala Benaroya.
Meglio ancora, un articolo di GeekWire! “Credo che siamo sulla strada verso quella che chiameremmo intelligenza generale artificiale, o AGI.
Non penso che siamo ancora arrivati”, ha detto Wang, citando la necessità di osservabilità e controlli per garantire che l’intelligenza artificiale sia etica, imparziale ed equa.
Wang ha continuato: “Le impalcature non sono del tutto a posto in questo momento.
Mi fiderei che fosse olistico? Non ancora, ma come tecnologo sono ottimista”.
Lo scambio ha sottolineato la dualità che si trova ad affrontare un settore e un mondo sempre più intimorito dalle capacità dell’intelligenza artificiale generativa e scoraggiato dalle implicazioni dell’intelligenza artificiale per l’umanità.
L'altro relatore, Sinead O'Donovan, è vicepresidente Microsoft della gestione dei prodotti per la linea di prodotti SSE (Security Service Edge) come parte della piattaforma di identità e accesso alla rete Entra.
È stata attenta a sottolineare che non è coinvolta nelle iniziative Copilot di Microsoft, ma ha affermato di abbracciare la visione dell'intelligenza artificiale che funge da assistente per il lavoro e la vita.
Allo stesso tempo, ha riconosciuto alcune preoccupazioni più grandi.
“Penso che cambierà tutto.
Ed è la prima volta per me, personalmente, che ho un po' paura", ha detto O'Donovan, citando il precedente della società che non ha compreso appieno l'impatto dei social media finché non è stato troppo tardi.
Ha continuato: "L'intelligenza artificiale è appena agli inizi e penso che le conseguenze siano ancora maggiori, a causa della sua capacità di influenzare ciò che pensiamo…
Se è sbagliata, se non è etica, se è nelle mani sbagliate, penso che il suo impatto sia profondo".
.” La moderatrice del panel, Monika Panpaliya, capo del Global Technology Product & Agility Office di JPMorgan Chase & Co., ha scherzato all'inizio dicendo che forse ChatGPT potrebbe condurre altrettanto bene il panel.
Wang ha cercato di dissipare Panpaliya da quella nozione quando l'argomento dell'intelligenza artificiale è emerso più tardi nella sessione, assicurandole che nessuna intelligenza artificiale poteva essere paragonata.
Tuttavia, il crescente utilizzo di ampi modelli linguistici e di intelligenza artificiale generativa da parte delle grandi aziende significa che “sempre più decisioni verranno prese da questi modelli”, ha affermato Wang.
“Il che ci porta a una domanda finale: questi modelli sono equi? Sono imparziali? Sono accurati?" Wang ha detto che questo era il suo pensiero principale a causa di una conversazione avvenuta quel pomeriggio con una donna che ha fondato un'azienda focalizzata sull'osservabilità dei modelli e sulla strumentazione di precisione.
"Questo è davvero ciò di cui sono entusiasta", ha detto Wang.
“Perché se vogliamo fare affidamento su questa nuova tecnologia per aiutarci a prendere decisioni migliori, prendere decisioni più rapide, allora dobbiamo essere sicuri che queste tecnologie stesse non siano parziali e siano giuste”.
Ma che dire della persona la cui domanda ha fornito il nostro titolo? Mi sono collegata su LinkedIn e ho parlato al telefono oggi con Dolores Gill-Schoenmakers per saperne di più sul suo background e per chiederle perché la capacità dell'intelligenza artificiale di essere olistica nello spirito, nell'anima, nel corpo e nella mente fosse per lei una priorità.
Gill-Schoenmakers ha spiegato che lavora in un ruolo di consulenza nel team di automazione intelligente di Microsoft, focalizzato sulle comunicazioni di marketing e sulle strategie di crescita.
(Stava parlando con me a titolo personale.) Negli ultimi dieci anni si è preoccupata del fatto che le decisioni aziendali sono troppo spesso basate su ciò che suona bene e ciò che è di tendenza, senza analizzare il pieno impatto sull'umanità nel lungo periodo, ha detto.
.
“Se ti fermassi un attimo e conciliassi la redditività, il conto profitti e perdite, con il profitto e la perdita dell’umanità, prenderesti le stesse decisioni?” ha detto, citando come esempi l'impatto dei social media sul comportamento umano e i servizi di ride-hailing e di consegna sull'ambiente.
Lei ha aggiunto.
“Non possiamo parlare da entrambi i lati della bocca e dire: 'Vogliamo un mondo migliore'.
Vogliamo acqua più pulita, vogliamo il controllo del clima”, ma non permettiamo che si insinuino nelle nostre attività in generale.
Non permettiamo che penetri nell'ideologia della gestione del prodotto.
Vogliamo sistemare le cose dopo.
E ci costa miliardi e miliardi di dollari”.
Parlando del tema della conferenza, ha affermato che le donne svolgeranno un ruolo chiave nel sollevare queste questioni e nel garantire che le imprese operino da questa visione olistica.
"Sento che l'intelligenza artificiale ha un posto nel mondo, nell'aiutare gli esseri umani a elevare la propria creatività e la propria produttività", ha detto, "ma non dovremmo essere così presi dalle tendenze da mettere l'intelligenza artificiale al di sopra degli umani".
L'evento faceva parte dell'iniziativa Women on the Move di JP Morgan Chase & Co.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d