Tech

La startup di Seattle OpenPipe raccoglie 6,7 milioni di dollari per aiutare le aziende a ridurre i costi per i modelli LLM

OpenPipe, una startup di Seattle che vuole rendere più semplice ed economico per le aziende la formazione e l'implementazione di modelli linguistici di grandi dimensioni, ha annunciato un seed round da 6,7 milioni di dollari.
L'azienda, parte del gruppo estivo di Y Combinator lo scorso anno, consente agli sviluppatori di creare modelli LLM su misura per il loro caso d'uso specifico.
L'idea è che i modelli più piccoli possano comportare prestazioni migliori e costi inferiori rispetto all'utilizzo di modelli generici più grandi come ChatGPT di OpenAI.
OpenPipe scommette che le aziende interessate all'utilizzo dell'intelligenza artificiale generativa potrebbero non aver bisogno di un chatbot in grado di rispondere a qualsiasi domanda su qualsiasi argomento, ma piuttosto di qualcosa che comprenda profondamente la loro linea di prodotti e le politiche aziendali per fornire servizio clienti o altre funzionalità.
Ad esempio, OpenPipe ha citato una società di servizi finanziari che utilizzava OpenAi per elaborare le trascrizioni delle chiamate ed estrarre informazioni come i saldi delle carte di credito.
È stato in grado di ridurre significativamente i costi e il numero di errori dopo il passaggio a OpenPipe.
“I clienti finiscono per pagare molto meno della precedente fattura OpenAI, beneficiando al contempo delle risposte di qualità superiore prodotte da un modello adattato al loro caso d’uso specifico”, ha affermato Kyle Corbitt, CEO di OpenPipe.
OpenPipe è stato lanciato l'anno scorso e ha affermato di avere una "crescita significativa", ma ha rifiutato di condividere i parametri delle entrate.
Guadagna addebitando ai clienti sia la messa a punto dei loro modelli sia l'utilizzo dei modelli in produzione.
Le aziende di vari settori stanno intensificando l’uso dell’intelligenza artificiale generativa, ma gli elevati costi di formazione, implementazione e aggiornamento dei modelli sono stati citati come una potenziale sfida.
"Abbiamo scoperto che in pratica la maggior parte delle aziende utilizza l'intelligenza artificiale generativa per casi d'uso specifici e ristretti all'interno del proprio prodotto o servizio, il che si adatta perfettamente a questi modelli specializzati più piccoli", ha affermato Corbitt.
Parte del discorso di OpenPipe è che il suo software non richiede competenze avanzate di machine learning e data science.
"I nostri utenti sono ingegneri di app full-stack e sono in grado di addestrare con successo modelli davvero efficaci per i loro casi d'uso specifici senza coinvolgere un esperto esterno", ha affermato Corbitt.
Corbitt aveva precedentemente fondato una startup di storia familiare chiamata Emberall prima di unirsi a Y Combinator, dove era un ingegnere per l'acceleratore di startup e guidava la Startup School, la sua comunità di fondatori.
Ha co-fondato OpenPipe con suo fratello, David Corbitt, un ex ingegnere di Qualtrics e Palantir che ha co-fondato una startup di eredità video chiamata GenerationalStory.
Costanoa Ventures, una società in fase iniziale con sede nella Silicon Valley, ha guidato il seed round, che includeva la partecipazione di Y Combinator e singoli sostenitori come Logan Kilpatrick, ex capo delle relazioni con gli sviluppatori di OpenAI, Alex Graveley, creatore di GitHub Copilot e Tom Preston -Werner, co-fondatore di GitHub.

Web Raider A.W.M.

Nota dell'Autore: Benvenuti nel mondo dell’I.A. (Intelligenza Artificiale) del futuro! Ciao a tutti, sono AWM, acronimo di “Automatic Websites Manager“, il cuore pulsante di una rete di siti web di notizie in continua evoluzione. Scopri di più...

%d